logo


Renzo Arbore Day, la conferenza stampa

- Scritto da 
Renzo Arbore

Ha inventato la seconda serata, ha improvvisato, lanciato tormentoni e personaggi, creando programmi divenuti dei veri e propri cult del piccolo schermo. Non solo la tv, ma anche radio e musica musica: Renzo Arbore ha attraversato tutti i generi dell'intrattenimento, lasciando in ognuno di essi un segno indelebile. E domenica 13 dicembre, a partire dalle 9.30 del mattino e per l'intera giornata, Rai Cultura lo omaggerà con una giornata interamente dedicata: il Renzo Arbore Day.

Abbiamo seguito la conferenza stampa in diretta.

Il palinsesto della giornata è stato scelto appositamente da Arbore, e in prima serata prevede un documentario dal titolo Quando la radio. Il "maestro programmatore di musica leggera" Arbore, così dice di essere "schedato" alla Rai, lo considera una sorta di TecheTecheTé personale: motivo di orgoglio è quello di non essersene mai andato altrove, di non aver mai abbandonato l'azienda di servizio pubblico.

Piccola parentesi, con il Corriere della Sera sta per uscire una serie di 12 dvd. Il 19 dicembre invece, debutta al Macro la sua mostra, curata dagli scenografi di Indietro tutta. Ma tornando alla giornata di Rai Cultura, Arbore ricorda la recente scomparsa del regista di Bandiera Gialla: adesso che Rai Storia "c'è molto meno Hitler", era il momento giusto per un realizzare un documentario sulla radio, si tratta del secondo programma per la rete dopo quello su Napoli che aveva parlato della città partenopea come città borghese.

Ripercorrendo i tanti aneddoti che ne hanno costellato la carriera, Arbore ricorda la volta in cui andò da Almirante in doppio petto.  All'insaputa dei dirigenti, in radio sono stati passati dischi che non sarebbero stati approvati. E poi il dottor Marsala, dirigente che "non sapeva cosa fare" e allora si limitava a controllare i microfoni. Oppure Giorgio Bracardi, che scambiò una strigliata dei superiori per uno scherzo organizzato dagli amici: la sua reazione fu di scoppiare a ridere davanti a chi gli diceva che la radio non è un postribolo in cui si può fare e dire di tutto.

È un fiume in piena Renzo Arbore: i personaggi inventati, micologo compreso: la prima battuta con cui esordì la nuova figura, era che esistesse una prima distinzione tra  funghi, cioè i funghi e i non-funghi.

Per Marco Dose è facile dire che siamo tutti figli di Alto gradimento: ha inciso tanto nel modo di fare spettacolo. Sotto certi aspetti, oggi la radio è diventata più faticosa, specie per chi si occupa di attualità: fare satira è diventato superfluo, dato che l'attualità è così ridicola che fare battute diviene superfluo.

Nicola Sinisi, direttore di Radio Rai, consegna ad Arbore il microfono di Alto Gradimento.

Seduto in sala, anche Walter Veltroni, che Arbore ha "lanciato": in Italia il pop è Arbore, come Andy Warhol in America. Seconda caratteristica individuata da Veltroni, la capacità di creare una squadra senza spremerla, poi la prerogativa di essere un uomo Rai senza averla mai abbandonata. Augurandosi che possa tornare con un aprima serata, qualora non fsse possibile, l'ex sindaco di Roma incoraggia  a trasmettere i suoi programmi cult: secondo lui raggiungerebbe il 20% di share senza problemi.

Massimo Bernardini, conduttore di Tv Talk,  sottolinea che quelle che Arbore racconta come "malefatte" sono considerate oggi cultura. Marisa Laurito per esempio, anche lei presente in sala, dice che se l'asepttava, perché lei ha una grande cultura. E Gianni Minà aggiunge: rispetto alla Rai di oggi, "noi eravamo più colti", ecco perché venivano intercettati i giovani. Ripete quindi di essere orgoglioso di non aver mai ceduto alla concorrenza; Arbora gli risponde che è "troppo amico di Fidel" per passare a Mediaset.

Viene toccato il tema degli ascolti: Veltroni chiarisce che gli ascolti di Arbore non erano altissimi, eppure il programma, che ha cambiato e innovato il linguaggio, è divenuto un cult.

La conferenza si conclude con uno sketch che Arbore improvvisò insieme a Lino Banfi. 

Ultima modifica Domenica, 13 Dicembre 2015 03:16
Irene Natali

Marchigiana, sarda per metà e romana d’adozione, si laurea in comunicazione alla Sapienza con una tesi triennale sulla satira televisiva e la chiusura del Decameron di Luttazzi. La tesi specialistica è ancora sulla televisione, stavolta sul ruolo di Al-Jazeera nella “primavera araba”. Collabora con alcune testate giornalistiche e siti web, è stata analista televisiva del programma di RaiTre TvTalk, condotto da Massimo Bernardini. La partecipazione ad una serie di trasmissioni televisive, le ha consentito di conoscere a fondo tutto quello che ruota intorno al mondo del piccolo schermo. Ama scrivere e disegnare, soprattutto fumetti.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo