Junior Bake off, la prima puntata fuori Chiara e Madeleine


Tutte le fasi del cooking show con le prove e le eliminazioni della serata


 Prima puntata del cooking show dedicato alla pasticceria con bambini dagli 8 ai 12 anni. Siamo su Real Time in prime rime. Al timone c’è Benedetta Parodi. Giudici di gara Ernst Knam e Clelia D’Onofrio, Noi vi abbiamo già presentato i piccoli dieci aspiranti junior pasticceri. Parte  il grande gioco della pasticceria di Junior Bake off.

 La voce narrante avverte che i dieci piccoli concorrenti si sfideranno a colpi di dolcezze, come soffici pan di spagna e spettacolari decorazioni. Il grande gioco della pasticceria inizia. Benedetta Parodi, accolta da un grande applauso dei bambini, presenta i due giudici di gara: Knam e la D’Onofrio. Promettono che saranno molto buoni.

Si comincia con un messaggio del re delle torte Buddy Balestro. In un filmato chiama a nome tutti i piccoli concorrenti e promette un oremio spettacolare per il piccolo vincitore. Lo spedirà dall’America.

Ed eccoci alle due prove, quella creativa e quella tecnica.

La prima prova è “faccio quello che mi pare”, ovvero ognuno deve preparare un dolce a loro piacimento. I mini pasticceri stanno dando libero sfogo alla loro fantasia.

Matteo usa pan di spagna cioccolato fondente, crema di burro e amarene, La piccola Madleine è vissuta in Canada e non sapeva di avere il nome di un dolce francese caro ad un grande scrittore (Marcel Proust).

Riccardo usa molto cacao amaro per il suo “faccio quello che mi pare”. Filippo fa un dolce con pere e cioccolato. Tutti hanno scelto gli ingredienti da utilizzare. Matteo, però, rompe il suo pan di spagna. La Parodi lo consola e gli dà qualche

consiglio. Gianluca ha la faccia del calciatore, dice Knam. Lui prepara una Lemon tort. Chiara presenta una torta a forma di bara. Roberta usa pan di spagna e crema: lei si sente grande perchè prepara le torte per la sorella di 17 anni.

Isabella prepara una torta a metà strada tra l’Italia e l’Australia. La ricetta le è stata formnita dalla nonna australiana.

Anche Madleine rompe il pan di spagna. E la Parodi le va in aiuto: consiglia di ricoprirla di cioccolato.

Povero Matteo! Si è rattristito per aver rotto il dolce. Sa che non è venuta bene. Per altri la preparazione non è andata per il verso giusto. Ma adesso il tempo per la prova è finita. E i piccoli pasticceri sono visibilmente stanchi.

Si passa agli assaggi. Knam mostra di essere abbastanza soddisfatto delle preparazioni. Ha poche critiche da muovere ai piccoli pasticceri. Dice che è stato fatto un ottimo lavoro, soprattutto sul gusto.

Ed ecco la prova tecnica, il rotolo di Knam. Caso singolare, è la stessa ricetta dei pasticceri grandi. Arriva Matteo della squadra dei grandi ad aiutarli. Grande per modo di dire: ha solo cinque anni in più dei piccoli colleghi.

Matteo passa tra le postazioni e verifica quanto i piccoli pasticceri stanno realizzando. Madleine è ancora in crisi: deve ricominciare tutto daccapo perchè ha messo lo zuccero a velo al posto dello zucchero. Gianluca è pi+ tranquillo rispetto alla prova creativa. Fine della prova. Matteo il collega grande se ne va. Ed ecco gli assaggi al buio.

Si comincia bene: perfetto, commenta Knam. E’ quello di Matteo. Si prosegue: il livello dei rotoloni è molto alto.  Qualche piccola osservazione pure c’è da parte di Knam per qualcuno. Ma è ben poca cosa. Sono stupefatto, rivela Knam, i grandi non hanno fatto così bene come voi.

Ed ecco la classifica: al terzo posto Riccardo, al secondo Filippo. Al primo posto si classifica Roberta. Miss Rotolone! la apostrofa Knam.

Il grembiule blu va a Filippo. A lasciare il gioco della pasticceria sono Chiara e Madleine.

 Arrivederci alla prossima puntata.



0 Replies to “Junior Bake off, la prima puntata fuori Chiara e Madeleine”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*