I Medici | 10 notizie da sapere su Lorenzo Il Magnifico


I Medici | 10 cose da sapere su Lorenzo Il Magnifico. Vi raccontiamo aneddoti e episodi che fanno conoscere più da vicino il principe illuminato del Rinascimento italiano al quale dà il volto, nella fiction di Rai 1, Daniel Sharman.


Lorenzo Il Magnifico figlio di Cosimo de’ Medici è il protagonista della seconda stagione della serie omonima. Personaggio multiforme è stato scrittore, mecenate, amante della poesia e anche uomo politico.

Vi raccontiamo 10 notizie sul personaggio protagonista indiscusso del Rinascimento italiano ed internazionale.

1 – All’epoca in cui Lorenzo de’ Medici fu signore di Firenze, in città erano noti i cosiddetti canti carnascialeschi, ovvero un genere musicale molto in voga. Lo stesso Lorenzo ne scrisse moltissimi. Uno dei più noti, che si studia anche nelle scuole è “quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia / chi vuol esser lieto sia / di doman non v’è certezza“.

2 – Per le sue eccezionali doti di politico, letterato, mecenate, mercante e banchiere fu denominato Il Magnifico.

3 – La politica di Lorenzo Il Magnifico fu variamente giudicata. Furono Nicolò Macchiavelli e Francesco Guicciardini ad intravedere in lui l’incarnazione del perfetto principe di grandi qualità politiche. Girolamo Savonarola invece lo additò come tiranno e spirito corrotto dalla mondanità.

4 – Pochi sanno che Lorenzo Il Magnifico si distinse anche per la coscienza ambientalista che a quell’epoca era tutt’altro che comune. Per questo fece allestire una fattoria Le Cascine nei pressi della sua villa a Prato. La riempì di pavoni, daini bianchi, giraffe e conigli. Non solo ma addirittura si dedicò ad allevamenti di bachi da seta.

5 – Un altro aspetto del principe illuminato di Firenze, era la sua passione per la produzione di formaggio e miele. Non solo ma si dedicò anche alla coltivazione del riso che nel ‘400, in Italia, era ancora in fase sperimentale.

6 – Lorenzo è noto anche per la ricchezza delle tavole conviviali. Era solito dare sontuosi banchetti nei quali trionfavano carne di vitello, maiale, capretti e selvaggina varia, tutto arrostito e innaffiato con ottimo Chianti. Ma accanto alla carne primeggiavano anche verdure di tutti i tipi e pasticceria varia.

7 – Sapete davvero come era fisicamente Lorenzo Il Magnifico? Ve lo descriviamo noi. Era alto e robusto, dal viso magro e incavato, grandi occhi rotondi, naso appuntito, mascella inferiore pronunciata, un colorito olivastro, capelli neri molto lunghi, una voce gradevole ma anche abbastanza dura. I suoi segni particolari? Era miope e privo di olfatto.

8 – Se vi trovate a Firenze e volete fare un tour sulle tracce dei Medici, bisogna assolutamente visitare Piazza della Signoria, il fulcro della vita civile e politica dell’epoca di Lorenzo Il Magnifico, Palazzo Vecchio tra i monumenti più famosi al mondo, il Duomo indiscusso simbolo di Firenze, la cupola del Brunelleschi. Non manca poi una romantica passeggiata sul Ponte Vecchio. Il tour “sulle tracce dei Medici” potete concluderlo al quartiere Oltrarno di Firenze: una zona conosciuta per le sue numerose botteghe artigianali, officine degli antichi mestieri, mercatini e trattorie tipiche.

9 – Lorenzo Il Magnifico invitò presso il palazzo di famiglia l’attuale (Palazzo Medici Riccardi), letterati e umanisti tra i quali Pico della Mirandola, Botticelli e Poliziano. A loro dette incarichi importanti. Ad esempio il Poliziano fu educatore dei suoi figli.

10 – Lorenzo ebbe un grande amore che lo accompagnò per tutta la sua vita: era Lucrezia Donati (ruolo interpretato da Alessandra Mastronardi) una gentildonna fiorentina molto bella e intelligente. Purtroppo dovette sposare per questioni di Stato la nobile romana Clarice Orsini dalla quale ebbe dieci figli. Ma Lucrezia fu sempre al suo fianco e lo accompagnò fino alla morte.



0 Replies to “I Medici | 10 notizie da sapere su Lorenzo Il Magnifico”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*