Tv2000, Ruffini: “Continueremo sulla strada dell’innovazione e della contemporaneità”


L'intervista al direttore di Tv2000 e Radio InBlu dopo la presentazione dei palinsesti 2017-18


L’offerta di Tv2000 e Radio InBlu per il 2017-18 si caratterizza per le tante conferme ma anche per l’arrivo di format condotti da volti noti al grande pubblico. Un mix che soddisfa il direttore delle due reti edite dalla Conferenza Episcopale Italiana, Paolo Ruffini, che abbiamo incontrato a margine della presentazione dei palinsesti delle due emittenti a Milano.

Quali sono gli obiettivi che Tv2000 e Radio InBlu intendono raggiungere per la prossima stagione?

Ciò che accomuna le due emittenti è l’utilizzo del linguaggio della contemporaneità. Questo è il nostro sforzo, da compiere però all’interno di un preciso progetto. Se così non fosse, la televisione e la radio finirebbero per non avere alcun significato, diventando solo un chiacchiericcio indistinto, delle immagini senza né capo né coda tra cui non c’è nessuna relazione. Questo nostro intento fa sì che anche le persone più diverse, ma accomunate da una stessa visione e dal voler dare un senso al loro essere uomini di comunicazione, si ritrovino a Tv2000. L’emittente oggi ha dei personaggi che in passato probabilmente non avrebbe immaginato di avere: penso a Michele La Ginestra, Max Laudadio, Beatrice Fazi, Cesare Bocci, Eugenio Finardi. Sono nostri compagni di viaggio in un cammino di senso. Rifletto anche sull’offerta dei film: Tv2000 si è distinta per una programmazione cinematografica di qualità. Questo restituisce alla tv cattolica uno sguardo potente sul mondo dell’audiovisivo, garantito attraverso la messa in onda di pellicole classiche e più recenti. Tutto ciò ci fa essere contemporanei e se non lo si è non si può parlare al pubblico di oggi.

PAOLO RUFFINI

Dal 2014 è al timone di Tv2000: che bilancio fa della sua direzione?

Quando siamo partiti tre anni fa, i progetti che oggi raccontiamo erano soltanto delle idee che potevano anche non concretizzarsi. Poi sono diventati programmi, sono diventati persone venute a lavorare con noi in maniera gratificante. Tutto si è poi tradotto in ascolti e pubblicità in crescita. Quindi il bilancio è positivo, ma nello stesso tempo dico che non ci sentiamo arrivati, anzi: dobbiamo continuare con l’inquietitudine, con la curiosità e la voglia di innovare sempre. Guai pensare di essere arrivati, perché è proprio quello il momento in cui ci si ferma.

Questo è solo un estratto dell’intervista al direttore di Tv2000 e Radio InBlu. Per ascoltarla integralmente, non vi resta che cliccare “play” sul video che apre il nostro post. 



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Tv2000, Ruffini: “Continueremo sulla strada dell’innovazione e della contemporaneità””

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*