Grande Fratello 15 | gli sponsor in fuga dal reality


Grande Fratello 15 | gli sponsor in fuga dal reality. Tre aziende hanno ufficialmente espresso, sulle proprie pagine Facebook, il dissenso per quanto è accaduto nella casa ed hanno ritirato i propri spot. Si annunciano tempi duri per Barbara D'Urso e Mediaset.


Bufera sul Grande Fratello 15 di Barbara D’Urso. Si sta verificando una vera e propria fuga degli sponsor dal reality dopo i discutibili messaggi veicolati dai concorrenti all’interno della casa di Cinecittà. Già tempo fa il Movimento Italiano Genitori (Moige) aveva chiesto ai pubblicitari di andar via dal programma.

Sono tre gli sponsor che si sono defilati. Si tratta di “Bellaoggi Italia”, “Fratelli Beretta” e “ARAN Cucine”. Tutti e tre hanno chiaramente espresso il proprio dissenso per i messaggi violenti che sta inviando il programma.

Sulla pagina Facebook di Bellaoggi è stato pubblicato il seguente comunicato:

“Bellaoggi si dissocia formalmente dagli atti e dai comportamenti da ultimo registrati nell’ambito dell’attuale XV edizione del Grande Fratello. Comprende profondamente la reazione dei suoi consumatori, fan e di ogni voce che si è sollevata sui social networks rispetto a tali ultimi accadimenti. In BELLAOGGI lavoriamo quotidianamente per proporre un mondo di bellezza, unico, concreto ed accessibile a tutti. Siamo convinti che la bellezza non potrà mai esistere accanto a nessuna forma di violenza o discriminazione. La nostra presenza in Grande Fratello si inseriva in un piano di visibilità televisiva del marchio. In segno di concreta dissociazione da questi eventi negativi, BellaoggI, con la massima attenzione e rispetto delle opinioni, comunica, con effetto immediato, la decisione di interrompere ogni attività di sponsorizzazione di questa edizione del Grande Fratello. Comunica inoltre che ogni riferimento e contenuto su questa edizione televisiva verrà rimosso dalle proprie pagine presenti sui social networks e dal proprio sito internet”.

Anche ARAN Cucine ha fatto sapere sulla propria pagina Facebook:

ARAN Cucine, condanna fermamente ogni forma di violenza e ogni atto di bullismo senza SE e senza MA. #Noalbullismo
Rimanere immobili e silenti di fronte tali gesti alimenterebbe l’indifferenza nella quale si perpetrano determinati comportamenti insani, cosa completamente estranea ai brand values di ARAN Cucine. In quest’ottica abbiamo segnalato alla produzione del programma la necessità di richiamare i concorrenti ad un comportamento consono ai più basilari canoni di educazione e rispetto nei confronti di tutti senza alcuna esclusione.
Fortunatamente la produzione si è mossa con un ultimatum che ci auspichiamo sia decisivo nei confronti di questi atti.
Come ARAN Cucine, condanniamo fermamente ogni forma di violenza e ogni atto di bullismo senza SE e senza MA. 
D’altro canto ci teniamo a ribadire che nel momento in cui scegliamo di effettuare un product placement non possiamo sapere a priori il comportamento che terranno i partecipanti alla trasmissione, ma che teniamo ancora a stigmatizzare e condannare nella maniera più assoluta.
Sperando che questo tipo di situazioni non si ripetano ulteriormente, porgiamo i nostri distinti saluti,
ARANCucineFbTeam”.

Si è dissociato inoltre il salumificio Beretta prende le distanze dal reality condotto da Barbara D’Urso.

E nel rispondere a messaggi di persone che avevano annunciato di non comprare più tali prodotti, lo staff ha risposto:

Salumificio Fratelli Beretta ricorda che il rispetto per le donne e il disprezzo per qualsiasi forma di violenza e bullismo sono valori fondamentale e imprescindibili dell’azienda e si dissocia dal comportamento e dall’atteggiamento di alcuni giovani nel corso della trasmissione.



0 Replies to “Grande Fratello 15 | gli sponsor in fuga dal reality”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*