Adam Kadmon- Rivelazioni: la quinta puntata


tutti i servizi presentati nel corso della serata nel programma di Italia 1


Il quinto appuntamento con Adam Kadmon- Rivelazioni segue il medesimo trend delle puntate precedenti. Siamo su Italia 1 in prima serata. Infatti Adam Kadmon inizia presentandosi e affermando di aver dato notizie che successivamente si sono rivelate vere.

                                                                                        

 Temete la maschera degli altri, non la mia che almeno si vede, ripete oramai da cinque puntate. Ed eccoci al Sacro Gral che sarebbe soltanto la dimostrazione che la Maddalena avrebbe amato Gesù Cristo dandogli dei figli.

Si racconta, partendo dal Sacro Gral, la storia dei Templari. Il servizio spiega che i Templari fanno voto di obbedienza e castità e che guadagnarono un grande rispetto per le vittorie riportate nella difesa della cristianità. Si ipotizza che Santo Gral significhi “sangue reale” ovvero la discendenza di Cristo. Si va avanti nei secoli e si svela che secondo la leggenda ci sarebbe una storia segreta dei Templari.  Naturalmente i riferimenti a Il codice Da Vinci di Dan Brown si sprecano. 

Ed eccoci alla teoria della cospirazione che, dice il conduttore, è diventata “informazione di massa”. E se ci fosse una teoria complottistica anche sull’incidente che ha avuto il giocatore Neymar durante la partita del Brasile con la Colombia nell’ultimo mondiale? Insomma se Neymar fosse stato complice di un inesistente infortunio per giustificare i costi esorbitanti del Mondiale inviso al popolo?. Si ipotizza persino una presunta lesione che sarebbe servita al giocatore per guarire di un’altra “sofferenza” fisica in vista del prossimo campionato.. E l’infortunio addirittura sarebbe stato “predetto” in una puntata dei Simpson.

Suicio di massa dei cetacei? No,il fenomeno  dipende da altro. Dallo scempio che l’uomo ha fatto dell’ecosistema, in particolare dalle esercitazioni militari.Prima della pubblicità viene anticipato il servizio successivo: è sull’energia che si sprigiona da un rapporto sessuale che viene utllizzata per determinati scopi.

Invece ecco che ci viene presentato un servizio sul condizionamento mentale: un altro leit motiv di tutte le puntate. Ecco il mentalista e illusionista Harvey che spiega, leggendo una favola dinanzi ad una scacchiera, la tecnica del riflesso condizionato di Pavlov. Si serve di una “ignara” giovane donna che posiziona gli scacchi su posizioni che erano state precedentemente stabilite dal mentalista.

Poi accenni alla pecora clonata alla cometa, aldiscorso di Malcom. E arriva la liberatoria pubblicità. Che nel caso di questo programma è sempre troppo breve ed è l’unico segmento “comprensibile”

Ancora la massoneria. Continua l’intervista al grande capo massonico che si protrae da quattro puntate. Si tratta di Claudio Bonvecchio, Grande Oratore del Grande Oriente d’Italia.

Ed eccoci alla energia sessuale, o meglio alla magia sessuale. Scorrono sullo schermo immagini di accoppiamenti, mentre la voce narrante spiega cosa accade all’energoia sessuale e a come viene utilizzata per scopi di potere. A noi son sembrati solo pretesti per far passare certe immagini non certo da collegiali. In particoalre ci vengono spiegati i i riti di Aleister Crowley che affascinarono i Beatles, i Rolling Stones, gli Iron Maiden, Jimmy Page e Marilyn Manson. Crowley che fu allontanato dall’Italia durante il regime fascista, miscelava  sesso, droga e alcol. Pensava che l’uomo è Dio.

Ancora! E se Lady Gaga fosse manipolata dagli Illuminati? E se fosse lei stessa una Illuminata? Argomenti non nuovi che si ripetono di puntata in puntata. Altrimenti come si fa a riempire otto lunghe settimane? La teoria complottista vorrebbe che Lady Gaga sia l’erede di Andy Warhol. Senza parole.

Si continua, senza tregua. Adesso tocca agli Anomymous. Chi sono? Si tratta di un movimento apolitico che  rivendica la sua autonomia in quanto non controllato da nessun potere. Ribadisce che dietro le maschere che i componenti indossano, tutti sono uguali. Perciò combattono contro ogni tipo di disinformazione.

Ed eccoci ad un servizio sulla morte di Lady Diana. Un ennesimo servizio, ne abbiamo visti e ascoltati tanti.E questo non propone nulla di sconvolgentemente nuovo. Viene riesaminato l’incidente di cui fu vittima la principessa, a iniziare dall’autista  che non sarebbe stato ubriaco: secondo la teoria del complotto avrebbe avuto contatti con servizi segreti inglesi e di altri paesi. Si ipotizza che la dinamica dell’incidente sia diversa da quella che è stata diffusa e si parla di un’auto misteriosa guidata da un fotografo (trovato morto successivamente) che avrebbe accecato l’autista con un poterte faro.

Ed eccoci alla morte di Bin Laden. Si parte dalle dichiarazioni recenti di un militare americano che sostiene di essere stato lui ad ammazzare Bin Laden. E si è proposta l’ipotesi fantasiosa secondo cui il blitz per catturare il capo el terrorismo sarebbe una messa in scena perchè Bin Laden sarebbe morto 10 anni prima. La notizia sarebbe stata tenuta segreta prima da Bush e poi da Obama per opportunità politiche e giustificare interventi anti- terrorismo che altrimenti non sarebbero stati accettati.

 Dopo va in onda un servizio su una stranissima malattia dal nome Sindrome di Morgellos: comporta disturbi psichiatrici e fisiologici. Adam Kadmon, propone, tra le tante ipotesi, che si possa trattare di un’infezione procurata da sostanze portate sulla terra da alieni.

Segue un brevissimo flash sulla strage di Ustica di cui non si conosce ancora la verità.

Ecco un servizio sull’omofobia.Ci si chiede da dove nasce l’accanimento contro le relazione affettive di persone dello stesso sesso.  Superata la vecchia concezione che si tratti di una malattia, si ipotizza che sia, invece, una forma di violenza utilizzata dai poteri forti per distogliere l’atenzione del grande pubblico dai veri problemi che assillano la società attuale.

E per finire, ecco una bella notizia: volete sapere come potrebbe avvenire la fine del mondo? Kadmon presenta la Top ten delle apocalissi. Ovvero le dieci possibili sciagure planetarie che distruggeranno il mondo. Giusto per rallegrare la serata e farci credre nel futuro.

Segue un flash per combattere la violenza sulle donne e poi… ecco comparire di nuovo gli Illuminati. E subito dopo ancora gli alieni.

La puntata, finalmente, si chiude. Con l’ennesimo “abbraccio” di Alan Kadmon e con l’ennesimo nostro sospiro di sollievo.



0 Replies to “Adam Kadmon- Rivelazioni: la quinta puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*