Speciale L’Arena, prima dell’addio alla Rai,Giletti torna il 2 luglio con le liti in tv


Domenica 2 luglio alle ore 14:00 Massimo Giletti conduce la terza puntata di "Speciale L'Arena". Protagoniste del appuntamento sono le liti più spettacolari che sono avvenute sul piccolo schermo.


Sono le ultime settimane in cui i telespettatori troveranno Massimo Giletti nel pomeriggio festivo di Rai1. Come sappiamo il giornalista è ad un passo dall’addio alla tv pubblica. Intanto, domenica 2 luglio alle ore 14:00, conduce la terza puntata di “Speciale L’Arena. Protagoniste dell’appuntamento sono le liti più spettacolari avvenute sul piccolo schermo.

Massimo Giletti si era già occupato di liti in tv nel programma che aveva condotto nel luglio 2015 dal titolo “I duellanti“.

Il giornalista riprende dunque lo schema del suo ex programma in questa puntata e ripercorre i casi più singolari ed eclatanti delle liti furibonde accadute sul piccolo schermo. Nel programma “I duellantiGiletti, a distanza di anni, aveva contattato i protagonisti dei litigi e li aveva invitati insieme nello studio e cercare di riconciliarli. Alcuni avevano accettato, invece altri avevano declinato l’invito.

Giletti parte dal memorabile scambio di battute al vetriolo avvenuto tra l’allora ministro delle Pari Opportunità Katia Bellillo e l’onorevole Alessandra Mussolini. Le due donne erano protagoniste di una puntata di “Porta a Porta“. Nel corso del litigio i toni divennero alti e la discussione si infiammò tanto che le due protagoniste arrivarono addirittura alle mani. A distanza di anni le due parlamentari ricordano quanto accadde e cercano di dare una spiegazione sui motivi che le spinsero a superare il limite di guardia della eleganza in televisione e a scadere nel trash più volgare. Quella puntata di “Porta a Porta” fu talmente seguita da raggiungere l’incredibile share del 73%. Insieme a Massimo Giletti i telespettatori potranno vedere se le due protagoniste sono disposte a tornare sui loro passi.

liti in tv mussolini

Ma Alessandra Mussolini non è nuova a discussioni sopra le righe. Ce n’è stata un’altra in cui ebbe come interlocutrice Vladimir Luxuria. Le due parlamentari erano ospiti di un’altra puntata di Porta a Porta. Correva l’anno 2005. Si parlava dei diritti degli omosessuali e le diverse opinioni della Mussolini scatenarono l’ira della parlamentare di destra che apostrofò Vladimir Luxuria con un termine talmente guardare da essere irripetibile. Un vero e proprio insulto sessista (meglio fascista che f*****o). Nella puntata de “I duellanti” in cui Giletti parlava di questo caso, era stata invitata anche la Mussolini, che si era rifiutata di intervenire.

Un’altra lite di cui Massimo Giletti si occuperà nella puntata del 2 luglio è quella che c’è stata tra Ignazio La Russa e Davide Parenzo. I due si sono ferocemente scontrati in un duello televisivo. Vedremo se tra di loro, dopo anni, potrà scoppiare la pace e mettere a tacere la guerra.

Ma Giletti non sarà solo a gestire questa puntata così singolare. Accanto a lui in studio c’è il conduttore Giancarlo Magalli che evocherà altre storie di liti, tra cui il diverbio altrettanto feroce tra Vittorio Sgarbi e Roberto D’Agostino. I due erano ospiti di Pippo Baudo e nel corso di una discussione apparentemente normale, i toni e le battute degenerarono tanto da sfociare, da ambedue le parti, in una serie di pesantissimi insulti anche personali.

Queste sono le ultime puntate de L’Arena di Massimo Giletti in onda nel pomeriggio domenicale di Rai 1. Il talk show infatti è stato bandito dal palinsesto autunnale della prima rete e Giletti, nonostante gli ottimi ascolti, appare come epurato dall’azienza di viale Mazzini.

La regia di Speciale L’Arena è di Giovanni Caccamo.



0 Replies to “Speciale L’Arena, prima dell’addio alla Rai,Giletti torna il 2 luglio con le liti in tv”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*