Una notte per Caruso, tutta la serata su Rai1


Le esibizioni dei cantanti e degli ospiti nel programma andato in onda su Rai1


E andata in onda la serata Una notte per Caruso dalla Marina Grande di Sorrento.Al timone i conduttori dello scorso anno, Elisa Isoardi e Flavio Montruccio. Rai1 ha trasmesso l’evento in registrata, dopo che era stato programmato per lo scorso 26 giugno. Protagaonista comprimario della serata il meraviglioso scenario della Marina Grande di Sirrento sul quale la regia si è più volte soffermata.

 Il programma inizia in orario con Enzo De Caro che declama “I vuless truvà pace” di Edorado De Filippo.

I due conduttori si esibiscono in una serie di complimenti reciproci che sfociano in un “omaggio” di Montrucchio alla Isoardi: le dedica Per un amico in più.

Si inizia seriamente a cantare con Patty Pravo che interpreta Un senso di Vasco Rossi.

Toh, chi si rivede, Suor Cristina. La vincitrice della seconda edizione di The Voice propone la sua versione de L’essenziale di Marco Mengoni. Nulla di eccezionale.E’ stato più il piacere di rivedere la religiosa e rendersi conto che non era scomparsa dopo i pochi successi del dopo The Voice 2.

Manuela Villa a Una notte per Caruso

Manuela Villa offre la sua versione di O surdato ‘nannurato, Da notare il look, soprattutto il ciuffo.

Omaggio a Pino Daniele. E’ Tullio De Piscopo con NCCP.

Montrucchio non si fa impressionare dai cantanti presenti e si lancia in un altro brano, famosissimo: C’era un ragazzo che come me. Subito dopo Enzo De Caro ritorna e declama I have a dream.

La serata è dedicata alle canzoni che inneggiano alla pace e lanciano un messaggio positivo di amore e fratellanza. Ma finora di spettacolo se ne è visto poco.

La Isoardi legge alcuni brani di Oriana Fallaci. Tocca a Serena Rossi che duetta con Enzo Gragnaniello, un altro gigante della canzone partenepea.

Debora Iurato

E arriva un’altra vincitrice di talent: è Debora Iurato di Amici 13. Canta Se io fossi un angelo. Presenza senza alcun fremito spettacolare.

Torna Manuela Villa e canta Un amico. E torna anche Suor Cristina che interpreta Beautiful that way di Noa. La religiosa ci lancia un monito a guardare con ottimismo alla vita e a essere sempre in pace con se stessi e con gli altri.

Nel ritorno generale, riappare Patty Pravo che si esibisce, questa volta in Les etrangers di Lucio Dalla.

Sembra più un festivaletto estivo che una grande serata di spettacolo, come invece avrebbe dovuto essere.

Ancora un omaggio a Pino Daniele con Terra mia. Poi Serena Rossi canta Torna a Surriento.

Si presentano in tre sul palcoscenico di Sorrento: sono Leda Battisti, Attilio Fontana e Floriana Monici che cantano Hair e Let the sunshine in.

Alla Marina Grande c’è anche Gloria Guida. Insieme a De Caro canta Girotondo intorno al mondo di Endrigo.E’ un momento più per piccoli telespettatori.

Si continua con le canzoni, soprattutto napoletane. Serena Rossi e Gragnaniello interpretano un brano di grandissima bellezza: Cu mme, era di Mia Martini.

Si prosegue a ritmo continuo con le canzoni. Montrucchio e la Isoradi compaiono sul palcoscenico per fare il loro dovere di presentatori e tentano, come abbiamo già visto, di guadagnarsi il cachet mettendosi alla prova anche in altri momenti spettacolari.

Marco Armani, Leda, il balletto di Tirana, Elena Ledda, si susseguono sul palcoscenico.

Intanto lo show sta per volgere verso le battute finali.

Una notte per Caruso

Dopo un’altra esibizione di Montrucchio, arriva finalmente il momento della premiazione. Premio Caruso 2015 al tenore Vittorio Grigolo che canta due brani, di cui uno è Caruso.

Ancora un omaggio a Pino Daniele e si può archiviare anche l’edizione 2015 di Una notte per Caruso.

L’appuntamento è al prossimo anno, sperando in uno spettacolo migliore.



0 Replies to “Una notte per Caruso, tutta la serata su Rai1”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*