Amici 14, i nostri giudizi sulla finale


Le nostre opinioni sulle esibizioni canore della finale del talent show di Canale5


The Kolors hanno vinto, meritatamente, la 14° edizione di Amici. La band di Stash ha conquistato anche il premio della critica. Secondo classificato Briga, vincitore del premio di RTL 102.5, terza Virginia (vincitrice della categoria danza) e solo quarta – ingiustamente – Klaudia. Questi i nostri giudizi sulle esibizioni canore della puntata.

La prima esibizione dei The Kolors è stata una rivisitazione di Maniac, caratterizzata da grande energia (cifra stilistica del gruppo) e da una efficace parentesi dubstep inserita sul finale.

E’ seguita poi la performance sulle note de Il mondo, canzone della quale hanno stravolto l’arrangiamento portando nel pezzo il loro mondo elettronico. Ben riuscito anche il mash up con We Are Young dei Fun.

Tanti gli inediti (ormai più che editi) estratti dal loro disco d’esordio Out – già disco d’oro e vicino ad ottenere la certificazione platino -, a partire dalla iper conosciuta Everytime che sta girando molto anche in alcune emittenti radiofoniche. Speriamo non si trasformi in un fastidioso tormentone estivo.

Stash e compagni hanno riletto in una chiave decisamente inedita Without You, un pezzo molto conosciuto grazie alla versione che Mariah Carey fece negli anni ’90 benché il brano sia decisamente più datato. La magia e il romanticismo della canzone è venuto meno, ma è stato apprezzabile lo sforzo creativo della band.

Briga, entrato in gioco solo nella sfida finale, ha esordito con La fine di Nesli: buona prova e canzone interpretata con convinzione.

Ottima performance per i The Kolors che hanno toccato un classico dei Queen come Radio ga ga senza far rivoltare nella tomba il frontman del leggendario gruppo.

Briga si è giocato praticamente subito il suo pezzo forte: L’amore qua, che già più volte abbiamo indicato come il migliore tra i brani del ragazzo. La canzone ha infatti vinto il concorso indetto da RTL 102.5 che invitava gli ascoltatori a votare il proprio brano perferito tra gli inediti dei ragazzi di questa edizione di Amici.

Proseguendo la carrellata dei brani “inediti” i The Kolors hanno proposto nuovamente Why Don’t You Love Me e, per la prima volta, Love, pezzo molto carino e spensierato. Leggero, ideale per questi mesi estivi.

Briga invece ha cantato quasi tutto il suo disco d’esordio Never Again proponendo Esistendo, Tu e, per ultima, Sei di mattina. Nel mezzo una cover: La nuova stella di Broadway di Cesare Cremonini, che già aveva eseguito ai tempi del pomeridiano di Amici e anche in una puntata del serale.

The Kolors ci hanno deliziato con altre 3 cover, molto diverse tra loro ma tutte riuscite: Cumm’è (anche in omaggio all’origine napoletana di Stash), You Are Not Alone di Michael Jackson Don’t You Worry Child, eseguita con un bell’arrangiamento orchestrale di archi, chitarra acustica e le percussioni suonate dagli altri 2 membri della band.

Qui la diretta della finale.



0 Replies to “Amici 14, i nostri giudizi sulla finale”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*