Amadeus nessuna nostalgia per “L’Eredità” adesso mi dedico a “Music Quiz”


È stato il primo conduttore del preserale di Rai 1 "L'Eredità", successivamente Amadeus ha legato il suo nome a molte trasmissioni sia di Rai1 che di Rai2. Recentemente ha condotto sulla seconda rete diretta da Ilaria Dallatana, "Stasera tutto è possibile". La nostra intervista al conduttore Amadeus.


È stato il primo conduttore del preserale di Rai 1L’Eredità“, successivamente Amadeus ha legato il suo nome a molte trasmissioni sia Rai che Mediaset. Recentemente ha condotto sulla seconda rete diretta da Ilaria Dallatana, “Stasera tutto è possibile. E in estate è stato al timone del programma record di ascolti “Reazione a catena. In tutta la sua carriera Amadeus è stato presente su reti differenti gestendo così programmi diretti a diversi target di pubblico. E così dal 16 dicembre i telespettatori lo ritrovano su Rai1 al timone del nuovo programma “Music Quiz“. Sette puntate di uno show musicale nel quale otto vip, separati in due squadre, si confrontano per cercare di individuare l’interprete delle canzoni che vengono loro proposte.

É lo stesso Amadeus, dopo l’anticipazione da noi fatta del programma, a raccontarci l’essenza di Music Quiz e a parlarci di particolari della sua carriera.music quiz amadeus

Un nuovo programma di musica nella prima serata di Rai1. Non è un azzardo?

Innanzitutto il programma è un esperimento che porta per la prima volta il quiz musicale sul prime time della prima rete. È un format sperimentale ispirato al francese “The Big Music Quiz Show” che ha avuto molto successo ed è stato acquistato da molte tv straniere. Il nostro però è un rischio calcolato, il programma va in onda nel periodo giusto per un gioco musicale e soprattutto siamo fuori garanzia. Io personalmente sono molto curioso di vedere come reagisce il pubblico di Rai1 dinanzi a questo divertimento in musica.

Quale tipo di pubblico tentate di coinvolgere?

Miriamo soprattutto ad un pubblico trasversale fatto di piccoli e grandi. Per come è organizzato Music Quiz potrebbe essere considerato una sorta di “Rischiatutto” della musica. Infatti i partecipanti dovranno affrontare prove sempre basate su canzoni quasi sempre rielaborate in maniera da renderle irriconoscibili. Insomma la musica diventa un gioco, un vero e proprio divertissement come lo era stato ad esempio “Stasera tutto è possibile”.

amadeus reazione a catena

Lei è stato al timone di “Reazione a catena”, il quiz campione di ascolti in estate. Perché, secondo lei, ha avuto tanto successo?

Reazione a catena ha una sua forza. In 10 anni è stato in grado di rinnovarsi pur rimanendo fermo lo schema sul quale si basa. 

Sente nostalgia per “L’Eredità” di cui è stato il primo conduttore?

Assolutamente no, non ho mai nostalgia per i programmi fatti in passato, rimangono nella mia carriera come passi importanti, ma guardo sempre al futuro.music qui logo

Che le riserva adesso il futuro?

Io amo moltissimo la tv nel mondo, mi piace vedere come gli altri popoli si comportano dinanzi al piccolo schermo. E amo soprattutto i format. All’estero ce ne sono moltissimi che potrebbero essere portati in Italia e riadattati alle esigenze della tv di casa nostra. Il preserale fuori confine dura al massimo 30 minuti. In Italia invece bisogna quasi sempre allungare i format. Ma c’è anche un’altra abitudine delle televisioni straniere che noi non abbiamo. 

{module Pubblicità dentro articolo}

Quale?

All’estero non buttano via nulla del mondo della tv. Se si sperimenta un format, lo si manda in onda per alcune puntate pilota per testarne il gradimento. Poi lo si lascia riposare per due o tre anni nel corso dei quali viene sottoposto a revisione accurata e successivamente lo si ripropone al pubblico.



0 Replies to “Amadeus nessuna nostalgia per “L’Eredità” adesso mi dedico a “Music Quiz””

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*