I bastardi di Pizzofalcone, Gassmann: vi presento il mio Lojacono


Parla il protagonista della nuova serie di Rai 1 tratta dai romanzi di Maurizio De Giovanni


Nati dalla penna di Maurizio De Giovanni, I bastardi di Pizzofalcone arrivano ora sul piccolo schermo. Su Rai 1 infatti, andrà in onda la serie tratta dai romanzi dello scrittore, composta da sei puntate che vedremo a partire dal 9 gennaio.

Protagonista è Alessandro Gassmann, a cui è stato affidato il ruolo dell’ispettore Giuseppe Lojacono soprannominato “il cinese”. La fiction annunciata nel corso della conferenza stampa di presentazione è un prodotto sul quale Rai Fiction punta molto.

Abbiamo incontrato Alessandro Gassmann.

Chi è il “cinese”?
Lojacono è un professionista dotato di un grande talento investigativo, ma insofferente alle regole. È un uomo che vive un periodo non facile della sua vita. Ma non è l’unico: tutti i personaggi hanno un loro vissuto, sono tutti alla ricerca di un riscatto. Lojacono in particolare è stato accusato ingiustamente, motivo per cui è stato spostato a Napoli. E come lui i suoi colleghi, che vengono mandati a Pizzofalcone per “punizione”.

i bastardi di pizzofalcone 2

Siamo sul modello di un Rocco Schiavone insomma…
In realtà Loiacono e Schiavone non hanno molto in comune. A legare i due prodotti è invece l’essere nati dalla penna di due scrittori di successo: di conseguenza, la serie parta già da un livello alto in quanto a soggetto e scrittura. Schiavone prima, I bastardi di Pizzofalcone adesso: sono felice di vedere opere come queste portate sul piccolo schermo, e sono ancor più felice di vedere che l’operazione sia della Rai.

i bastardi di pizzofalcone

Perché?
Perché significa non solo dare spazio alle nostre opere letterarie, ma ai nostri autori migliori. E, come dicevo prima, partire da opere letterarie significa avere di base un livello di scrittura alto. Dato che la Rai è un’azienda di servizio pubblico, sono felice di queste scelte: ancor più di far parte di una simile operazione culturale.

i bastardi di pizzofalcone 1

Vedremo ancora il perfetto mix tra vita privata e professionale nel suo personaggio e negli altri protagonisti?

Certo. Lojacono, infatti, nella vita privata è un disastro: è un uomo rimasto completamente solo. Sua moglie Sonia non gli è stata vicina nel momento più drammatico della sua vita quando, accusato di essere un colluso, viene trasferito da Agrigento a Napoli e, come se non bastasse, da quel momento non ha più parlato con sua figlia Marinella. Si è chiuso molto in se stesso, è diventato disincantato e sarcastico. Marinella però, lo raggiungerà a Napoli, e il loro riavvicinamento gli darà la forza e il coraggio di tornare a lottare, per scagionarsi da un’infamia insulsa che lo ha rovinato: Lojacono non ha passato informazioni alla mafia, vuole dimostrarlo a tutti i costi, lui è uno pulito. {module Pubblicità dentro articolo}

Dopo I bastardi di Pizzofalcone la vedremo in altri progetti televisivi?
Nel 2017 mi vedrete sicuramente al cinema. Usciranno Beata ignoranza, una commedia di Massimiliano Bruno, e Tempesta di Daniele Lucchetti. Per quanto invece riguarda la tv, al momento non posso anticipare niente.



0 Replies to “I bastardi di Pizzofalcone, Gassmann: vi presento il mio Lojacono”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*