Isola dei famosi 2016, i troppi momenti trash della prima puntata


I momenti più trash della puntata del reality show condotto da Alessia Marcuzzi e in onda su Canale 5 per il secondo anno consecutivo


È stata una lunga, lunghissima, diretta la puntata del debutto dell’Isola dei Famosi 2016. L’undicesima edizione si è aperta all’insegna di un noioso quanto scontato tripudio di natiche che, anziché portare leggerezza nello show, ne ha solo mostrato i palesi limiti di scrittura.

Lo scorso anno la Playa Desnuda non aveva sortito l’effetto sperato tra Brice Martinet e Cecilia Rodriguez, le cui nudità non erano state fonte di alcun eros né erano riuscite a produrre una qualsiasi scintilla di gossip, così quest’anno si è scelto di giocare a carte scoperte. E non in senso metaforico.

Uno dei momenti “trash” per eccellenza è stato così l’imbarazzante panorama frontale del pugile Giacobbe Fragobeni, rimasto con gli attributi scoperti quando si è spostato il paravento che lo copriva. Più tardi, come se non fosse già sufficiente ricordarne i tormentoni comici, alla personalissima galleria dell’orrore dello spettatore si è aggiunto Enzo Salvi in tutta la sua natura. Quadro completo: prima il fondoschiena, poi il davanti. Come dimenticare poi, la corsetta dei “desnudi” tra un paravento e l’altro  cercando di coprirsi con le braccia.

{module Pubblicità dentro articolo}

Del resto, se per regolamento una persona deve trasportare delle stuoie nuda, le inevitabili conseguenze sono già scritte. Invece, se ad essere scritta fosse stata una qualsiasi idea diversa dalla nudità, forse il reality si sarebbe rivelato quantomeno divertente.

La Marcuzzi che finge di stupirsi quando si vedono per “errore” le parti intime, gli opinionisti che commentano l’ovvio in un contesto in cui il doppio senso non è nemmeno tale, dato che tutto è già manifesto: trovare attimi che abbiano risollevato la puntata è impresa impegnativa.

isola2016 9 marzo desnude

Senza dubbio uno degli apici della serata, è stato lo sbarco delle, come le hanno chiamate in studio, “tre grazie” Paola Caruso, Patricia Gloria Contreras e Gracia Torres. Con la fisicità esibita in pose plastiche, i gridolini, le voci stridule, hanno messo a dura prova le orecchie del pubblico che, per alcuni minuti, si è dovuto sforzare di ricordare che quello non era il Campidoglio e che non ci fossero i Galli ad assediare il colle.

Giusto per ricordare la loro missione nello show, le tre si sono premurate di mostrare il sedere perizomato alle telecamere, voltandosi tutte insieme di spalle. Per esprimere al meglio il concetto di quanto si stava palesando sul piccolo schermo, Mara Venier ha chiosato dicendo di vederle “molto aperte”. Il collega Signorini invece, ha dato il meglio quando ha fornito la spiegazione tecnica sulla vittoria di Mercedesz Henger nella prima prova: l’unica del gruppo a non avere protesi nel seno.

Ma l’unica vera, riuscita battuta,  è di Fiordaliso. In fase di nomination, prima di scrivere la sua decisione, la cantante ha infatti chiesto alla Marcuzzi: ” Mi ridici tutti i nomi?” Senza forse nemmeno rendersene conto, a lei si deve la sintesi di un cast dove di “famosi” se ne vedono davvero pochi.



One Reply to “Isola dei famosi 2016, i troppi momenti trash della prima puntata”

  • Beatrice

    Che squallore e poi dove sono i famosi ? a parte 3 persone il resto sono sconosciuti a tutti, hanno fatto bene a rifiutare all’ultimo persone come Pamela Prati, Enrico Papi, Roger Garth, Heather Parisi e Rita dalla Chiesa, è davvero troppo trash ed ormai ci va chi è alla frutta come la Ventura che se la può rigirare come le pare ma chi le crede se avesse potuto non ci sarebbe certo andata come concorrente ricordo che l’anno scorso fece di tutto per condurla tramite Lucio Presta e appena inizio l’Isola ne parlò male. Squallore totale, programma ormai finito ridotto alla frutta .

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*