Last cop- l’ultimo sbirro: i motivi del successo


Il serial tedesco è moltop amato dal pubblico italiano


Mercoledì 3 luglio è tornato, in prima serata, un serial molto gradito alla vasta platea televisiva. Si tratta di Last Cop, l’ultimo sbirro. L’appuntamento, su Rai1, continuerà fino all’inizio della stagione autunnale.

 La storia di questa serie tv realizzata in Germania e divenuta cult nella patria di Angela Merkel, è basata sulla vicenda personale del protagonista, Mick Brisgau, interpretato da Henning Baum che, negli anni ’80, in seguito a un incidente, cade in coma. In questo stato resta per venti anni. Quando all’improvviso si sveglia, decide di tornare al suo lavoro in polizia nel cui corpo di appartenenza viene perfettamente reintegrato. Ma i tempi sono cambiati e si ritrova a operare con metodi e procedure completamente differenti da quelli ai quali era abituato.

Questa vicenda potrebbe anche non essere di grande interesse. Le scenggiature delle fiction propongono gli eventi più incredibili. Ma c’è un quid che fa la differenza in Last Cop- l’ultimo sbirro. E’ il ritmo veloce che coinvolge e trascina, è  il fascino del protagonista che si muove con scioltezza e disinvoltura da far indivia al migliore Brad Pitt, è l’intrigante atmosfera in cui si muove. Certo, per una persona quasi resuscitata, dopo un coma durato venti anni, sarebbe (quasi) impossibile comportarsi con tanta disinvoltura. Ma è un peccatuccio veniale, una licenza poetica della sceneggiatura. Sono questi alcuni degli elementi che hanno decretato il gradimento verso il prodotto prima della platea televisiva tedesca e poi di quella  italiana. Last cop, lo scorso anno quando esordì su Rai1, conquistò subito il pubblico di casa nostra, portando a Rai1 ascolti degni di uno spettacolo di prima serata.

C’è da sottolineare anche la cura con cui è scritta la sceneggiatura e le ambientazioni, molto ben ricostruite. Mick Brisgau è un poliziotto ma è anche un uomo che ha un carattere non facile. E’ testardo, vuol sempre agire secondo le sue intuizioni, non ammette mai di sbagliare, vuole continuare a svolgere le indagini secondo i metodi che utilizzava venti anni prima. Si dimentica del tempo trascosro, incurante dei mutamenti della società. E questa dicotomia, questo essere sospeso tra il passato e il presente dona un singolare fascino aggiuntivo al racconto.

Last cop, l’ultimo sbirro, ha esordito in Germania nel 2010. Attualmente è stata realizzata la quarta stagione della serie. In Italia Rai 1 sta mandando in onda le puntate conclusive della prima serie. Resta da vedere se, alla fine dell’estate, quando ricomincia la normale programmazione autunnale, Last cop sarà ancora in onda. La possibilità che Rai1 lo iberni fino alla prossima estate 2014, è molto consistente.



0 Replies to “Last cop- l’ultimo sbirro: i motivi del successo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*