Melaverde Raspelli e Hidding in provincia di Trento e di Cuneo


Domenica 20 novembre su Canale 5, va in onda la puntata numero 544 di "Melaverde". Il programma del day-time delle Reti Mediaset, condotto da Edoardo Raspelli ed Ellen Hidding è giunto alla diciannovesima edizione. Vediamo quali sono le località nelle quali si recanoi due padroni di casa on the road.


  Domenica 20 novembre su Canale 5, va in onda la puntata numero 544 di “Melaverde”. Il programma del day-time delle Reti Mediaset, condotto da Edoardo Raspelli ed Ellen Hidding è giunto alla diciannovesima edizione. Vediamo quali sono le località nelle quali si recanoi due padroni di casa on the road.


Questa settimana Ellen Hidding ci presenterà la Valle Ellero una porzione di terra della provincia di Cuneo che parte da Roccaforte Mondovì fino al monte Mongioie. Qui, da centinaia di anni, nel periodo estivo, i pascoli accolgono centinaia di bovini di Razza Piemontese durante il tradizionale viaggio della transumanza. Ad accompagnare questi animali lungo il loro viaggio estivo ci pensano i malgari che partono da fondovalle per raggiungere i pascoli in quota per poi scendere alle porte dell’autunno. Ma che cosa significa vivere in alpeggio per mesi interi? Ne parleremo con Flavio un giovane malgaro che insieme a mamma Marinella e suo fratello Giuseppe porta avanti questa storica attività iniziata prima dal nonno e poi proseguita dal padre. Amare un territorio significa anche riqualificarlo e fare in modo che torni ad essere popolato. È il caso della seconda storia di questa puntata dove conosceremo Borgo Baracco, un’antica borgata di montagna oggi recuperata grazie ad un progetto che ha ripopolato le vecchie abitazioni accogliendo nuovi abitanti e attività. Ne sa qualcosa la famiglia Unia che grazie ad un gregge di 100 pecore tiene puliti i castagneti e il sottobosco della zona producendo così formaggi caprini freschi e stagionati, venduti in un piccolo spaccio oppure utilizzati nel loro B&B .
Raspelli EdoardoPolesineParmense 700
La storia che Edoardo Raspelli racconta oggi, riguarda una famiglia trentina (di Sarnonico) che qualche anno fa ha deciso di produrre pane, ma partendo dalla base, dalla coltivazione dei cereali. Grano, segale, farro, mais vengono piantati lì dove un tempo crescevano le patate. Raccolti maturi, i vari grani vengono trasformati in farina nel piccolo e antico mulino casalingo, per poi diventare tanti tipi di pane diversi. Una famiglia normale che è riuscita a fare qualcosa di speciale. Nel 1861, anno dell’Unità d’Italia, si consumava quotidianamente più di un chilo di pane a testa. Oggi meno di un etto. Ma il dato interessante è che quasi il 90% del pane che acquistiamo oggi, chiediamo che sia pane fatto in modo artigianale.

{module Pubblicità dentro articolo}

Siamo in Val di Non, la più ampia valle del Trentino. Terra di acqua, di laghi e di castelli, di montagne dolomitiche patrimonio dell’UNESCO, dove vive l’orso bruno, ma anche terra di suggestivi canyon sotterranei . Andremo alla scoperta di questo territorio, conosciuto soprattutto per la coltivazione della mela DOP, ma ricco di tanti tesori tutti da scoprire.



0 Replies to “Melaverde Raspelli e Hidding in provincia di Trento e di Cuneo”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*