Confalonieri e quel patto per la grandezza con la Rai di Siciliano


L'incontro con Fedele Confalonieri che ha presentato a Roma la rassegna dedicata da Iris a Shakespeare

 Dopo aver presentato l’omaggio che Iris fa, per una settimana, al grande drammaturgo William Shakespeare di cui il 23 aprile si celebrano i 400 anni dalla morte, il presidente Mediaset Fedele Confalonieri, ha affrontato anche qualche argomento legato alla tv. E’ accaduto, come vi abbiamo documentato, ieri mattina nella residenza romana dell’ambasciatore inglese in Italia. 

{module Pubblicità dentro articolo}

 Confalonieri, tra l’altro ha detto di non condividere il pensiero di Carlo Freccero secondo cui il piccolo schermo deve occuparsi soltanto di tematiche televisive accantonando quelle teatrali e cinematografiche. La tv è anche cultura, nel senso più lato del termine, sottolinea il presidente Mediaset citando i programmi di Roberto Benigni che sono stati molto importanti per l’azienda di viale Mazzini. E allo stesso modo,adesso, sta procedendo Mediaset per portare la cultura al servizio dei telespettatori grazie alla rassegna dedicata al Bardo e alle reti tematiche che ne consentono la diffusione.

E a proposito di cultura, ha ricordato quel patto per la grandezza stipulato con Antonio Siciliano ai tempi in cui era presidente dell’azienda di viale Mazzini. Era il 1996. “Ci impegnammo a trasmettere in prima serata opere culturali, ricordando proprio i primi anni della Rai. Ma quando l’azienda trasmise in prime time il Macbeth, i due milioni di telespettatori messi faticosamente insieme furono un clamoroso insuccesso per una tv che rincorreva già allora modelli commerciali. E così quel sogno si infranse al primo fatale scoglio incontrato sulla sua strada.

Inizialmente restio a parlarne, Confalonieri si è poi espresso anche a proposito di Urbano Cairo e delle trattative in corso dopo l’offerta dello stesso Cairo per ottenere la maggioranza delle azioni di Rizzoli-Corriere della Sera Media Group S.p.A (RCA), uno dei più importanti gruppi editoriali italiani e attuale editore del Corriere della Sera. Ha detto: “Cairo può cambiare le carte in tavola, di lui ho un’ottima considerazione, ha molta esperienza ed è riuscito a riportare sui binari giusti La7. Certo, a mio giudizio è andato un po’ troppo a sinistra. e dovrà mettere in conto che in RCS non avrà vita facile. E’ giovane abbastanza per coniugare le nuove tecnologie all’editoria”.  Bocca cucita, invece, su Vivendi che ha acquisito Mediaset Premium: “c’è ancora molto da lavorare”.

Il Presidente Mediaset, che si è esibito anche al pianoforte in uno studio di Chopin e nella rapsodia in blu di Gershwin, ha dimostrato una buona cultura shakesperiana servita certamente per confezionare la settimana dedicata al Bardo al via su Iris dal 18 aprile. Ed ha persino svelato di aver recitato alcune sonetti di Shakespeare ad alcune giovani donne quando era giovane.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Confalonieri e quel patto per la grandezza con la Rai di Siciliano”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*