Tutto può succedere 2, terza puntata: Sara lascia Elia


Live le vicende del terzo episodio della seconda stagione di tutto può succedere


È andata in onda su Rai1 la terza puntata di Tutto può succedere 2. Dopo il successo dello scorso anno, i telespettatori hanno ritrovato tutti i componenti della famiglia Ferraro che tra ironia, serietà e profondità continuano a vivere le loro vicende, mai banali. Riviviamo i momenti più importanti.

Si parte dal riassuto della settimana scorsa: Carlo (Alessandro Tiberi) è stato cacciato di casa da Feven, dopo che ha scoperto il suo tradimento, Alessandro è stato licenziato edeve affrontare le difficoltà del figlio Max, che ha scoperto di avere l’Asperger. Sara ha ritrovato il feeling con l’ex marito Elia, mentre invece Giulia è in crisi con Luca a causa dell’adozione del piccolo Dimitri. Ambra invece immersa in una crisi di panico rinuncia all’apertura del concerto di Samuele Bersani. 

4mag tps2 alessandro cristina

Dopo la tempesta notturna, Ettore vede uscire dalla dependance in cui vive la figlia Sara, l’ex marito Elia; l’uomo non ha approvato il matrimonio. Alessandro (Pietro Sermonti) finalmente riceve una buona notizia: il figlio Max è migliorato e per questo la maestra gli consiglia di fargli frequentare una scuola normale; intanto l’uomo non riesce a trovare il coraggio di dire alla moglie di aver perso il lavoro. Per Ambra arriva il momento del primo giorno di lavoro nello studio della zia Giulia.

tps2 ettore elia

Elia cerca di riconquistare la fiducia del suocero, riparando i danni fatti dal temporale: per ora la trague dura. Emma inizia a preoccuparsi per le sue frequenti dimenticanze. Alessandro si sfoga con la sorella Sara (Maya Sansa) e le dice di essere stato licenziato. Grazie a Dimitri, Giulia e Luca si riavvicinano e organizzano una gita. Ambra bacia Giovanni, il fonico che le aveva rimediato il concerto con Samuele Bersani, e con cui aveva litigato.

tps2 luca giulia dimitri

Carlo continua nella missione di voler riconquistare Feven ma per ora viene continuamente rimbalzato. Alessandro finalmente rivela a Cristina il suo segreto. La donna lo tranquillizza e rafforza ancora una volta l’unità della coppia. Ettore trova nel capanno una bottiglia di grappa aperta e pensa che a berla sia stata Elia; l’uomo però giura di aver chiuso. Purtroppo Giulia riceve la brutta notizia che la partenza per l’Ucraina di Dimitri è anticipata.

tps2 carlo

Carlo per riconquistare la fiducia di Feven pensa di comprare una casa a tutti e tre; per trovare i soldi necessari ipotizza di vendere il locale sul Tevere. Emma (Licia Maglietta) continua ad avere problemi di salute. Carlo finalmente riesce a parlare con Alessandro ma i due hanno un confronto tutt’altro che pacificatore. Elia arriva alla cena con gli amici di Sara in ritardo, e prima di scendere dalla macchina beve; scopriamo così che non ha perso il vizio dell’alcol. Completamente ubriaco fa una scenata e poi se ne va.

4mag tps2 elia

Dopo una chiacchierata con la sorella Sara, Alessandro sembra rinato. Carlo intanto ha venduto il suo Major Tom. Sara va a casa di Elia gli dice che non lo ama più e gli consiglia di farsi curare; a lui spetterà il compito di comunicare ai figli i problemi non risolti. Il prezioso intervento di Luca convince Dimitri a partire per l’Ucraina e convince l’uomo a tornare a casa dalla sua famiglia. Giulia però non sembra proprio contentissima.

tps2 emma

Complice la nuova casa/topaglia di Alessandro, torna l’armonia tra i fratelli Ferraro. Emma va dal dottore e ammette i suoi problemi di memoria. Elia parla con Denis e Ambra e gli dice che deve partire per la Turchia per lavoro. I due figli restano male ma mettendo da parte la rabbia stringono in un abbraccio l’uomo. 

Termina qui la terza puntata di Tutto può succedere 2; la famiglia Farraro vi da appuntamento giovedì prossimo 11 maggio.



0 Replies to “Tutto può succedere 2, terza puntata: Sara lascia Elia”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*