David di Donatello 2015, la conferenza stampa


La presentazione della cerimonia di premiazione del cinema italiano


È stata presentata questa mattina a Viale Mazzini l’edizione 2015 dei David di Donatello, cerimonia che premia ogni anno il cinema italiano. Dopo le polemiche dello scorso anno sulla conduzione di Paolo Ruffini, stavolta a fare gli onori di casa sarà Tullio Solenghi.

Ripercorriamo dunque quanto detto durante la conferenza, che abbiamo documentato in diretta.

L’evento si terrà venerdì 12 giugno, trasmesso in diretta su Rai Movie dalle 18.50 e in differita su Rai Uno. 24 in tutto i film candidati, con Anime Nere  di Francesco Nunzi in testa, seguito da Il giovane favoloso di Mario Martone.

La Rai anche quest’anno è partner della manifestazione. Il presidente  di Rai Uno Giancarlo Leone annuncia che la sua rete raddoppierà il numero di film italiani trasmessi in prima serata: dai sei del 2014, nel 2015 saranno almeno 12. Nel giorno della legalità in particolare, ci sarà la prima visione tv di La mafia uccide solo d’estate di Pif. L’intento è quello di creare un legame pià stretto tra la tv e le produzioni cinematografiche del nostro Paese.

La parola passa a Tullio Solenghi, che esordisce dicendo di essere “l’usato sicuro”. Quella dei David è una platea difficile perché non  si tratta di persone che vogliono godersi uno spettacolo, ma di gente che vuole sapere se ha vinto o no.

La serata si terrà al Teatro Olimpico, che permetterà di ospitare molti più presenti ripetto al passato. 

Candidati a miglior film sono Anime nere, Hungry Hearts, Il giovane favoloso, Mia madre e Torneranno i prati. Tra i premi è stato inserito anche quello per miglior cortometraggio, tra cui L’errore di Brando De Sica, figlio di Christian.

Lo scorso anno la conduzione di Paolo Ruffini era sembrata inopportuna ed era stata molto criticata; Solenghi dal proprio canto cercherà di fare affidamento alla sua professionalità da teatrante, portando avanti la serata facendo riferimento all’ “artigianalità” italiana.

Ma perché non mandare in onda la cerimonia in prima serata? Perché, risponde Leone, si tratta di una premiazione, e questo costituisce uno di quei casi in cui è giusto che il cinema non mischi con altro.

La manifestazione, presieduta da Gian Luigi Rondi, è sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica con il contributo del Ministero dei Beni e delle attività Culturali, della Regione Lazio,  Roma Capitale, Agis e Anica. Come partner figurano il BNL Gruppo BNP Paribas, SIAE e il Nuovo IMAIE. La regia dei David è affidata a Sabrina Busiello, mentre le scenografie saranno curate da Mario Garrambone.

La conferenza si conclude qui, rimandando l’appuntamento al 12 giugno su Rai Movie e in seconda serata su Rai Uno.



0 Replies to “David di Donatello 2015, la conferenza stampa”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*