Cucine da incubo, Cannavacciuolo al Biologico di Roma


Tutto quanto è accaduto nella puntata di questa sera con Chef Cannavacciuolo che ha salvato un ristorante romano dal fallimento.

 Questa sera Antonino Cannavacciuolo è al Ristorante Il Biologico di Roma. Un locale che si trovava in condizioni fatiscenti e che viene rinovato non solo nel look ma anche nel menù da Chef Cannavacciuolo. L’appuntamento è andato in onda sul canale Nove del digitale terrestre dove sono state proposte tutte le puntate di Cucine da incubo. Seguiamo quanto è accaduto.

{module Pubblicità dentro articolo}

Antonino Cannavacciuolo fa il suo ingresso nel locale. E ne vede subito le grandi difficoltà. Soprattutto quando inizia ad assaggiare le pietanze che dovrebbero essere i piatti forti della cucina.

cucine da incubo 15maggio foto1

La conoscenza dei proprietari e del personale acuisce la desolazione dello Chef. Mi trovo come in un garage messo a posto alla buona, dice Cannavacciuolo. Che resta sbalordito quando vede che il piatto principale dello Chef Giulio è a base di gamberi. Ma di questi non se ne vede traccia.

cucine da incubo 15maggio foto2

Inoltre il Ristorante che usa prodotti propri a Km zero, si serve, invece, di cous cous precotto. L’ex giudice di MasterChef si imbufalisce e rimprovera aspramente il proprietario. 

E’ colpa della scarsità delle materie prime, vuole giustificarsi lo staff. Sono scarse in tutto questi ingredienti tuona lo Chef. 

cucine da incubo 15maggio foto3

Si va avanti. E si scopre che anche il baccalà è congelato. Dovè allora il Bio? E’ una presa per i fondelli, sbotta il cuoco. Così tutti hanno adesso coscienza di quello che si deve fare per dare appeal al locale.

Il primo passo lo fa Cannavacciuolo: un piatto contadino con materie prime davvero Bio.

Ma il titolare tenta di smorzare la delusione dell’ospite venuto per salvarlo. Invano. Cannavacciuolo insiste sulla constatazione che di Bio non c’è nulla. 

Allora Chef Cannavacciuolo ricorre a tutto il suo savoir fair ed alla conoscenza dell’animo umano. Chiama ognuno dei titolari e dello staff e spiega che cosa davvero vuol dire Bio. E per dare un senso alle parole, viene piantata una piantina nell’orto. 

cucine da incubo 15maggio foto5

Segue una lunga e approfondita visita all’azienda di prodotti biologici che si trova vicino al Ristorante. Poi Cannavacciuolo fa vedere come si prepara un vero piatto Bio con materie prime prese proprio dall’azienda accanto tra cui uova, cicorietta e ricotta.

Lo Chef mostra ancora altre creazioni: basta poco quando i prodotti sono genuini. La sorpresa dello staff è visibile: hanno tutti gli occhi pieni di gioia. 

cucine da incubo 15maggio foto6

Ma ecco il momento del rinnovo dei locali. Dopo la pubblicità ci viene mostrato un Ristorante pieno di appeal e di voglia di buon cibo. Fuori c’è anche uno spaccio di prodotti davvero bio. Ognuno dei componenti dello staff, infatti, ha ricevuto da Chef Cannavacciuolo un orticello da curare. Ed i primi risultati si vedono.

cucine da incubo 15maggio foto7

 Adesso tutti concentrati sul menù: Giulio è entusiasta e sereno. Sa che la serata di degustazione con il nuovo trend andrà benissimo. I piatti sono coloratissimi e freschi, invitano a mangiarli. Chef Cannavacciuolo è ben disposto e dispensa amichevoli pacche sulle spalle.

Il compito di Cannavacciuolo è finito.



Potrebbe interessarti anche:


One Reply to “Cucine da incubo, Cannavacciuolo al Biologico di Roma”

  • Aldo Battagliotti

    Ho visto la trasmissione Cucine da incubo sul ristorante Bio a Spinaceto,mi è piaciuta molto,vorrei inviare un saluto alla cameriera simpaticissima e con una mimica facciale espressiva notevole che non andava d’accordo con il cuoco,credo si chiamasse Cristina,ciao Aldo Battagliotti- Bari

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*