Tv2000, al via Italiani anche Noi dal 14 gennaio


Primo appuntamento sull'emittente Cei, alle 19.30, con il nuovo programma Italiani anche Noi a cura dello scrittore Eraldo Affinati che racconta l'Italia dell'accoglienza. 10 le puntate previste.


Parte questa sera su Tv2000 Italiani anche Noi, il nuovo programma presentato dallo scrittore e insegnante Eraldo Affinati che racconta l’Italia dell’accoglienza. Un viaggio in dieci tappe alla scoperta delle Penny Wirton, le scuole di italiano per stranieri, gratuite, fondate da Affinati e dalla moglie Luce Lenzi. La trasmissione, in onda a partire dalle 19.30, è una delle tante novità del palinsesto 2017-2018 dell’emittente diretta da Paolo Ruffini.

Il programma, firmato anche da Monica Mondo, porterà il telespettatore a scoprire le attività di alcune scuole di italiano per stranieri ed ogni appuntamento si baserà su un tema di riferimento: Roma (scuola), Viterbo (cura), Trebisacce (legalità), Lucca (amicizia), Forlì (patria), Udine (confine), Ferrara (futuro), Milano (radici), Bari (sud), Roma (famiglia).

Raccontare su Tv2000 le storie delle scuole Penny Wirton è stata un’avventura speciale. Noi insegniamo la lingua italiana agli immigrati: lo facciamo gratis, senza classi, senza voti, senza burocrazie“, ha dichiarato lo scrittore. Che poi ha aggiunto: “Penny Wirton era l’orfanello dell’omonimo romanzo di Silvio D’Arzo: un Oliver Twist nostrano. A lui io e mia moglie, Anna Luce Lenzi, entrambi appassionati di questo scrittore, ci ispirammo dieci anni fa per fondare la prima sede romana. A quel tempo non credevamo che ne sarebbero nate tante altre in ogni parte del Paese: in questo momento sono trentatré. Centinaia di persone che lavorano a fondo perduto: una diversa dall’altra, ma tutte unite dall’azione pedagogica. Con Paolo Ruffini e Monica Mondo abbiamo voluto accendere le luci su un’Italia troppo spesso trascurata oppure vista per stereotipi: quella che, accogliendo i migranti, mette in gioco se stessa. Il luogo dell’incontro è la nostra lingua“.

Eraldo Affinati – Fonte foto Tv2000

L’idea del programma è raccontare l’Italia che arriva e l’Italia che accoglie: la scuola viene concepita come punto di incontro fra italiani e stranieri, che con l’aiuto di generosi insegnanti hanno l’opportunità di imparare la nostra lingua per integrarsi, capire la nostra cultura per conoscere la realtà e i propri diritti, ma soprattutto per sentirsi italiani.

Non avevo mai partecipato alla creazione di un programma televisivo, quindi mi sono messo all’opera senza conoscere il sentiero che avrei percorso“, ha aggiunto Affinati. “Ho scritto i testi guardando i filmati, poi li ho letti nella voce fuori campo che accompagna il telespettatore. Sin dall’inizio ho avuto chiaro quale poteva essere la guida ideale: don Lorenzo Milani. Chi sono infatti i ragazzi di Barbiana di oggi se non Mohamed, Omar, Tatiana e Fatima?  Il viaggio di Italiani anche noi è punteggiato dalle sue frasi ancora profetiche, nel sogno di un’altra scuola. Accanto al priore ho immaginato la presenza dei nostri più grandi scrittori, come se fossero il tetto della casa spirituale che accoglie gli immigrati. Un programma così è sempre il frutto di un impegno collettivo a cui partecipano tante persone, ognuna delle quali offre un contributo significativo. In questo caso, in particolare, si tratta a mio avviso di un prezioso tassello del lavoro umano che tutti siamo chiamati a svolgere in Italia e in Europa in un momento storico davvero speciale per migliorare, nel nostro piccolo, la qualità della relazione umana“, ha poi concluso.

Per Eraldo Affinati, scrittore tra i più stimati del nostro panorama letterario, insegnante ma anche editorialista per Avvenire e Repubblica, le novità non sono finite: il prossimo 30 gennaio uscirà nelle librerie Tutti i nomi del mondo, edito da Mondadori.



0 Replies to “Tv2000, al via Italiani anche Noi dal 14 gennaio”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*