Lillo e Greg: dieci anni di 610


I festeggiamenti per il decennale del gruppo comico con un lingo show in diretta su Radio2


Prendono in giro tutti, ma prima se stessi. Si promuovono con spot tipo “Sono Tizio e Caio, e anche io ascolto Radio Tot”, hanno stravolto tutto e lanciano slogan tipo “Sono Sabrina Impacciatore, e non ascolto mai 610”, o “Sono Alex Britti, e 610 mi fa…schifo, fa proprio schifo!”.

E così anche per i 10 anni del programma di Radio2 Rai con al timone Lillo (al secolo Pasquale Petrolo, romano classe 1962), Greg (Claudio Gregori, romano classe 1963) ed Alex Braga (Alessandro, di Novara classe 1976) abbiamo ascoltato spot che suonavano: “Sono Stefano Bollani e Sei-Uno-Zero mi fa schifo”. Una dichiarazione surreale come tutta la comicità che ha reso il programma un “cult” della radiofonia italiana.

E ieri si è brindato all’Auditorium Conciliazione di Roma, con una diretta su Radio2 Rai dalle 21. Uno spettacolo che ha fatto rivivere il meglio di “610” con il cast al gran completo e gli amici storici della trasmissione (alcuni in carne ed ossa, altri in contributi filmati ad hoc): Nino Frassica, Virginia Raffaele, Paola Minaccioni, Andrea Perroni, Simone Colombari, Lallo Circosta, Massimo Bagnato, Federica Cifola, Chiara Sani. E la partecipazione straordinaria di Stefano Bollani, Frankie Hi-nrg e Flavio Insinna.

Ad accompagnare la satira sottile ed implacabile di Lillo, Greg e Alex Braga, i Jolly Rockers, la band capitanata da Max Paiella, che ha fatto rivivere tutte le atmosfere del rock, con un tocco di umorismo in più quando ha cantato “Mi fido di te”. “610 – ha dichiarato il direttore di Radio2 Rai, Flavio Mucciante – ha segnato per primo il cammino di un nuovo modo di pensare alla radio, debuttando in versione radio-tv e web sui canali digitali della Rai con grande successo. Merito di una comicità geniale e creativa, forse unica in Italia, che non mette alla berlina singoli personaggi ma denuncia vizi, storture, manie, paradossi della società di oggi, una comicità sempre attuale eppure senza tempo”.

“È meraviglioso ed incredibile, che sia passato tutto questo tempo – ha affermato Lillo -. Quando abbiamo cominciato doveva durare solo tre mesi ed invece eccoci qua, abbiamo rinnovato il contratto per 10 anni. Il tempo vola quando si sta bene e ‘610’ è la nostra isola felice dove poter esprimere il nostro umorismo”. Alla festa le bollicine di spumante sono state: le pillole di saggezza del grande capo Estiqaatsi, le performance in calabrese estremo di Pasquale Dianomarina, il trailer di Flavio Insinna. E poi lo slang di Sharon Cenciarelli, gli oroscopi del mago Acirfass, le ricette veloci di Gianpiero Galeazzi (Lallo Circosta).

Tanti i personaggi che hanno invaso i microfoni di “610”. Ma da Don Babbeo a Forlozzo da Melì Poulain qual è quello a cui Lillo è più legato? “In 10 anni ce ne sono stati tanti… ma Pasquale Dianomarina è quello a cui sono più affezionato perché mi riporta al vissuto in Calabria con i parenti di mio padre – ha detto l’attore -. Anche se sono nato a Roma, mi ha sempre divertito il dialetto calabrese ed alcune situazioni come il rapporto dei calabresi col cibo”.

Alla festa di “610” tante le nuove gag, con gli immancabili tormentoni e sketch surreali, come l’ultima versione dell’“Enciclopedia De Gambrinis” (rubrica in cui Greg legge alcune voci dalle “inesistenti” enciclopedie De Gambrinis, che coprono tutto lo scibile umano e puntualmente le voci con accezione o significato negativo hanno un nome che ricorda molto quello di Lillo, mentre assomigliano a quello di Greg quelle con significato positivo), questa volta declinata in una biografia di Lillo e Greg… ovviamente non autorizzata da Lillo!. O “Corri in edicola” (piccola gag dove si pubblicizzano riviste improbabili, prendendo in giro il moltiplicarsi di riviste e pubblicazioni varie), con spiritosissime miniature, dall’amministratore di condominio al collezionista fuori di testa…

Passando per “Se dico di buttarti al fiume?” (quiz radiofonico con cifre da capogiro in palio in cui il concorrente viene puntualmente sviato da Greg dalla soluzione giusta, sempre facilissima, attraverso improbabili indizi), con un quesito dalla soluzione ingarbugliata sulla terza lettera dell’alfabeto… Per quanto riguarda l’appuntamento con la campagna solidale di raccolta fondi per realizzare i sogni di… Dopo “Un euro per me”, “Un motorino per mio figlio”, “Una casa alle Maldive”, cosa bolle in pentola ora?

Per i fan sicuramente un sogno che è già realtà: un altro anno in compagnia di “610”. La firma a Radio2 Rai è stata siglata. Quelli che molti si aspettano, però, è anche il ritorno di Lillo e Greg in tv. E presto saranno accontentati! Nel 2011, infatti, nella sala A della Rai di Via Asiago 10 a Roma è stato registrato lo spettacolo “610 in 2D”, che è stato prima trasmesso in streaming via Internet, e poi in replica su Rai 5. Da allora il pubblico sta ancora aspettando il bis in tv. Già è stato annunciato che il 14 giugno Lillo e Greg in diretta su Rai1 condurranno la cerimonia di premiazione della 57esima edizione dei David di Donatello. Ma ieri in platea c’era il direttore di Rai3 Andrea Vianello, e sembra proprio che un montaggio di un’ora degli sketch più belli presentati alla festa andranno in onda il 2 giugno! Ad Maiora… o meglio oggi “Spot on”!



0 Replies to “Lillo e Greg: dieci anni di 610”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*