Dago in the Sky dal 1 giugno su Sky Arte HD


Anticipazioni sul programma guidato da Roberto D'Agostino in tre puntate che racconta il periodo tra la fine del Medioevo analogico e l'inizio del Rinascimento digitale

 “Dago in the Sky”, in onda dal 1° giugno il mercoledì alle 20.30 su Sky Arte HD, è un viaggio guidato da Roberto D’Agostino in tre puntate tra la fine del medioevo analogico e il nuovo Rinascimento digitale. Un viaggio tra informazione, curiosità, cultura, tecnologia, belle arti.

{module Pubblicità dentro articolo}

La prima puntata “Io sono la mia fiction (Selfie o la ricostruzione di sè)”, è dedicata ai selfie . Secondo Roberto D’agostino infatti la vita è una battaglia per non essere se stessi. Una battaglia tra ciò che siamo e ciò che vorremmo essere. E il selfie, è oggi la via più semplice per consegnare agli altri una immagine diversa di se stessi. Ecco perché è diventato un’ossessione, l’ultima dittatura/orgasmo dei nostri tempi, per molti “un disturbo mentale di massa”: la rivoluzione digitale ci dà la possibilità di creare una vita parallela attraverso i social network. Pubblicare una propria foto privata è un modo per catturare l’attenzione, e, sottolinea James Franco, l’attenzione è potere. Aggiunge lo scrittore Douglas Coupland: “I selfie sono in genere considerati una manifestazione di vanagloria strettamente collegata alla fine della civiltà, ma io non credo che siano così male. I selfie sono tentativi di creare un autentico senso di sé al cospetto del vortice di informazioni che cresce a ritmo esponenziali e in cui essere un individuo autonomo sta diventando sempre più difficile”. In questa puntata saranno trasmessi gli interventi di Obama, Papa Bergoglio, Kirsten Dunst, James Franco.

dago in the sky selfie

La seconda puntata, Infernet o Paradiso?, racconta come il web abbia rivoluzionato praticamente ogni settore. Per tanti Internet è il miglior strumento per cambiare il mondo che sia mai stato inventato. Secondo D’Agostino infatti, per gran parte degli intellettuali del ‘900 Internet è piuttosto un “infernet”, un inferno, come tuonò Umberto Eco, che da “diritto di parola a legioni di imbecilli che prima parlavano al bar dopo un bicchiere di vino e ora hanno lo stesso diritto di parola dei Premi Nobel”. Non solo. La rivoluzione digitale ha svuotato tutte le arti visive, dal design alla moda, dal rock alla pittura. Davvero con Internet, la Storia, con la esse maiuscola, è finita? O magari l’energia creativa della nostra epoca si sta riversando dalle belle arti nella nuova tecnologia?

{module Pubblicità dentro articolo}

In questa puntata speciali interviste a Silvia Ronchey, Gianni Canova, Francesco Bonami, Fabiana Giacomotti.

 dago in the sky creatività

Il terzo e ultimo appuntamento, racconta L’Impero del Porno, un tema ricorrente nel portale di Roberto D’Agostino “Dagospia”, il quale sostiene che ci sia «una storia della pornografia che ancora non è stata mai raccontata, poiché nessuno ha sottolineato il vero potere del porno: la sua rivoluzione nel campo dell’economia. Microsoft, Apple, Samsung, Sony, tutti i colossi della rivoluzione tecnologica hanno costruito il loro impero negli ultimi 20 anni, grazie soprattutto all’industria del porno. Secondo D’Agostino è la voglia di luci rosse, mica la voglia di informazione, che ha spinto un pubblico di massa verso l’acquisto di polaroid, videocamere, computer, smartphone, tv satellitari, paypal, e-commerce, etc. E’ il porno che ha costantemente richiesto connessioni più veloci, maggiore ampiezza di banda. In questa puntata non mancheranno interventi di Federico Zecca, Stefano Sgambati, Giovanna Maina, Rocco Siffredi.

A Roberto D’Agostino è stata dedicata una parodia da parte di Ubaldo Pantani



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Dago in the Sky dal 1 giugno su Sky Arte HD”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*