Chi l’ha visto? | 13 giugno 2018 | il legame tra Zodiac e il mostro di Firenze


Chi l'ha visto? | 13 giugno 2018 | il legame tra Zodiac e il mostro di Firenze. Il programma dedicato agli scomparsi questa sera si occupa di un fatto di cronaca che, se risultasse vero, sarebbe considerato il vero scoop del secolo.


Puntata speciale questa sera di Chi l’ha visto? Federica Sciarelli infatti si occupa di un evento di cronaca di cui si sta ricominciando a parlare negli ultimi tempi: esisterebbe un legame misterioso che unisce un serial killer statunitense con il “mostro” di Firenze.

Il programma dedicato agli scomparsi cerca di fare luce su questa ipotesi in una maniera che dovrebbe finalmente rivelare la verità.

Un giornalista sostiene di aver rintracciato Zodiac, ovvero Joe Bevilacqua, oggi ottanduenne. Dall’incontro ne sarebbe scaturita la confessione del killer statunitense super ricercato che aveva terrorizzato la California alla fine degli anni ’60. Zodiac secondo le rivelazioni del giornalista si sarebbe autoaccusato anche dei delitti avvenuti in Italia. Questo potrebbe far pensare che Zodiac e il mostro di Firenze sarebbero identificabili in un’unica persona.

L’ipotesi è estremamente inquietante e Chi l’ha visto? ha mandato un suo inviato a cercare il giornalista per tentare di saperne di più.

Ricordiamo che con l’etichetta “mostro di Firenze” era stato chiamato il serial killer che uccideva coppie di giovani appartate nel corso del fine settimana. I delitti avvenivano quasi sempre nelle notti di novilunio. Dunque Zodiac potrebbe essere il mostro di Firenze dopo aver ucciso in California moltissime persone. Insomma diventerebbe una sorta di killer dei due mondi.

In effetti i delitti di Zodiac sono avvenuti alla fine degli anni sessanta. E proprio in questo periodo cominciarono le aggressioni e le sevizie alle coppiette che si sono poi susseguite anche tra il 1974 e il 1985.

Gli indizi che farebbero pensare alla medesima persona sono da ricercarsi innanzitutto nella pistola calibro 22 con lo stesso tipo di proiettili con i quali sia Zodiac che il mostro di Firenze aggredivano e uccidevano le sfortunate coppie. Inoltre i due killer avevano lo stesso numero di piede. Ambedue erano soliti asportare con un coltello affilatissimo le parti intime femminili delle vittime. Particolari non insignificanti che porterebbero anche ad una nuova pista. Non a caso infatti il caso del mostro di Firenze è stato riaperto lo scorso 5 giugno 2018.

Al centro dell’attenzione c’è Vieri Adriani, un avvocato fiorentino che lo scorso anno, in seguito ad una serie di ricerche da lui effettuate e raggruppate in un libro ha convinto la Procura di Firenze a riaprire le indagini sull’ultimo duplice omicidio di Pietro Pacciani.

La confessione del serial killer americano è rimbalzata in tutti gli Stati Uniti. La stampa d’oltreoceano ha ricordato anche le parole pronunciate all’epoca da Joe Bevilacqua che aveva detto: «non mi prenderanno mai se non lo decido io». Ed infatti allora Zodiac serial killer più ricercato di tutta l’America derise la polizia, la sfidò inviando lettere in cui rivendicava i delitti, ebbe sulle sue tracce centinaia di esperti, ma nessuno riuscì mai ad identificarlo.

Oggi un sedicente Zodiac è venuto alla scoperta con il racconto al giornalista Francesco Amicone pubblicato da Il Giornale. La confessione è in mano ai giudici italiani, ma sembra che la notizia, al di là di essere una clamorosa bufala, potrebbe addirittura diventare lo scoop del secolo.

Vedremo questa sera come affronterà questo caso così intricato e misterioso Federica Sciarelli.

Ricordiamo che per tutta la durata della trasmissione rimane aperto il centralino al numero 06 82 62. inoltre il numero di WhatsApp è il seguente 345 313 1987.



0 Replies to “Chi l’ha visto? | 13 giugno 2018 | il legame tra Zodiac e il mostro di Firenze”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*