Striscia la notizia, tapiro d’oro alla Chaouqui


La consegna del tapiro alla giovane Pr accusata di essere uno dei corvi del Vaticano


 Nella puntata di questa sera di Striscia la Notizia, in onda su Canale 5 nella fascia dell’access prime time, alle 20.40,  Francesca Immacolata Chaouqui riceverà il Tapiro d’oro per il caso dei “corvi in Vaticano”. A consegnarlo è il consueto tapiroforo del tg satirico di Canale 5: Valerio Staffelli. Come si ricorderà, la Chaouqui è indagata nel caso chiamato “corvi in Vaticano” per aver sottratto alla Santa Sede documenti riservati. Ma lei si è sempre professata innocente. Ed ha confermato la sua estraneità ai fatti nei principali salotti e talk show televisivi. Adesso la rivediamo a Striscia la notizia dopo essere stata oggetto di una convincente parodia da parte di Lucia Ocone a Quelli che il calcio.

A Valerio Staffelli, che l’ha intercettata a Roma, l’attapirata “papessa” ha detto di essere a conoscenza di altre cose sulla vicenda, ma di non voler riferire nulla: «Sono una persona onesta, ho fatto un giuramento e resto in silenzio». Al tapiroforo la Chaouqui ha poi dichiarato: «Non sono la “Corvessa”, sono la “Tapiressa”. All’interno del fascicolo processuale non ci sono prove che io abbia mai dato queste carte a nessuno. Se avessi voluto fornire informazioni avrei scritto io il libro, almeno ci avrei guadagnato qualcosa. Invece da tutta questa vicenda non ho ricavato un euro». In merito alla presunta storia d’amore con monsignor Lucio Vallejo Balda, invece, ha detto: «L’ho querelato. È tutta una storia che ha inventato lui per discolparsi». La “papessa” ha lanciato infine un appello ai telespettatori di Striscia: «Chiunque abbia una prova che io ho dato un documento a qualcuno, la tiri fuori».

Ricordiamo che il 24 novembre scorso è cominciato in Vaticano il processo ai “corvi”  ovvero a quei personaggi accusati per la sottrazione e la diffusione di documenti riservati della Santa Sede.

Sono stati cinque gli imputati chiamati davanti al tribunale a discolparsi e a dire la propria verità dinanzi alle accuse loro mosse. Si tratta di Lucio Vallejo Balda, Francesca Immacolata Chaouqui, i giornalisti Gianluigi Nuzzi, Emiliano Fittipaldi e Nicola Majo.

Tra questi Vallejo Balda, Chaouqui e Maio dovranno rispondere anche di associazione a delinquere.

Nell’immediata vigilia della prima udienza è stata diffusa la notizia della presenza di un memoriale di Monsignor Lucio Valejo Balda. Dal memoriale è scaturito che il prete abbia avuto una storia a luci rosse con la Pr Francesca Chaouqui con la quale ha lavorato in una commissione voluta da Papa Francesco per gli affari economici del Vaticano.



0 Replies to “Striscia la notizia, tapiro d’oro alla Chaouqui”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*