Overland 19 – un’altra via per le Indie | dal 23 luglio su Rai 1


Overland 19 - un'altra via per le Indie | dal 23 luglio su Rai 1. Il programma di viaggi torna nella seconda serata della principale rete di viale Mazzini e propone un percorso attraverso le Indie che porta ad individuare come la modernità si unisca alla tradizione.


Torna anche quest’anno il viaggio-avventura più interessante del piccolo schermo: Overland. Il programma è giunto alla diciannovesima edizione e il filo conduttore delle otto nuove puntate in onda sarà: un’altra via per le Indie, in compagnia di Filippo Tenti e del team di Overland.

La messa in onda è prevista in seconda serata e sarà una vera e propria avventura in India tra le tradizioni ed il mondo moderno che pure si sta affermando.

Il filo conduttore “un’altra via per le Indie” unisce tutte le puntate in un’avventura lungo le strade di un’India in grandissima trasformazione moderna. Vedremo come le nuove tecnologie hanno un posto importante ma gli abitanti sono ancora legati a vecchi riti ancestrali. Un mix di moderno e antico che si riscontra anche nelle piccole attività della vita quotidiana.

Overland va anche alla scoperta della spiritualità. Un elemento importantissimo della storia dell’India nella quale convivono quattro religioni: cristianesimo, islamismo, buddismo e induismo.

Un altro importantissimo protagonista di Overland è come sempre lo spettacolare paesaggio che cambia notevolmente nel corso del viaggio ma che affascina non solo i telespettatori ma lo stesso team del programma.

In una maniera discorsiva e con un approccio semplice, ci viene raccontata la storia della dominazione coloniale inglese: un ricordo lontano ma presente ancora oggi. Infatti gli abitanti parlano inglese proprio come una seconda lingua e si divertono a mescolare l’hindi con l’english dando vita ad un divertente hinglish.

Overland farà anche un viaggio nei costumi locali, mostrando i preziosissimi Sari, ricamati e addobbati in maniera ricchissima: una forma di abbigliamento tramandata da secoli.

Come ogni anno il viaggio di Overland percorre zone al di là degli itinerari turistici di massa. Fa scoprire al telespettatore zone ancora incontaminate.

Nell’edizione odierna si va dall’estremo Sud del Kerala, all’estremo Nord del pericoloso Kashmir al confine con il Pakistan. Il team di Overland si inerpica poi addirittura a 4000 metri di quota, per poi scendere e visitare le grandi metropoli come Delhi e Bombay, dove la modernità dei grandissimi grattacieli si scontra con realtà molto più campagnole.

Vedremo anche immagini mozzafiato dello spettacolare deserto del Rajasthan per poi arrivare a Calcutta dove ha termine il viaggio.

Overland 19 | la prima puntata | Kerala e il fascino dell’induismo

La prima puntata di lunedì 23 luglio porta i telespettatori alla scoperta di Kerala, stato sulla costa tropicale indiana di Malabar.

Il Kerala è famoso soprattutto per le sue spettacolari spiagge delimitate da palme e vanta una grande tradizione di cultura e di storia. Infatti lo stato ha assistito al passaggio di olandesi, portoghesi, arabi, inglesi e danesi che, arrivati in tempi diversi, hanno lasciato segni della loro dominazione, influenzando la cultura locale in maniera evidente ancora oggi.

Insieme al team di Overland i telespettatori vedranno le stupende distese di sabbia orlate di palme, le riserve naturali circondate da piantagioni di caffè e di spezie che diffondono nell’aria il dolce aroma della cannella.

Ci verrà spiegato anche il trattamento ayurvedico del corpo e la pratica dei massaggi terapeutici per qualunque malessere. Insomma un racconto affascinante che nessuna agenzia turistica potrà mai assicurare o vendere ai propri clienti.



0 Replies to “Overland 19 – un’altra via per le Indie | dal 23 luglio su Rai 1”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*