Sanremo 2018, tutti i rumors sui conduttori


I nomi accreditati per la conduzione della 68esima edizione del Festival di Sanremo


Ormai archiviata la gestione triennale di Carlo Conti, molti sono i rumors che si rincorrono sull’edizione 2018 del Festival di Sanremo. Dopo gli anni di Conti, l’obiettivo è mantenere lo stesso trend positivo in quanto ad ascolti.
Naturalmente impazzano le voci sul prossimo padrone di casa all’Ariston. Le ipotesi sono molteplici.

Innanzitutto circola il nome di colui che, già lo scorso febbraio, veniva dato come il favorito in riviera: Paolo Bonolis. Il conduttore, nella scuderia di Lucio Presta, era considerato un più che papabile candidato già nei mesi scorsi: durante l’edizione 2017 del Festival infatti, il suo nome ha aleggiato nella sala stampa dell’Ariston. E ora, dopo aver scaldato i muscoli con Music su Canale 5, e nei prossimi giorni con il concerto di Vasco Rossi proprio su Rai 1, Bonolis potrebbe tornare a Sanremo.
Senza considerare che Paola Perego è stata confermata per la prossima stagione, motivo per cui i rapporti tra Presta e la Rai si sarebbero rinsaldati.
Non solo Paolo Bonolis, volto Mediaset. Tra i candidati per la città dei fiori infatti, ci sarebbero anche alcuni tra i protagonisti dell’azienda di Viale Mazzini.
Innanzitutto Amadeus, che con vedrebbe così riconosciuti gli importanti risultati ottenuti con Reazione a catena e con Stasera tutto è possibile. Il conduttore inoltre, non ha mai calcato il palco della kermesse canora, perciò la sua sarebbe una vera e propria promozione nell’azienda.

bonolis clerici sanremo2005Antonella Clerici e Paolo Bonolis al Festival di Sanremo nel 2005

Sempre da casa Rai, potrebbe arrivare Antonella Clerici: per lei sarebbe così la terza volta. La prima nel 2005, al fianco di Paolo Bonolis insieme a Federica Felini, e la seconda nel 2010 come padrona di casa assoluta. Quest’anno invece, è stata ospite ma, nei pochi minuti di presenza, ha letteralmente rubato la scena all’algida Maria De Filippi.
E potrebbe approdare nella riviera ligure anche Fabrizio Frizzi, altro protagonista simbolo dell’attuale Rai. Il conduttore, dopo anni di onorata carriera, non ha ancora avuto modo di gestire la kermesse: il 2018 potrebbe dunque essere l’anno giusto.
Altra ipotesi per Sanremo 2018 è quella di Mika. Lanciato da Sky come giurato di X Factor, è ormai protagonista della tv generalista italiana. Sbarcato a Rai 2 per il varietà Stasera Casa Mika, l’artista rappresenterebbe un gesto di rottura rispetto al passato: un volto nuovo all’Ariston, di respiro internazionale, ma con il rischio di essere poco gradito al pubblico nazionalpopolare che rappresenta lo zoccolo duro del Festival di Sanremo.

15nov stasera casa mika renzo arbore mikaStasera Casa MIka

Infine, l’ultima ipotesi. Tra i nomi che sembrerebbero accreditati per Sanremo 2018 ci sarebbero Rosario e Beppe Fiorello.
Se i due fratelli gestissero la 68esima edizione del Festival, gli ascolti sarebbero assicurati: un compito a cui Rosario Fiorello assolverebbe con successo, visto il gradimento che riscuote presso il pubblico. Beppe invece, dal canto suo, è l’uomo della fiction “impegnata”, spesso in promozione proprio all’Ariston. Uno costituirebbe il lato più scanzonato, l’altro quello più istituzionale dello show.
Va sottolineato però che il nome di Rosario Fiorello circola puntualmente ogni anno: ogni volta la sua non si rivela nemmeno un’ospitata, quanto un saluto per la clip di un cantante. Del resto, lo stesso Fiorello ha continuamente ribadito di non essere interessato a uno show di prima serata, nonostante le offerte certo non manchino.
Un ritorno in Rai che finora si è sempre rivelato una falsa notizia, ma non per questo meno appetibile. Che il 2018 sia la volta buona?



0 Replies to “Sanremo 2018, tutti i rumors sui conduttori”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*