logo


Il Globe Theatre con la direzione artistica di Proietti

 Nuova iniziativa di Radio 6 Teca: da lunedì 29 febbraio, per tre settimane viene proposto lo Speciale Shakespeare, 12 puntate, interamente dedicate a William Shakespeare (1564-1616), forse il più grande drammaturgo del mondo, non solo dell’Inghilterra, il quale ha dato lustro e gloria al periodo della regina Elisabetta I.



Vengono celebrati i 400 anni dalla morte del Bardo, così anche infatti è chiamato il massimo poeta inglese, in onore della tradizione ossianica.

Lo Speciale è a cura di Silvana Matarazzo, che si è peritata di intervistare tutte le 27 voci di anglisti, storici del teatro, pensatori, registi, attori, cantanti, musicisti, pittori, a vario titolo interpreti delle opere dell’artista,  chiamati  - insieme con i preziosi materiali dell’Audioteca Rai -  a definire un profilo il più dettagliato possibile del drammaturgo.

 Se poche sono le notizie sulla sua vita privata – sposò diciottenne una ragazza di otto anni maggiore di lui, che gli diede tre figli uno dei quali morì a 11 anni – amplissima è la sua produzione letteraria, che conta molte opere in versi e parti di poemi: soprattutto i 37 testi teatrali che hanno reso famoso nel mondo intero lo scrittore, già in vita, ma ancor più dopo la sua morte.

gabriele lavia

Gabriele Lavia in Otello

William Shakespeare è tuttora il drammaturgo più presente nei teatri mondiali, il più conosciuto, apprezzato, venerato. E’ la stessa vastità delle tematiche a renderlo così univerale, visto che trattò temi drammatici, tragici, ma anche comici e fiabeschi. Decisamente a carattere esistenziale è “Amleto” (1602), sul tormento interiore del principe inglese, che diede così origine all’aggettivo ‘amletico’, il quale designa l’enigmaticità dei conflitti  interni dell’uomo.



macbeth radio 6 teca

Dario Solari in Macbeth

Emblema assoluto dell’amore, giovanile, irresistibile ma avversato dalla sorte, è la tragedia “Romeo e Giulietta” (1596) sui due innamorati vissuti in Ialia nel XIII secolo, figli di casate veronesi nemiche, la cui esistenza si è conclusa con una tragica morte. All’opposto, è sogno, fantasia, scherzo, gioco, la straordinaria opera “Sogno di una notte di mezza estate” (1595), animata da una miriade di fate e folletti, dèi e sovrani capricciosi, e spiriti benefici, che ampliano l’orizzonte delle tematiche storiche di Shakespeare, fino a includere un mondo sconfinante con l’irrealtà, che nell’alta mente dell’autore è anch’essa un aspetto della realtà. Così come accanto alle tragedie sui guasti della società, sull’ansia del potere che conduce all’omicidio – “Macbeth” (1611) attraversato da una spaventosa scia di assassinii e di sangue – fa la sua comparsa il tema tutto individuale della gelosia amorosa in “Otello” (1603): anch’essa conduce il protagonista al  delitto, ma dopo un travaglio terribile e gratuito, generato dalla perversa calunnia dell’ambizioso Jago.

sogno di una notte di mezza estate

Sogno di una notte di mezza estate

Certo per Shakespeare l’umanità è prevalentemente malvagia – basti seguire “Re Lear”(1606), e l’intricato sfaccettarsi dell’ansia di potere, delle invidie, della disumanità -  ed il suo pantheon è spietato. Perciò fra gli interpreti grandeggiano attori italiani di profilo altissimo, fra cui – e saranno intervistati da Silvana Matarazzo – Gabriele Lavia, Anna Maria Guarnieri, Umberto Orsini, Giorgio Albertazzi cui di deve uno dei migliori “Re Lear” del Novecento: ciò anche se il pensiero corre ad un attore inglese grandissimo, Laurence Olivier, che lasciò negli anni ’50 una interpretazione teatrale e cinematografica senza confronti del “Riccardo III” (1592, ultima opera della tetralogia minore di Shakespeare sulla storia inglese), uno dei personaggi più crudeli e perfidi del drammaturgo.

la tempesta

Giorgio Albertazzi in La tempesta

in questa rassegna di Radio 6 Teca poteva mancare il rilievo dato a Gigi Proietti, direttore artistico del Globe Theatre di Villa Borghese, dal 2003 dedicato - come lo fu il cinquecentesco Globe Theatre elisabettiano di Londra – alle opere di Shakespeare. L’attore ha da poco ricevuto dall’Ambasciata inglese il Premio Award 2016, in nome dei suoi meriti artistici nell’allestimeto e nella diffusone delle opere del drammaturgo inglese. In tal senso, il Globe Theatre è infatti una gloria indiscussa di Roma.

Ultima modifica Lunedì, 29 Febbraio 2016 11:19
Paola Pariset.

Giornalista, specializzata nell'ambito dell'arte della musica, della danza e non solo.

Lascia un commento

Gentile lettore, dopo aver premuto il pulsante "INVIA COMMENTO", attendi il messaggio dell'avvenuto invio dello stesso in attesa di moderazione senza effettuare un nuovo invio. Sarà nostra cura validare il prima possibile il commento affinchè sia visibile

Cerca nel sito

In evidenza

"Da Venezia è tutto" con Concita De Gregorio su Rai 3 dal 30…

05-08-2017 Informazione Massimo Luciani

Anche quest'anno la Rai dedica una particolare attenzione alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia giunta quest'anno alla 74esima edizione...

Vai alla news

"Selection day" e "Again" ecco le 2 serie prodotte…

05-08-2017 Soap e serie tv Riccardo Chiaravalli

 Il gigante dello streaming online a livello mondiale Netflix, ha recentemente annunciato la produzione di due serie originali made in...

Vai alla news

Patrizio Rispo: "In 20 anni di Un posto al Sole ho suonato tutte …

06-08-2017 Interviste Alessandro De Benedictis

Dopo il nostro racconto della giornata sul set di Un posto al sole e le interviste a Luca Ward e...

Vai alla news

"The Last Tycoon" dal 28 luglio su Amazon

28-07-2017 Soap e serie tv Biagio Esposito

Dopo essere stato presentato in anteprima mondiale al Festival delle tv di Montecarlo lo scorso giugno, il serial "The Last...

Vai alla news


Seguimi sui vari social network

facebook twitter google plus Youtube linkedin

 
maridacaterini.it è una testata giornalistica
iscritta dal 02/12/2015 al registro della stampa del tribunale di Roma, al numero 187/2015
P.Iva 05263700659
Tutti i diritti riservati - Area riservata

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo