Tutta colpa di Galileo, la diretta della prima puntata


La prima puntata del nuovo programma di Italia 1 condotto da Annalisa Scarrone


Dopo aver raccontato il Cern agli spettatori di Italia 1, Annalisa Scarrone torna in tv con Tutta colpa di Galileo. Ancora un appuntamento con la scienza, ma stavolta dedicato al Centro Astronautico Europeo (EAC).

Il programma debutta questa sera, subito dopo Le Iene Show. Seguiamo la puntata in diretta, prima di tre.

Laureata in fisica, la cantante incontra la “signora dello spazio”, cioè la prima donna italiana a laurearsi in ingegneria aeronautica. Amalia Ercoli Fini è una delle scienziate dietro alla missione Rosetta: “Noi volevamo scendere sulla cometa, e l’abbiamo fatto. Le comete nascono col sistema solare, ce ne raccontano la storia: quando le studiamo, vediamo il sistema solare da bambino”, spiega. L’avventura di Annalisa però, è appena iniziata: la ragazza è in auto, diretta in Germania.

Siamo ora a Colonia, dove si trova la sede del Centro Astronomico Europeo, luogo in cui si “allenano” gli astronauti. Oggi alla stazione risiedono a turno sei astronauti: tra loro, anche Samantha Cristoforetti. Proprio la Cristoforetti mostra la struttura ad Annalisa, raccontandole i lunghi test affettuati per essere selezionata. L’addestramento è inizialmente basico, poi si passa a corsi di sopravvivenza, robotica, passeggiate spaziale, si studiano le situazione di emergenza e come gestire i conflitti. Una volta saputo che si è stati scelti per la missione nello spazio, vi sono poi due anni e mezzo di preparazione. “Bisogna percepirci come l’equipaggio della Terra, piuttosto che come di passaggio”, prosegue la Cristoforetti; le parole sono accompagnate dalle spettacolari immagini dello spazio visto dall’astronave.

tutta colpa di galileo annalisa2

L’esplorazione dell’EAC prosegue nella stazione spaziale: alla Scarrone viene mostrato come ci si allena, simulando l’ambiente e le esatte condizioni dell’astronave nello spazio, quali pressione e velocità. Ma vengono effettuati anche allenamenti in immersione.

Di solito, tre dei sei astronauti sono russi: questo perché il centro è per metà russo e per metà americano. Gli altri tre componenti invece, possono essere due americani e un giapponese, oppure due americani e un europeo. Annalisa si introduce anche nella sala di controllo, dove Marco lavora monitorando i terminali delle varie sale.

La sera è da trascorrere insieme a casa di Marco, con gli scienziati che hanno accompagnato la conduttrice durante la giornata. La puntata si conclude con Annalisa che intona a cappella Una finestra tra le stelle. Domenica prossima scopriremo quanto l’Italia contribuisce al progetto e alle scoperte dell’ EAC.



0 Replies to “Tutta colpa di Galileo, la diretta della prima puntata”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*