Spot in tv: la solitudine tecnologica del piccolo Giorgino per Wind


Vi abbiamo già parlato degli spot con protagonisti Giorgio Panariello e il piccolo Giorgio Zacchia, in coppia per Wind. Dopo quelli per le offerte natalizie, l’azienda telefonica ha lanciato un nuovo spot: stavolta viene promosso un pacchetto di fibra illimitata e giga per le ricaricabili.


Ancora una volta il piccolo Giorgio è in compagna del Giorgio più grande, lo zio che dovrebbe essere l’adulto ma si rivela essere un bambino dentro.

Se infatti negli spot natalizi Panariello leggeva le favole della buonanotte al bimbo, stravolgendole di volta in volta, ora si riscopre appassionato di documentari storici. Con tanto di spada in mano e piume di cuscino che volano nella stanza.
Teoricamente lo zio dovrebbe badare a Giorgino, ma viene comunque chiamata una baby sitter. Lo spot è molto semplice nella sua struttura: tre persone che, una di fianco all’altra, approfittano dell’offerta Wind per fruire i contenuti preferiti.
Grazie alla fibra illimitata e ai giga, la tata ha visto la serie preferita, lo zio i documentari storici e il bambino ha giocato. Insomma: pur essendo tutti nella stessa stanza, seduti sul medesimo divano, i tre hanno vissuto serate completamente diverse, fatto cose differenti.
Il mattino seguente, ancora sotto effetto da streaming della sera precedente, Panariello accompagnerà il nipotino a scuola in armatura da cavaliere.

Più che autonomia, viene da pensare a una solitudine tecnologica. Del resto, chiunque conosce bene questo genere di situazione: basti pensare alle tante volte in cui, a cena, gli altri si concentrano sullo smartphone che hanno in mano.
Perciò, se da un lato la pubblicità ripropone quella che ormai è la quotidianità, dall’altro la scena è impietosa: si abdica completamente al ruolo educativo, lasciando il bimbo solo davanti a un dispositivo tecnologico. Ancor più straniante, visto che sono tutti insieme ma senza rivolgersi la parola: quando poi Panariello, immerso in un documentario storico, crede di essere un cavaliere e riduce in brandelli un cuscino, gli altri due lo guardano per un attimo. Distolgono lo sguardo dallo schermo, per riprendere subito dopo a fissarlo nella più totale indifferenza.
Non si sceglie un film da guardare, né un gioco a cui prendere parte in tre. Si opta invece per tre isolamenti diversi, con gli adulti deresponsabilizzati rispetto al ruolo che dovrebbero ricoprire.
Lo spot Wind finisce così per immortalare un momento comune, normale quasi: in una simile contraddizione però, di “normalità” ce n’è davvero poca.



0 Replies to “Spot in tv: la solitudine tecnologica del piccolo Giorgino per Wind”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*