Archimede: il racconto della scienza anche in cucina


Il programma affronta la scienza con piglio leggero e comunicativo

Torna Archimede, il programma che si occupa di scienza e conoscenza varia attraverso un linguaggio leggero e accessibile al pubblico della prima serata televisiva. Archimede, infatti, giunto alla seconda stagione, va in onda da stasera, domenica 23 giugno 2013, su Italia 1 alle ore 21.25.

A calarsi nel ruolo di uno scienziato singolare e per niente istituzionale, è ancora una volta Niccolò Torielli. A lui il compito di illustrarare i più vari argomenti legati al sapere e alla conoscenza, attraverso reportage, interviste, immagini provenienti da canali televisivi internazionali
In quest’ottica, Archimede manderà in onda una spettacolare serie di documentari dal titolo “Invisible Universe”: una telecamera high speed mostrerà ciò che succede, in un lasso di tempo infinitamente piccolo, pari al battere delle ciglia o allo sbattere delle ali di una farfalla,  ad esseri viventi in movimento oppure ad alcuni fenomeni fisici.
“Generation Earth”, invece, esplora e analizza nei dettagli le grandi città, le costruzioni spettacolari e le nuove tecnologie realizzate dall’opera e dalla mente dell’uomo.
Il programma cercherà di rispondere anche ad una serie di interrogativi, quali, ad esempio: che succederebbe se la popolazione terrestre raddoppiasse? E se finisse il rifornimento di petrolio? Oppure se la terra smettesse di girare? La risposta a questi inquietanti quesiti in “Aftermath”.
Nello spazio dal titolo “Bang goes the theory” tre giovani scienziati sono alle prese con stupefacenti esperimenti e tenteranno, in maniera semplice, la verifica di teorie scientifiche e non. “Head games” esplora il funzionamento del cervello quando reagisce a molteplici sollecitazioni; “Fight Science” è il segmento riservato allo studio e all’analisi delle varie forme di lotta esistenti: mostrerà le principali mosse alla base delle arti marziali e le diverse tecniche di combattimento.
Particolare attenzione dovrà porre lo spettatore alla rubrica “Don’t ever do this at home”: due individui eccentrici, sotto l’attenta guida di vigili del fuoco e squadre di soccorso, distruggono una casa facendo esperimenti bizzarri, per mostrare tutto quello che non bisogna assolutamente fare nella propria dimora.

Il programma fornisce suggerimentii anche in caso di traslochi. Infatti “Massive moves” aiuta le famiglie non solo a traslocare, ma, soprattutto, a spostare da un luogo all’altro le loro intere abitazioni; in “Bigger better faster stronger” vengono realizzate versioni singolari di alcuni oggetti per utilizzi diversi da quelli abituali, sfruttando al massimo tutte le loro potenzialità.
In “Nature’s Weirdest Events” vengono descritti animali strani e curiosi e fenomeni naturali all’apparenza inspiegabili. E ancora, in “I human” gli organi del corpo umano sono spiegati e mostrati al pubblico attraverso spettacolari grafiche in 3D.   

Il tentativo di questa seconda edizione è di voler essere più spettacolari e originali rispetto al passato. In quest’ottica Niccolo Torielli sarà alle prese con stupefacenti esperimenti che realizzerà al Museo Nazionale della Scienza e Tecnologia di Milano.
Infine arriva addirittura la parte culinaria Eccola servita anche se in maniera idonea allo spirito di Archimede, nella rubrica  “Cotto e scienziato: la chimica in cucina”: il fine è di preparare semplici ricette per spiegare i processi chimici e fisici che stanno alla base delle operazioni di cottura e lavorazione degli alimenti.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Archimede: il racconto della scienza anche in cucina”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*