Zelig, la puntata del 21 novembre


Tutte le esibizioni dei comici introdotti dai padroni di casa Mannino e Scotti


 

Il cabaret di Canale 5 è stato affidato, questa sera, a Teresa Mannino e Gerry Scotti. La puntata di Zelig si apre con i due conduttori che scambiano qualche battuta e un bacio. Dopo la prima pausa pubblicitaria, i due nuovi padroni di casa vengono nuovamente introdotti dal balletto.

                                                                                              

 Ancora scambi di battute con la Mannino che ricorda i programmi passati di Scotti.e gli fa salutare tutta la famiglia. Finalmente inizia la sfilata dei comici. I primi ad apparire sul palcoscenico sono Ale e Franz.

La gag è sempre quella dei due vecchietti che si trovano al bar per una partita a carte. Questa settimana trovano Scotti nel ruolo di un cameriere che serve. I due vecchietti devono indovinare i prezzi di quanto ordinano, in particolare due bianchetti. Tutto si svolge secondo lo schema di Chi vuol essere milionario.

Arriva Antonio Ornano. Questa sera, in compagnia dei due conduttori ci racconta i 19 anni della sua vita coiugale. Sembrano 19 anni di carcere duro. La cara mogliettina non gli consente neppure di giocare a calcetto il sabato mattina.

Andrea Perrone inizia a imitare alcuni cantanti. Ecco la parodia di vasco Rossi e successivamente il tormentone “Avere visto mia nipota”. E interagisce con Scotti che non si lascia sfuggire l’occasione di imitare Zucchero.  Pubblicità.

I Senso D’Oppio con i loro consueti siparietti precedono l’entrata di Paola Cortellesi e di Raoul Bova, il promozione con il loro film “Scusate se esisto”. I due si sottopongono alle domande non sense dei Boiler nella parte di giornalisti che scrivono su riviste surreali. Pubblicità.

Ritorna sul palcoscenico di Zelig Sconsolata (Anna Maria Barbera). La comica finge di rispondere alla posta elettronica in “Ditelo a Mail”. E’ l’occasione per parlare dei problemi dei giovani, tra cui la bulimia termine che lei storpia secondo il suo linguaggio. Ancora pubblicità.

Ecco sul palcoscenico Marta e Gianluca che interagiscono con i conduttori a loro modo: con i non sense e battute surreali. Ciao, piacere, io sono Greta di Bracciano. E io corto di braccino… questo è il modo di esprimersi.

Mr Forest, come ogni settimana, propone uno dei suoi sconclusionati esperimenti. Si è portato dietro una doccia e poi ha chiesto agli spettatori in sala quali sono le paure più terribili che hanno. I biglietti vengono posti in una scatola: La mannino ne estrae “a caso” uno: c’è scritto Colesterolo. Mr Forest apre la tenda della doccia e mostra un uomo con una tuta gialla su cui c’è scritto proprio Colesterolo. Esperimento riuscito, grida e esce di scena. Pubblicità.

Il Trio Medusa propone i soliti esperimenti sulle parole nascoste nelle grandi canzoni di star internazionali. Questa sera in Take my breath away, colonna sonora di Top Gun, si ascolta Oggi sei un po’ moscio.

Giovanni Vernia parla dei parrucchieri che non esistono più: oggi ci sono soltanto gli Hair style.E racconta improbabili avventure che possono accadere in questi singolari “boutique per capelli”

Il rapper Sdrumo arriva sul palcoscenico. Si esibisce nelle sue solite canzoncine del tipo “Volete andare dagli Amici di Maria, ma Maria non vi ha accettato l’amicizia”. Con lui c’è Shade (rapper vero) con il quale ingaggia una gara su freestyle. Pubblicità

E’ il momento del musical con Gerry Scotti che si  lancia sulle note di Singing in the rain

Maurizio Lastrico: il suo monologo è sul primo appuntamento e sul modo per far durare sempre di più un rapporto sentimentale.

L’impiegato dell’Ikea, Chicco Paglionico, propone tutte le domande strane che gli fanno i clienti.

Dopo un appello solidale e i saluti di turno, la puntata si conclude. Arrivederci alla prossima settimana.



0 Replies to “Zelig, la puntata del 21 novembre”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*