Benigni: showman di sana e robusta…Costituzione


Critica dell'evento tv La più bella del mondo con Roberto Benigni.


E’ tornato Roberto Benigni. E subito sbanca di nuovo l’Auditel. Sono stati 12.619.000  gli spettatori che lo hanno seguito nella sua rilettura della Costituzione italiana. Lo share è stato del 43,93%. Il comico toscano si è fatto portavoce di una grande, drammatica verità: la Costituzione italiana promulgata nel lontano 1948, nel corso degli anni è stata tradita e calpestata ai danni dei cittadini sovrani.  Lui l’ha riletta, analizzandone i primi dodici articoli e il telespettatore si è ritrovato a seguirlo, dall’altra parte dello schermo, con simpatia, ma anche con meraviglia e con un immenso, struggente, sentimento di malinconia per tutti i diritti sanciti di cui è stato privato.

E’ accaduto lunedì 17 dicembre, su Rai1 in prima serata nel corso del programma evento La più bella del mondo. Il titolo è riferito proprio alla nostra Costituzione.  Un prime time completamente differente che è durato due lunghe ore senza nessuna interruzione pubblicitaria. E già questo è un evento. Roberto Benigni ha esordito con un lungo monologo dedicato alla politica e in particolare a Silvio Berlusconi. Per una di quelle singolari coincidenze televisive, l’oggetto della sua satira pungente era presente, in contemporanea su Retequattro, all’interno di Quinta colonna.

Il comico toscano è passato lentamente dalla satira politica,  legata all’attualità, ad una breve e necessariamente incompleta analisi della nostra storia fino al 1948, quando la Costituzione fu promulgata. Un excursus che ha abbracciato varie tematiche, tra cui la guerra, l’occupazione nazista, la liberazione.

Poi è passato alla esegesi, sempre puntuale della Costituzione. Ad ogni articolo che leggeva e analizzava, la sorpresa del pubblico era tangibile. Ognuno di noi si ritrovava a pensare: ma davvero abbiamo tanti diritti? Davvero i padri costituenti si sono preoccupati della nostra salute, della salvaguardia del territorio e dell’ambiente, del lavoro? E se la Costituzione protegge il diritto al lavoro di ognuno di noi,  come mai la disoccupazione regna sovrana e i giovani non hanno prospettive di impiego? Benigni, solo con la lettura dei primi dodici articoli della Costituzione ha inchiodato la classe politica alle proprie responsabilità.

Un altro esempio? del diritto alla salute, sancito dai padri costituenti, si è fatto scempio. Al punto che oggi regna sovrana la malasanità. Ancora: i padri costituenti hanno scritto esplicitamente che l’Italia ripudia la guerra. Un principio che  mal si concilia con tutte le guerre, camuffate da missioni di pace nelle quali sono morti già tanti giovani. Ecco, questo è stato l’aspetto più eclatante e rivoluzionario della serata Benigni: il comico ci ha ricordato che siamo cittadini con diritti che devono essere tutelati e che invece non lo sono.

E’ stato retorico? Forse quel tanto che basta per risveglaire i cittadini dal  torpore nel quale versano da qualche decennio. Ha parlato con enfasi ed  è riuscito a rendere anche più simpatiche le vecchie professoresse di Educazione Civica che insegnano nelle scuole la Costituzione tra l’indifferenza generale. Da oggi i giovani studenti si rivolgeranno a loro con un’attenzione maggiore.

Insomma, grazie a questo piccolo uomo che usa la comicità per fini educativi, gli italiani stanno riscoprendo la dignità di sentirsi italiani. E il privilegio di appartenere ad una Patria, unica e indivisibile. Dopo la commovente lettura della Divina Commedia e l’esegesi dell’inno nazionale, il terzo atto della “Benigneide” è stata la riscoperta della Costituzione. Aspettiamo il seguito.



0 Replies to “Benigni: showman di sana e robusta…Costituzione”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*