Coppie in attesa, la prima puntata


Il live del nuovo programma di Rai 2


Chiaramente ispirato dalla programmazione di Mtv, è iniziato questa sera alle 21.10 Coppie in attesa. Al centro di questo docureality, sono genitori che stanno per avere il loro primo figlio: le coppie si raccontano alle telecamere di Rai 2, condividendo tutte la gioia e le preoccupazioni che la nascita di un figlio porta con sè.

Otto le coppie protagoniste, che iniziamo già a conoscere in una breve clip riassuntiva. Tra queste, una coppia che ha fatto ricorso alla fecondazione assistita e una ragazzina incinta di 16 anni; sua madre diventerà nonna a soli 35 anni.

 

La voce narrante, che ricorda fortemente quella dei programmi di Mtv, introduce Pina e Francesco. 37 e 40 anni, vivono nella dependance dei suoceri, “con tutto quello che comporta”. La nuova casa è in costruzione, ma naturalmente è di fronte alla villa dei suoceri, che stanno decidendo tutto riguardo la sua realizzazione.

Pina e Francesco

La seconda coppia protagonista vive a Roma: è composta da un italiano, Luca, e Ruriko, una ragazza giapponese. Avendo perso da poco la madre, Ruriko sta cercando di farsi forza e, allo stesso tempo, conciliare la proverbiale riservatezza nipponica con una cultura molto distante dalla sua.

Ma torniamo a Caserta da Pina e Francesco. A 48 ore dal parto, le telecamere ci mostrano la preoccupazione che serpeggia in casa: il cocker Briciola è stato avvelenato, e “trema assai”.

Lucrezia

Ci spostiamo poi a Siracusa. Conosciamo Lucrezia: 16 anni, è stata lasciata dal fidanzato 19enne Ugo al quinto mese di gravidanza. “Ci siamo litigati di brutto e ci siamo lasciati”, racconta; è spaventatissima all’idea del parto. Ha deciso di concludere le scuole superiori, “prendere un foglio di carta” e iniziare subito a lavorare per provvedere alla sua bambina. Ora Ugo, che lavora come pescatore, è fuori in mare.

La storia si ripete: sua madre infatti, come lei,  l’ha avuta da giovanissima ed è stata lasciata dal papà di Lucrezia. Seguiamo Lucrezia nella sua prima ecografia, e già la commozione fa vedere improbabili somiglianze sul viso della piccola; nonostante sia stata lasciata, la ragazza invia lo stesso le foto a Ugo. Dal canto suo, lui è molto confuso.

Luca, Ruriko e Anna

Non va meglio alla povera Ruriko: se da un lato la suocera Anna cerca un contatto con lei, dall’altro è una donna estremamente invadente che si permette di sentenziare su questioni che spetterebbero solo al figlio e alla compagna. Dice che i due si dovrebbero sposare, che non dovrebbero andare in Giappone dopo il parto, e che mica possono toglierle subito la nipotina; Ruriko è in lacrime, anche perché scossa dalla recente morte della madre che non ha potuto assistere nelle ultime ore di vita.

La nascita di Emilio Riccardo

Intanto, per Pina arriva il grande momento. Sembra però che sia  Francesco a dover partorire, tanto teso da essere inavvicinabile in ospedale. 

Lucrezia invece, affronta una delusione devastante: si concede una sera in discoteca con le amiche e incontra Ugo, scoprendo così non solo che è tornato sulla terraferma, ma pure che non l’ha cercata.

Le storie si intrecciano, alternadosi tra loro. La prima a diventare mamma in video è Pina, con tutte le difficoltà della prima volta, a partire dall’allattamento al seno: Emilio Riccardo commuove tutti. 

A Ruriko è scaduto il termine da tre giorni; nel frattempo, le tiene compagnia la suocera. Una volta nata la piccola Midori, lei e Luca vorrebbero traslocare a andare a vivere in un appartamento più piccolo, ma Anna non è d’accordo. A Ruriko, non rimane che constatare la sconsolante realtà: Anna “sarebbe capacissima di vivere fino a 150 anni”.

Il battesimo di Emilio Riccardo

Se Lucrezia e Ugo sono in crisi, Ruriko inizia ad avere le prime contrazioni. Ma è il battesimo di Emilio Riccardo la punta di diamante della puntata: ristorante a tre ore di macchina dalla chiesa, 20 portate, 5 ore di pranzo, vestito del pupo in “pizzo e seta”, torta gigante a forma di babà. Per un attimo, a Coppie in attesa sembravano esserci tutte le premesse per un cross over con Il boss delle cerimonie. Ora che è padre, Francesco vuole prendere tutte le decisioni sulla sua famiglia, lasciando intendere che non si lascerà più sopraffare dall’ingombrante suocero.

Ruriko

Ruriko è stata inaspettatamente trattenuta in ospedale per indurle il parto. Lei vorrebbe mangiare, invece si ritrova nel piatto una minestrina come se fosse malata; in compenso è tranquilla. Mentre Luca torna a casa per prendere pigiama, asciugamani e oggetti vari, lei gli telefona con una calma invidiabile: non solo sta ingannando il tempo facendo origami, ma gli comunica che tra mezz’ora inizierà l’induzione con una calma serafica. Luca comunque prende ironicamente precauzioni: non si discute sulle “cose prese”, sia chiaro.

Sono indubbiamente loro la coppia meglio assortita. Pina invece, parla in continuazione del marito con sufficienza.

Carola e Fabrizio

Conosciamo infine l’ultima coppia della serata: da Milano, Carola e Fabrizio. Dopo i campani dall’animo trash,ecco  la milanese fashionblogger, incarnazione della donna viziata e frivola. Il kit del personaggio infatti comprende 100 paia di scarpe, i selfie con le amiche, vocine infantili e tutto il lavoro scaricato su Fabrizio mentre Carola ha sempre lo smartphone in mano.

La puntata si chiude con un “colpo di scena”: a 48 ore di distanza, il Ruriko non è ancora entrata in travaglio. Il battito dell apiccola midori è rallentato: i dottori portano la ragazza d’urgenza in sala parto. Fuori, Luca è in ansia; Ruriko, nonostante tutto, riesce ad essere ancora razionale e calma.

L’appuntamento con Coppie in attesa è per giovedì prossimo. Dopo i factual della Balivo, Real Time è definitivamente sbarcata su Rai 2, stavolta direttamente con la produzione della Stand by me.



0 Replies to “Coppie in attesa, la prima puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*