Cucine da incubo, Cannavacciuolo è a Triuggio (Monza e Brianza)


Chef Cannavacciuolo si reca a Triuggio in provincia di Monza e Brianza per salvare la vecchia trattoria La Zuccona dal fallimento

 Ottava puntata questa sera di Cucine da incubo di cui sul Canale 9 sta andando in onda la quarta stagione. Questa sera chef Cannavacciuolo è a Triuggio un paese in provincia di Monza e Brianza e qui dovrà dare una mano ad una vecchia trattoria che si trova in grandissima difficoltà. Il problema principale è il distacco che si è creato tra il suo proprietario e lo staff del locale. Infatti Elio Beretta, il proprietario, sembra aver perso completamente  per cui si ritrova ad agire in maniera differente con i suoi dipendenti tutto questo non giova alla buona nomea del locale, La Zuccona.

 {module Pubblicità dentro articolo}

Il programma inizia con la  conoscenza del padrone di casa ed Elio che subito inizia a raccontare la sua vita passata dicendo che è stato in Francia per tanti anni e poi è tornato in Italia.

Elio però non ha un approccio sereno con i suoi aiutanti: alterna momenti di amicizia a momenti di rimproveri. Cannavacciuolo si rende conto di quanto sia complicata la situazione del locale. Inoltre i dipendenti di Elio hanno dei dubbi sul suo passato da chef in Francia e glielo fanno capire.

Accanto a Elio c’è sua sorella Pinuccia che non crede alla situazione drammatica del locale. Per lei va tutto bene. Ma appena chef Cannavacciuolo entra nel ristorante per poco non si mette le mani nei capelli. Viene preso da una grande tristezza.
Il padrone del ristorante mostra allo chef quali sono stati i grandi clienti dei ristoranti parigini. 

cucine da incubo 4

Ed ecco il menù: antipasto a base di funghi ma purtroppo chef Cannavacciuolo si accorge che sono congelati. Il massimo della gradevolezza è la rana intera contenuta nel risotto. Poi si continua con gli altri piatti: anche il risotto con la triglia è immangiabile.

E chef Cannavacciuolo parla chiaramente a Pinuccia: qui va tutto male e sono sicuro che neanche ai giovani piace un menù tutto a base di rane rognone animelle.

 Possibile che non ci sia altro? certo che c’è altro: la mosca nel formaggio. Gli assaggi sono stati veramente infernali. Cannavacciuolo impreparato ad una situazione di questo tipo, è ancor più scoraggiato quando si accorge che ci sono 20 clienti nella sala. E in cucina si va davvero nel pallone.

Cannavacciuolo si lamenta e sbotta: se succedesse una cosa simile nel mio locale sarei tre giorni a parlarne e a urlare.

Ma adesso bisogna cambiare la situazione. Cannavacciuolo comincia col chiamare a raccolta tutti i dipendenti e cerca di farli parlare per capire davvero che cosa non va.
E a questo punto i dipendenti cominciano a sfogarsi, raccontano che Elio dice che ha rifiutato una stella Michelin, che ha dato dei consigli a Gordon Ramsay ma nessuno gli ha creduto.

cannavacciuolo cucine da incubo 2

Adesso lo Chef chiede a tutti i dipendenti del locale di mandare un messaggio ad Elio per fargli capire quello che vogliono e come lui deve comportarsi. Elio comprende che i suoi vogliono una persona che sia un capo vero che sappia essere in grado di migliorare il locale.

E’ il momento di proporre le sue ricette. E Cannavacciuolo mostra subito come si prepara un risotto con le rane.

Successivamente è la volta delle altre pietanze, a cominciare dalla preparazione del rognone. Poi dice a tutti coloro che sono in cucina che devono tenere a mente il suo esempio e seguirlo nel tempo.

 Ed è il momento di ristrutturare il locale. Chef Cannavacciuolo comincia dall’ insegna, la migliora notevolmente e diventa anche simpatica.

Poi è la volta della sala ristrutturata, molto simpatica: insomma invoglia ad andare a mangiare. Elio, finalmente si scioglie e Cannavacciuolo lo abbraccia.

cucine da incubo 4 insegna

Arriva il momento di preparare il nuovo menù. Cannavacciuolo cerca di coniugare la storia culinaria di Elio con i gusti di una cucina giovane. Tra i nuovi piatti c’è anche un semplice spaghetto aglio e olio ma di grande gusto. Ed ecco la serata di apertura Cannavacciuolo è in cucina, Elio in sala con i clienti.

Tutto procede nel verso giusto. E la serata è un successo. Ma sapranno Elio ed i suoi mantenere lo stesso standard anche in seguito?

Intanto Cannavacciuolo saluta e dà appuntamento alla prossima puntata.



Potrebbe interessarti anche:


0 Replies to “Cucine da incubo, Cannavacciuolo è a Triuggio (Monza e Brianza)”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*