Maria Grazia Cucinotta: “niente più cucina ma produzioni per gli adolescenti”


Intervista a Maria Grazia Cucinotta che racconta del suo corto sul bullismo e svela una particolare attenzione verso il mondo dei ragazzi.


 Attrice e produttrice italiana Maria Grazia Cucinotta è conosciuta per la sua interpretazione nel film di Massimo Troisi: Il postino e per la partecipazione nella pellicola Il mondo non basta della saga 007. Attualmente ha firmato la regia del corto “Il compleanno di Alice” sul bullismo al femminile, in onda questa sera su Studio Universal. L’artista siciliana ci ha raccontato come è nata l’idea, ha parlato del suo impegno nella lotta al bullismo ed ha anticipato il suo prossimo progetto televisivo ancora basato sulle problematiche dei teen ager.

Ci racconta la genesi de Il compleanno di Alice?

Tutto è iniziato dai racconti di mia figlia di 15 anni che mi chiedeva come mai molti genitori non si rendono conto del disagio dei loro ragazzi. Il plot è ispirato a una storia vera. L’obiettivo del cortometraggio è attirare l’attenzione non dei ragazzini, che sono ben al corrente di ciò che succede, ma dei genitori che tendono a minimizzare i richiami di aiuto dei ragazzi. Nella mente di un adulto un bambino non può avere problemi e di conseguenza anche noi creiamo dei mondi immaginari dove i nostri figli sono felici e perfetti. Invece dobbiamo essere attenti e prenderci cura della loro vita. Molte volte tendiamo a dar la colpa agli insegnanti perché pensiamo che si possano sostituire a noi, ma non è vero, non hanno gli strumenti per farlo. Si è creato un muro tra le due parti che dovrebbero, invece, dialogare.

Adesso sta realizzando la serie Teen. A che punto è il progetto?

 Abbiamo aperto i casting in tutte le scuole superiori italiane per cercare cinquanta protagonisti. I selezionati seguiranno per due settimane una scuola di recitazione. Realizzeremo, in quel contesto, un mini-reality che trasmetteremo perché vogliamo che emerga il talento. Lungi da noi alimentare finte illusioni. Al contempo desideriamo che ognuno dei ragazzi prescelti possa realizzare un piccolo sogno. L’idea è nata da mia figlia, in cinque hanno scritto la puntata zero. Gli episodi saranno in totale quattordici.

teen cucinotta

Niente attori noti. Come mai?

Io voglio creare delle star italiane in cui i nostri ragazzi possano identificarsi. Gli sceneggiatori sono giovani, stanno frequentando ancora gli studi e scriveranno con una supervisor ben affermata.

Anche in “Teen” si parlerà di bullismo?

Sì, tratteremo tutte le questioni che riguardano i teenagers: partiamo da un caso estremo per poi sviluppare tutte le ramificazioni, dagli innamoramenti al cyberbullismo (è del 17 maggio l’approvazione definitiva del Senato alla legge per contrastarlo, nda), dalla bulimia al problema dei genitori separati, solo per citarne alcune. Si parla della vita con le sue bellezze e brutture. La regia sarà curata da me e Paula Boschi, anche sceneggiatrice.

Come è organizzata la presenza degli adolescenti in Teen?

Ci sarà un talent durante i giorni di formazione nella scuola di recitazione e man mano sarà il pubblico a decretare chi andrà avanti.

celebrity masterchef.cucinotta

Durante l’incontro stampa per la presentazione del cortometraggio, ha elogiato l’introduzione della recitazione a scuola…

Mi auguro che venga messa in atto presto perché è un percorso di vita. E spero che possano esserci degli insegnanti adeguati. I ragazzi devono poter fare speech come già accade in America, abituandosi così a parlare in pubblico, vincendo la timidezza e acquisendo fiducia in se stessi.

{module Pubblicità alternativa}

Non le manca la recitazione?

La mia attività adesso abbraccia vari settori. In Italia mi sono dedicata in particolare a sviluppare opportunità lavorative perché è giusto contribuire alla realizzazione di un futuro propositivo. Io ora ho 48 anni e farò dei ruoli in linea con l’età. Bisogna creare delle star italiane brave, che possano diventare protagoniste del cinema del futuro.

Dopo aver partecipato a Celebrity MasterChef ha mai pensato a realizzare, come produttrice, un talent culinario?

No, perché è un settore che non mi appartiene. Ho partecipato come concorrente per gioco e perché il montepremi sarebbe stato devoluto in beneficenza.



0 Replies to “Maria Grazia Cucinotta: “niente più cucina ma produzioni per gli adolescenti””

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*