logo


Una scena del film-documentario

 Arriva in casa nostra, stasera alle 21,10 su Sky Arte HD, in esclusiva e in prima visione, il documentario “Napolislam” ideato, scritto e diretto da Ernesto Pagano. In realtà il film è già vincitore del Biografilm Italia Award 2015, oltre che del premio Giuseppe Folchi al concorso Molise Cinema 2015.

Per cui nel giugno scorso esso è passato nei cinema italiani di Roma, Napoli, Milano, Torino, attestandosi come un successo conclamato, ed in conseguenza  è giunto attesissimo all’IDFA di Amsterdam, tappa di riscontro mondiale per i film-documentario. Sorprende un po’ che dopo quei riconoscimenti, il regista abbia mal digerito - durante il recente nuovo attacco dell’Isis in novembre a Parigi – che l’UCI abbia sospeso temporaneamente e sino all’inizio del 2016 la proiezione di  “Napolislam”, con un’evidente finalità di prudenza sociale, per non accendere di più gli animi, in un momento di altissima tensione internazionale (non era certo un giudizio di merito, anzi).

Pagano, scrittore, giornalista,  specializzato  nella cultura e nella lingua araba, e che ha trascorso al Cairo tre anni, con questo documentario ha tentato una risposta alla innegabile affermazione della fede nell’Islamismo in Europa e fuori.

Una risposta che l’autore sa in partenza essere relativa sia all’unico sito (Napoli), sia alla fascia sociale (medio-bassa), sia al numero dei protagonisti (dieci persone). Inoltre il regista esclude da subito un’analisi dell’estremismo e del terrorismo islamico, fenomeno decisamente isolato: infatti ricordiamo che – durante le manifestazioni a Roma e a Milano, seguìte all’aggressione al giornale parigino Charlie Hebdo - innumerevoli erano i cartelloni di musulmani, pakistani e non solo, che dissentivano radicalmente dall’ideologia e dalla prassi terroristica dell’Isis.

napolislam manifestazione2

Immagine del documentario

Pagano è sceso nel cuore di Napoli, dove ha toccato con mano il progressivo e pacifico diffondersi dell’Islamismo, a partire dalla Moschea sorta a piazza Mercato in una chiesa sconsacrata: e prosegue nel disegnare e documentare questa sorprendente mappa di gente comune, che cerca e trova nel credo maomettano delle risposte alla corruzione, al malcostume, all’indigenza crescente, alle ingiustizie, al crollo del rispetto per gli esseri umani non solo in Italia, ma nel mondo.

I proagonisti del film sono un disoccupato, una  ragazza innamorata di un algerino, un rapper, un padre di famiglia, un ex-ferroviere, uno spazzino, due ragazze di Fuorigrotta, un taxista tunisino emigrato a Napoli. E Napoli è già di per sé una città multietnica, che assorbe e assimila pù di ogni altra.

Ma intanto i nomi dei napoletani vengono cambiati, Claudia diventa Zeynab, Francesco è Muahammad, i dolci napoletani si trasformano a loro volta nel nome, e le zeppole diventano halal. E’ una lenta mutazione che parte dal basso, ed è inarrestabile. La cultura di sinistra impallidisce e il Che non è più un modello sociale: il modello ormai è Maometto, il profeta di Allah.

Anche la  religione cristiana e cattolica pare non basti più. Insomma saremmo dinanzi ad un vero e proprio rifiuto dell’Occidente, e non di un attacco proditorio dell’Islam ad esso, come affermò Oriana Fallaci a suo tempo, nel libro “La rabbia e l’orgoglio”.

Il documentario di Pagano  penetra negli angoli più riposti della città popolare, alla ricerca - pur nella gioiosa napoletanità che conosciamo - della verità, entro il mosaico delle storie personali. E anche se tale verità può affiorare solo in parte, l’importante è aver compreso la portata del problema.  Il giudizio di Roberto Saviano infatti è il seguente: “Ci sono documentari che cambiano per sempre la percezione del tema che affrontano. “Napolislam” è uno di questi”. Il film di Ernesto Pagano è una produzione Ladoc e Isola Film, distribuito da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection, in collaborazione con Sky Arte HD.

 

Ultima modifica Venerdì, 15 Gennaio 2016 16:49
Paola Pariset.

Giornalista, specializzata nell'ambito dell'arte della musica, della danza e non solo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo