Wind Music Awars salvati da Fiorello: la recensione


Riflessioni sull'andamento della serata condotta da Carlo Conti e vanessa Incontrada su Rai1

Una serata all’insegna della musica ma con la presenza ridondante della co-conduttrice.  Tra big e star delle sette note, la diretta dei Wind Music Awards, in onda su Rai1, è stata caratterizzata dalla singolare conduzione di Carlo Conti e Vanessa Incontrada e dalla felice incursione di Fiorello.

 Dal Foro Italico di Roma, in atmosfere climatiche notevolmente autunnali, sono passati sul palcoscenico artisti venuti a ritirare il riconosciemento assegnato loro per i successi musicali. Ma la parte spettacolare e televisiva dello show ha avuto, spesso e malauguratamente, il sopravvento. Innanzitutto Vanessa Incontrada ha  letteralmente dominato su Carlo Conti, imponendosi con una invadenza inaspettata per una brava presentatrice che deve conoscere i tempi e i modi di intervento e la condivisione degli spazi con il proprio partner.

La sensazione è divenuta sempre più insistente man mano che la serata procedeva. E quando alla fine, la padrona di casa si è persino tolta i tacchi, scendendo finalmente con i piedi a terra,  il trash si è insinuato in uno show che avrebbe dovuto essere solo il trionfo della musica.

Per fortuna la serata è stata salvata da Fiorello che, presente tra il pubblico, ha improvvisato un siparietto comico affermando di essere stato pagato solo come comparsa e coinvolgendo il pubblico sulle note della musica. Questa salutare presenza è stata sfruttata dalla regia che, nei momenti meno significativi, puntava i riflettori su quanto faceva lo show man.E anche Carlo Conti ne ha approfittato, chiamando ripetutamente in gioco Fiorello, nella speranza di catturare qualche spettatore in più.

Gli spettatori, in tutto, sono stati 5.610.000 con il 25,22% di share. Rispetto ai lunedì scorsi dominati da Il Commissario Montalbano si son persi circa tre milioni di telecomandi sintonizzati sulla prima rete di viale Mazzini. A parte la musica, la qualità spettacolare dei Wind Music Awards è stata molto carente. A cominciare dalle inquadrature del Foro Italico fatte dalla regia che, tra l’altro, ha puntato spesso i riflettori sul pubblico Vip presente. Abbiamo ri-visto Gloria Guida, Barbara De Rossi, Kaspar Kapparoni, solo per citarne alcuni di nomi.

Da sottolineare, inoltre, la mini-presenza di Moreno, il fresco vincitore di Amici12 che è apparso come una meteora sul palcoscenico. In abiti normali, senza la tuta bianca sembra un altro. Ha rappato Che confusione per poi subito essere risucchiato dal meccanismo e dare spazio alla sua coach Emma Marrone che ha cantato Amami. Per fortuna qualcuno deve essersi ricordato che anche Rai2 aveva da qualche giorno laureato la vincitrice del suo unico talent show, The Voice of Italy. E così è apparsa Elhaida Dani per par condicio.

La serata si è conclusa con una gaffe di Carlo Conti e della sua ingombrante partner. Alle 24,23, seraficamente, il padrone di casa ha commentato: sono le 23,23 e noi chiudiamo in perfetto orario. C’è da scusarlo: non è stata solo la stanchezza, lui è un gran professionista, stakanovista del video. Sono stati in contemporanea l’invadenza della Incontrada dalla quale cercava di difendersi signorilmente come è suo solito, e le temperature autunnali della serata che a circa un’ora dalla fine gli hanno tolto la voce, lasciandolo roco, ma non domo.

La speranza è che il prossimo anno si cerchi per Carlo Conti una partner di maggior rispetto.



0 Replies to “Wind Music Awars salvati da Fiorello: la recensione”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*