Fuori quadro, Bonito Oliva si occupa di Sconfinamenti


Quarta puntata del programma dedicato all'arte nelle sue varie sfaccettature


Quarta puntata, oggi, del programma Fuori quadro, ideato e condotto da Achille Bonito Oliva.L’appuntamento è su Rai3 alle 13,25. La puntata di oggi ha per titolo “Sconfinamenti”. Ospiti del padrone di casa sono William Kentridge e Antonio Marras. Per la rubrica Arte e Mestieri, Marta Perego incontra Lorenzo Gigotti, editore d’arte.

L’arte ha sempre cercato compagnia seppure per un lungo periodo che va dal medioevo al rinascimento c’è stata una grande competizione tra pittura, scultura e architettura.
Madre dell’eclettismo dell’arte contemporanea è Wagner produttore di un’arte totale, Wagner è quello che sintetizza nelle sue opere tutti i linguaggi possibili.
La rivoluzione industriale stimola l’artista ad assumere un atteggiamento globale. La volontà è quella di estetizzare il quotidiano.
Nel contemporaneo diversi gruppi hanno assorbito questo suggerimento, questo stimolo allo sconfinamento, gruppi che tra Situazionismo, Fluxus, Gutai e Mono Ha mettono in pratica un’idea sistematica di sconfinamento oltre ogni specifico linguistico.
L’eclettismo diventa la matrice delle nuove generazioni che dalle avanguardie storiche arrivano fino a oggi.
Esplorando diversi ambiti: cinema, musica, teatro, architettura ed altre discipline, sarà evidenziata l’influenza che l’arte ha avuto e continua ad avere suoi diversi linguaggi contemporanei.
Achille Bonito Oliva

Ricordiamo che, nell’edizione attualmente in corso, sono state introdotte tre nuove rubriche dal titolo:
“Arte e Mestieri” condotta dalla giornalista Marta Perego, che intervista i protagonisti di professioni collegate al mondo dell’arte: il restauratore di contemporaneo, il coloraio, il comunicatore, l’art blogger, l’editore, il collezionista, l’educatore. Marta Perego è anche la figura narrante delle schede di approfondimento.

“Totomodo” ispirata all’omonimo film di Achille Bonito Oliva, in cui il grande attore napoletano Totò descrive i principali movimenti dell’arte contemporanea. Una involontaria storia dell’arte spiegata anche ai bambini.
 
“Il tallone di Achille” a conclusione di puntata, con A.B.O. che dialoga con la giovane Sveva Fratino, un’adolescente che giocosamente ripete una frase ermetica detta dal critico nel corso della puntata e ne chiede spiegazione. Il linguaggio di A.B.O. si semplifica e riesce a comunicare con efficacia anche con un pubblico meno avvezzo al linguaggio dell’arte.

Qui la puntata della scorsa settimana.



0 Replies to “Fuori quadro, Bonito Oliva si occupa di Sconfinamenti”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*