The wall la presentazione del nuovo preserale di Canale 5


Tutti i dettagli sul nuovo quiz della fascia preserale di Canale 5 condotto da Gerry Scotti.


Milano. Il nuovo preserale di Canale 5 partirà dal prossimo lunedì 20 novembre. Al timone Gerry Scotti che succede a sè stesso. Il conduttore, infatti, lascia Caduta libera, il gioco delle botole dove i concorrenti precipitano se non sanno le risposte alle domande e si “arrampica” sul muro, “the wall” appunto.E’ questo il titolo del quiz.

Il direttore di Canale 5 Giancarlo Scheri annuncia che The wall sarà composto da 50 puntate e andrà in onda fino al 7 gennaio.

Gerry Scotti attualmente è presente anche come giurato nel programma Tu sì che vales in onda il sabato sera su Canale 5 che conquista puntualmente share elevate e prossime al 30%.

Con caduta libera dice Giancarlo Scheri il conduttore consegna a Canale 5 quasi il 20% di share riuscendo così a piazzare la rete in prima posizione sul target commerciale battendo la concorrenza.

Tra l’altro Scotti nel preserale è un vero e proprio presenzialista. Ha condotto 4100 puntate dei programmi in questa fascia oraria. Lo ricordiamo al timone di Chi vuol esser milionario di cui ha gestito 1593 puntate. Ha presentato, poi Passaparola e quasi 500 puntate di Caduta libera.

Per quanto riguarda la fascia oraria del preserale Giancarlo Scheri sottolinea: è una fascia estremamente importante e strategica. Siamo felici che Caduta libera abbia avuto una stagione così positiva.

Gerry Scotti sottolinea che non c’era urgenza di realizzare un prodotto nuovo visto come stava andando bene Caduta libera. Ma la Endemol Shine Italy la casa di produzione, con Paolo Bassetti aveva più volte parlato bene di questo gioco per cui in sintonia con Canale 5, abbiamo pensato di sperimentarlo in un periodo anche molto particolare come quello delle festività natalizie che si avvicinano.


The Wall è un programma che è fondato su un format per cui una coppia deve rispondere a 11 domande nel corso di tutto il tempo in cui dura la trasmissione Se rispondono positivamente le sfere diventano verdi e vincono somme differenti.

Il programma sottolinea Gerry Scotti induce emozioni.

Infatti le coppie che giocano sono legate da un vincolo familiare: caratteristiche fondamentali del team sono una grande complicità, una fiducia assoluta di ognuno negli altri, un’ottima cultura generale E infine anche la voglia di mettersi alla prova.
In studio di fronte ai concorrenti c’è un enorme muro che decide il destino nel bene e nel male. Da 7 posizioni diverse collocate sulla cima del muro vengono lanciate delle palle luminose che possono prendere direzioni imprevedibili. Sembra di essere dinanzi ad un flipper gigante. Ogni palla può cadere in una delle 15 caselle alla base del muro contrassegnate da un valore in denaro diverso che cambiano nelle varie fasi del gioco con una casella del valore massimo di €100000.

In caso di risposta corretta alla domanda relativa alla casella conquistata la palla diventa verde e la coppia guadagna la cifra corrispondente a quella casella. In caso contrario la palla diventa rossa e la coppia perde tanto denaro quanto è indicato nella casella.
Gerry Scotti sottolinea: ho cercato di dare una propria identità al gioco, sembra un game risalente agli anni 60 e 70 tipico di una festa o fiera di paese, ma ci sono anche tutte le dinamiche di un reality.

Scheri sottolinea la necessità della fidelizzazione verso un programma: è importante tenerlo in vita finché il pubblico lo richiede.

Scotti fa notare che la domenica contro la puntata di Soliti ignoti, vince perché non c’è la fidelizzazione del pubblico a seguirlo in quel giorno della settimana. Infine svela: questo esperimento mi aiuta proprio a non annoiarmi mai nel mio lavoro



0 Replies to “The wall la presentazione del nuovo preserale di Canale 5”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*