The Nineties | dal 13 febbraio su Sky Arte HD


The Nineties dal 13 febbraio su Sky Arte HD. La serie prodotta da Tom Hanks e Gary Goetzman racconta il decennio in cui si è sviluppato internet e si sono avute altre rivoluzioni culturali e politiche. Il primo episodio è dedicato alla tv.


Arriva questa sera martedì 13 febbraio in prima visione su Sky Arte HD (canale 120 e 400 di Sky) la serie The Nineties prodotta da Tom Hanks e Gary Goetzman. La rete culturale della piattaforma satellitare la propone ai telespettatori italiani in esclusiva per il nostro paese.

Dopo le precedenti stagioni dedicate agli anni ’60, ’70 e ’80, è la volta del decennio che ha avuto un’importanza fondamentale nella storia della società a livello internazionale. Innanzitutto gli anni ’90 hanno preparato la società di oggi alle conquiste tecnologiche con l’avvio di quella che sarebbe diventata la connessione perenne. Inoltre verrà raccontata con dovizia di particolari l’elezione di presidenti statunitensi come George W. Bush e Bill Clinton.

Al centro delle otto puntate previste anche l’escalation del terrorismo, il proliferare dei conflitti interrazziali ed infine la nascita di una nuova era televisiva.

The Nineties | gli eventi raccontati

La serie parte all’indomani della caduta del Muro di Berlino, nel novembre del 1989. Sembrava un fatto isolato, invece ebbe delle ripercussioni incredibili che scossero l’intero panorama mondiale. Infatti ci fu la caduta del Comunismo in tutto l’est europeo e la liberazione di Nelson Mandela in Sudafrica.

Seguirono la riunificazione della Germania dell’est con quella dell’ovest, la Guerra del Golfo ed il crollo dell’Unione Sovietica (U.R.S.S.).

I riflettori si accendono poi negli Stati Uniti con l’elezione di Bill Clinton che fu un fortissimo segnale politico. Ma la presidenza Clinton iniziò in maniera molto drammatica: ci fu infatti il disastro militare in Somalia, il genocidio in Ruanda e la pulizia etnica in Bosnia.

Il problema razziale torna poi ad interessare la società internazionale. Proprio in quegli anni ci fu l’elezione di un membro del Klu Klux Klan al governo della Louisiana e quella del primo sindaco nero di New York.Tali segnali significavano l’accentuarsi della questione legata al tema dell’uguaglianza razziale.

Nel settore musicale ci furono l’avanzare dell’hip-hop e del fenomeno delle boy band. Soprattutto le boy band segnano il decennio degli anni ‘90 perché vennero fuori artisti come i Nirvana, i Tupac Shakur, gli NSYNC, i Take That e gli Oasis.

Gli NSYNC con Justin Timberlake

Ma la rivoluzione forse più profonda è stata quella tecnologica con l’avvento di Internet e la rete globale. Si impongono all’attenzione del mondo due protagonisti storici come Bill Gates e Steve Jobs. Steve Jobs purtroppo è scomparso prematuramente ed a lui è stato dedicato un film che ne ripercorre la vita privata e professionale.

The Nineties | il primo episodio

Il primo episodio della serie ha come protagonista la TV perché in quegli anni il mondo del piccolo schermo è stato protagonista di una rivoluzione assoluta, sia nel settore della creatività sia per il potere conquistato anno dopo anno. È il periodo dell’informazione spettacolo. Basti pensare ad esempio ad eventi come lo scandalo di Bill Clinton e Monica Lewinsky e il processo a O.J. Simpson, che ancora oggi cattura l’attenzione dei telespettatori attraverso docu-fiction e serie dedicate.

Il cast di Beverly Hills 90210

E a proposito di serie è l’anno di due prodotti cult come Twin Peaks ed X-Files. La TV si occupa anche della famiglia con prodotti come Friends. Arriva una serie cult: ER – Medici in prima linea che ha consegnato alla popolarità planetaria George Clooney. Il mondo dei giovanissimi viene rappresentato attraverso Beverly Hills 90210 e Buffy – l’ammazzavampiri. Si creano nuovi format, nasce un mondo nuovo dove i protagonisti dell’intrattenimento cominciano ad entrare sempre di più nella vita dei telespettatori e creano un linguaggio familiare.



0 Replies to “The Nineties | dal 13 febbraio su Sky Arte HD”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*