Miss Italia 2017 la conferenza stampa


Tutte le dichiarazioni dei partecipanti alla presentazione dell'edizione 2017 del concorso di bellezza.


Nell’attesa della finalissima prevista per sabato 9 settembre in prima serata su La7, questa mattina si è svolta a Milano, la conferenza stampa di presentazione di Miss Italia 2017. Oltre a Patrizia Mirigliani, patron del concorso, era presente il conduttore Francesco Facchinetti che gestisce, per il secondo anno consecutivo,l’incoronazione della reginetta di bellezza made in Italy.

Tra le novità di questa edizione la presenza della giuria senza presidente, la riduzione del numero delle aspiranti Miss da 60 a 30 e, questa sera, l’introduzione di uno spazio riservato ai social network gestito da Rossella Fiorani, la prime delle due riserve. La Fiorani, nata con una disabilità alle mani ed ai piedi, è stata insignita del titolo di Miss Insider ed è anche la repoter del sito di Miss Italia.

Inizia con notevole ritardo la conferenza stampa di Miss Italia 2017.
La prima notizia è che Gessica Notaro sarà presente sul palcoscenico del Pala Arrex per cantare una canzone e essere insieme alle ragazze in gara.
Interviene Patrizia Mirigliani: “con Miss Italia chef vogliamo restituire alle donne il ruolo seduttivo che avevano in cucina. E vogliamo fare in modo che ci parlino delle tradizioni culinarie non solo della loro famiglia ma anche della loro regione”.
Francesco Facchinetti: “Miss Italia valorizza la bellezza di casa nostra. E soprattutto vogliamo dimostrare che essere belli significa essere in armonia con se stessi. Abbiamo un’ottima giuria, il programma di Miss Italia quest’anno non ha nulla da invidiare alle edizioni andate in onda sulla Rai. Sarà una edizione anche all’insegna dei valori come l’amicizia, l’amore, il rispetto che dobbiamo insegnare ai nostri figli”.

Patrizia Mirigliani sottolinea: “tra le 30 finaliste ci sono due ragazze di colore Miss Friuli e Miss Etruria che sono italiane a tutti gli effetti. Anche Miss Alpitour Umbria è di origine ucraina. Noi siamo stati i primi ad aprire le frontiere di Miss Italia con l’elezione, nel 1996, di Denny Mendez in tempi non sospetti”.

Patrizia Mirigliani continua: “quest’anno abbiamo avuto 5 puntate che hanno preceduto la finale. Segno che la rete crede molto nel progetto Miss Italia”.

Interviene Valerio Zoggia sindaco di Jesolo: “con la sinergia tra Jesolo e Venezia, Miss Italia sta allargando i propri confini e non è escluso che in futuro ci si possa estendere a tutta la zona metropolitana. Jesolo è un centro turistico che continua ad essere molto importante, è al top per le presenze”.

Interviene Ermelinda Damiano in rappresentanza del sindaco di Venezia e di tutta l’amministrazione: “Venezia è una città metropolitana, che appartiene al mondo e quindi è perfetta per accomunarsi a Miss Italia. Il nostro rapporto con Miss Italia vuole sottolineare che la bellezza va rispettata in tutte le sue forme e che vanno inoltre eliminate tutte le forme di pregiudizio”.

Patrizia Mirigliani: “L’età media delle miss 2017 va dai 26 ai 27 anni, abbiamo recuperato una importante fascia anagrafica che prima si sentiva esclusa. La sigla e il quadro iniziale saranno ispirati a La la Land e le miss ci porteranno negli anni 50 della Lollobrigida e della Loren. Rossella Fiorani, inoltre, la prima delle due riserve, che è nata senza falangi a mani e piedi, sarà inviata speciale sia per il sito di Miss Italia sia per la serata del 9 settembre. Racconterà quanto accade”.

Marco Ghigliani amministratore delegato di La7:  “siamo al quinto anno di Miss Italia su La7 e con la kermesse di bellezza la rete apre la propria stagione televisiva”

Ghigliani si sofferma poi sulle cifre estive della rete di Urbano Cairo sottolineando in particolare che il talk show In onda con la coppia Telese Parenzo nel mese di agosto è cresciuto moltissimo. E a proposito di Miss Italia dice che l’ultima edizione ha avuto una crescita del 20% rispetto al passato ed è stata il terzo programma più visto della serata.



0 Replies to “Miss Italia 2017 la conferenza stampa”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*