Tu Sì Que Vales, la finale: vince Angelica Bongiovanni


L'appuntamento conclusivo della seconda edizione italiana del programma


Sarebbe dovuta andare in onda la scorsa settimana in diretta, invece la finale di Tu Sì Que Vales  è stata trasmessa questa sera su Canale 5. Gli attentati a Parigi del venerdì notte infatti, avevano stravolto i palinsesti, ma la finale, cancellata poco prima, era stata comunque registrata. Solo oggi dunque, abbiamo scoperto chi, tra i 16 finalisti, ha conquistato il titolo. Ospiti della serata Ignazio Boschetto, Gianluca Ginoble e Pietro Barone, il trio de Il Volo.

Ripercorriamo quanto avvenuto in puntata.

Aprono la puntata Francesco Sole e una vistosa Bélen Rodriguez vestita in giallo limone. Non potendo contare sul televoto, il responso sarà affidato alla giuria popolare presieduta da Mara Venier. Entrano i giudici Maria De Filippi, Rudy Zerbi e Gerry Scotti. Il vincitore porta a casa ben 100mila euro.

Si comincia con il puppet show della coppia Ira e Mom, sulle note di Volare. Si prosegue con le evoluzioni del gruppo degli X-Pogo, che saltano a metri da terra. Il tempo di votare, e si va avanti.

Shari NoiosoShari Noioso

Seduta al pianoforte, ritroviamo un’intensa Shari Noioso,13 anni appena ma una voce davvero matura. La ragazza porta sul palco una canzone di cui ha scritto musica e testo in inglese: la De Filippi le dà i saluti di Elisa. L’artista ha già contattato un produttore e una casa discografica per prendere Shari sotto la sua ala protettiva: il mattino dopo la sua prima esibizione infatti, ha subito telefonato alla De Filippi entusiasta.

AndreanneAndreanne

La prossima a tentare la scalata al podio è Andreanne. La donna coniuga una strabiliante capacità di far girare hula hoop, eleganza e un certo umorismo nella performance. Zerbi non perde occasione per notare che sia anche bella; la Venier esprime meglio il concetto trovandola “sexy”.

Scotti e Salvo The BestScotti e Salvo The Best

Scotti abbandona la sua poltrona per occupare la scena: ne approfitta per introdurre il concetto di “diamente grezzo” e, quindi, chiamare uno dei personaggi più singolari dell’edizione, cioè il ballerino, almeno nelle sue intenzioni, Salvo the best. Ma l’uomo non è l’unico “diamente grezzo”: ce ne saranno altri due, e alla Venier spetterà decidere chi sia il migliore. I tre costituiscono la scuderia di Gerry Scotti, che può vantare dia ver scoperto talenti vagamente incompresi.

Antonio MezzancellaAntonio Mezzancella

Dopo il primo break pubblicitario, si riparte con il quinto finalista: l’imitatore Antonio Mezzancella. Sembra davvero di ascoltare, uno dopo l’altro, Claudio Baglioni, Francesco Renga, Ligabue, il trio comico di Aldo Giovanni e Giacomo, il Furio di Carlo Verdone, Tiziano Ferro, Gigi D’Alessio, Eros Ramazzotti. Né a Scotti né a Zerbi sfugge che stavolta, a differenza delle prima prova, Mezzancella ha imitato anche le movenze.

Devis MasiniDevis Masini

Si va avanti con il piccolo Devis Masini, che danza sulle note dell’ultimo singolo di Elisa. La De Filippi ne loda l’intensità, mentre la Venier dichiara di tifare per lui: si augura che sia lui a vincere.

I Baskultoo, Maxim e Hugo, non si limitano a saltare dai due poli opposti di una leva: aggiungono acrobazie, capriole e, nel finale, una sequenza di avvitamenti.

L'apetta e BélenL’apetta e Bélen

L’ottava è l’apetta Nicoletta, vista e stravista a Colorado. La sua presenza tra i finalisti è, francamente, una vera ingiustizia nei confronti di chi un’occasione di farsi conoscere non l’ha mai avuta. Zerbi vorrebbe un insetticida, e chiede alla giuria popolare di votare chiunque ma non lei.

Ecco un altro “diamante grezzo”: Vincenzo De Santis, in arte Vins, si presenta in giacca pailettata e un’ugola non proprio d’oro.

Angelica BongiovanniAngelica Bongiovanni

Angelica Bongiovanni si esibisce con un numero circense: sospesa in aria, poi calata a terra, incanta grazie al suo cerchio. Scotti sintetizza così la sua performce: “tu lasci che sia il cerchio a ballare intorno a te”.

Mario Londino canta Nel mare del silenzio. Al termine, l’orchestra in studio lo applaude: un segno, gli fanno notare i giurati, di grande stima, perché raramente accade.

I Fifty DanceI Fifty Dance

I Fifty Dance portano una ventata di allegria. Non saranno professionisti, non saranno giovani, ma hanno un’energia travolgente: se vincessero, dice Scotti, sarebbe una vittoria della gente normale. 

Uzeyer NovruzovUzeyer Novruzov

Uzeyer Novruzov ha con sé una banale scala a pioli: riesce a compiere l’incredibile. Ad esempio salire e scendere dall’altra parte in rapidità, rimanendo in equilibrio e senza nemmeno appoggiarla. Un particolare non trascurabile è l’altezza: una volta in cima all’ultimo livello, la distanza da terra è di ben sei metri.

Antonio GentileAntonio Gentile

Gerry Scotti chiama Antonio Gentile, improbabile doppiatore che nemmeno entra subito in scena. Il pathos non è decisamente il suo forte, ma è talmente convinto che la De Filippi si sente in dovere di precisare che no, non sta concorrendo per la vittoria. A questo punto, la lotta è ardua: la Venier deve scegliere tra lui, Salvo the best e Vins. Il premio è niente meno che un tapiro, portato ovviamente da Valerio Staffelli.

Il momento è serissimo, la Venier sente di motivare la decisione: ha deciso di seguire il cuore, e il tapiro va a Vins. Che ringrazia tutti, direttore di rete compreso, proprio come esige il rito.

Il VoloIl Volo

Si passa da chi non sa decisamente cantare, a chi del bel canto ha fatto un marchio di fabbrica: Il Volo. I ragazzi presentano L’amore si muove, il loro ultimo singolo. Ne approfittano per lanciare una frecciatina alla critica più diffusa nei loro confronti, cioè quella di non avere un proprio repertorio: ora ce l’hanno, ironizzano. Peccato che il pezzo sia una cover di un brano di Renga del 2005, il cui testo è stato riscritto per loro proprio da Renga.

Ottavio Belli ci mostra le sue illusioni al ritmo dei Metallica: lascia la De Filippi a bocca aperta, letteralmente.

Segue un rvm con i siparietti più scatenati dei giudici, inclusi quelli in cui il disgusto ha imperato davanti ai concorrenti più masochisti.

I Jumpin upI Jumpin up

Lo swing del gruppo dei Jumpin up fa scatenare pubblico e giuria. La conclusione si avvicina: mancano solo due talenti.

Panultimo è Nacho: il ragazzo si “arrampica” su una corda sospesa in aria con eleganza. Al punto tale che, nonostante la difficoltà dell’esercizio, per la De Filippi è rilassante guardarlo. La Venier lo trova poetico.

I Black Blues BrothersI Black Blues Brothers

Infine, i Black Blues Brothers: una performace di ballo acrobatico all’insegna di spettacolari acrobazie.

In attesa del verdetto, conosciamo il vincitore del concorso sponsorizzato da Twix e rivediamo i momenti più divertenti della Venier. Quindi riepilogo generale delle esibizioni della serata.

Arriva la busta con il responso. I nomi vengono letti in ordine casuale: sono i Black Blues Brothers, Antonio Mezzancella e Angelica Bongiovanni.

Ci siamo: vince Angelica Bongiovanni. Il verdetto comunque, era già stato spoilerato nei giorni scorsi.

Angelica Bongiovanni vinceAngelica Bongiovanni vince

La seconda edizione dello show si conclude tra i festeggiamenti e i ringraziamenti della ragazza, che riesce a pensare a poche parole dall’emozione. Titoli di coda.



0 Replies to “Tu Sì Que Vales, la finale: vince Angelica Bongiovanni”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*