Agon Channel, la tv albanese pronta al debutto in Italia


I nomi del nostro piccolo schermo passati alla tv albanese


Mancano pochi giorni all’accensione di Agon Channel: il canale infatti, in onda sul canale 33 del digitale terrestre, inizierà la trasmissioni mercoledì 26 novembre. La rete albanese, uno dei cui volti di punta è l’ex conduttore di Matrix Alessio Vinci, apre così un canale in italiano: la sede rimane a Tirana, ma sarà trasmesso in chiaro sul nostro territorio nazionale.

Diversi i volti del piccolo schermo italico pronti a sbarcare su Agon Channel: Pupo, Maddalena Corvaglia, Sabrina Ferilli e, infine, Antonio Caprarica.

Da quanto emerso, anche in relazione ai casting di cui vi abbiamo parlato alcuni mesi fa, la programmazione di Agon Channel sarà dedicata soprattutto al genere del reality. Maddalena Corvaglia ad esempio, condurrà un talent sui bodyguard intitolato appunto My Bodyguard. Nello show i concorrenti dovranno sottoporsi a prove di autocontrollo, resistenza fisica e mentale.
Sabrina Ferilli, interprete del film premio Oscar La grande bellezza, sveste i panni dell’attrice e di giurata di Amici, per indossare quelli di conduttrice. Le è stato infatti affidato il talk show del sabato sera Contratto, dove intervisterà un personaggio del mondo dello spettacolo; al termine della puntata, da qui il nome del programma, l’ospite sottoscriverà un contratto con il pubblico. Che l’ispirazione venga da Bruno Vespa?
Passiamo a Pupo, al secolo Enzo Ghinazzi, nominato direttore editoriale e capo progetto del settore game show. Sarà protagonista di Una canzone per 100.000, che debutterà il giorno stesso in cui verrà lanciato il canale. Si tratta di un game show a tema musicale, che però non sarà il suo unico impegno: in futuro infatti, sarà la volta di A fior di pelle, dedicato all’arte del body painting.
Ricordiamo che tra i casting itineranti per la penisola, ve ne era anche uno per calciatori. Non è un caso, visto che il fondatore della rete, Francesco Becchetti, è anche il proprietario di una squadra inglese di terza categoria, il Leyton Orient.
Ecco dunque lo show proposto da Agon Channel: undici ragazzi voleranno a Londra per allenarsi con il Leyton Orient, e tre di loro giocheranno l’ultima parte del campionato. Oltre alla classica striscia del day time, l’appuntamento è previsto per il venerdì sera.
Un format televisivo che ci riporta già alla memoria il Cervia di Campioni, il reality condotto da Ilaria D’amico su Italia Uno.
In una recente intervista all’Ansa, Becchetti ha dichiarato che gli piacerebbe convincere Diego Abatantuono per presentare la trasmissione, e che, più in generale, vorrebbe in squadra anche Luisella Costamagna. Del resto la giornalista, ultimamente la vediamo in tv solo nel ruolo di ospite dei talk: dopo In Onda con Luca Telese a La7, il suo ultimo programma è stato Robinson su Rai Tre, datato 2012.
Rimane da capire quale sarà il ruolo dell’informazione ad Agon Channel, rete che sembrerebbe centrata sull’intrattenimento. Fa parte della squadra anche Antonio Caprarica, per anni corrispondente Rai da Londra: il giornalista sarà a capo delle news, affiancato da Giancarlo Padovan per quanto riguarda la parte sportiva.
Per il tg è prevista una durata di circa 10-12 minuti, ma andrà in onda ogni due ore. A Caprarica inoltre, in quanto direttore delle news, anche il compito di una trasmissione di approfondimento in seconda serata.

E, infine, Alessio Vinci. Per ora ha declinato l’offerta di dirigere il telegiornale, perché il compito lo avrebbe praticamente obbligato a vivere in Albania. Non si esclude però che possa curare alcune rubriche: ricordiamo infatti che, tra i vari casting lanciati, ve ne era uno per giornalisti il cui annuncio esordiva proprio con “Alessio Vinci ti sta cercando”. 



0 Replies to “Agon Channel, la tv albanese pronta al debutto in Italia”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*