La vita in diretta | prima puntata del 3 settembre | la diretta


Inizia la nuova stagione de La vita in diretta, tra gossip e cronaca nera, con particolare attenzione al mondo delle donne


Inizia oggi, 3 Settembre 2018, alle ore 16.35 su Rai 1 la nuova stagione de La vita in diretta. Tra approfondimenti giornalistici, cronaca nera, cronaca rosa e gossip, Tiberio Timperi e Francesca Fialdini ci faranno compagnia tutti i pomeriggi dal lunedì e venerdì.

Nel corso di questa nuova stagione, oltre ai consueti temi, La vita in diretta focalizzerà la propria attenzione sul mondo al femminile, con la rubrica “La città delle donne“.

A tra poco con la diretta.

Inizia il programma con un’anteprima che mostra la precedente collaborazione di Tiberio Timperi e Francesca Fialdini ad Uno Mattina in famiglia. Al via la nuova Vita in diretta, i due presentatori salutano il pubblico in studio e presentano la scaletta delle tematiche che si toccheranno durante la puntata.

Choc a Parma: ragazza stuprata e seviziata per ore da un imprenditore locale. Alba Parietti, Alessandro Giuli e la psicoterapeuta Maura Manca sono in studio per parlare di questa storia orribile. Da Parma c’è l’inviata Antonella Delprino, che ci aggiorna sugli sviluppi processuali della vicenda: il Pesci e l’altro accusato si sono detti sorpresi da questo fermo, la ragazza sapeva come sarebbe andata la serata secondo gli accusati.

Alba in studio è molto seccata e turbata per la vicenda e per le accuse dei due verso la ragazza che ha una prognosi ospedaliera di 45 giorni dopo i fatti. Federico Pesci è molto consociuto a Parma un uomo di successo, tra soldi, donne, droghe ed eccessi. Pesci e Aniyem – il suo spacciatore – hanno commesso un atto orribile, la ragazza è stata solo un po’ ingenua: “ma non bisogna pagare questa ingenuità, perchè non ha commesso lei il reato e non se l’è andata a cercare” –  dichiara Maura Manca

Un’estate di violenze verso le donne, Iesolo, Rimini, Taranto solo alcune delle città dei tanti casi di stupri. Molte aggressioni vengono messe in atto da un branco senza pietà.

Edoardo Lucarelli collegato da Menaggio in provincia di Como, i tre indagati per violenza per ora sono in carcere, ma gli inquirenti stanno facendo le loro valutazioni. Stupore nella piccola cittadina per il duplice stupro, su due turiste minorenni.

Il dato è che in questi casi vengono sempre colpevolizzate le ragazze solo perchè fanno le ore piccole. Alessandro Giuli commenta i dati pubblicati del Corriere della Sera, che pareggiano i dati di violenza sessuale dal 2017 al 2018, i reati sono in leggero calo, ma Giuli sottolinea che sono in diminuiti perchè le denuncie sono in numero minore. “L’orrore non ha colore di pelle e la delnquenza va estirpata da per tutto” – afferma Giuli.

Anche in Francia scoppia il caso molestie e violenze, il governo ha deciso – a partire dal 1 agosto – che in caso di offese verbali o fisiche verso le donne, ci sarà una multa che andrà da 90 euro a 750 euro. “L’età della violenza si sta abbassando non solo per le vittime, ma anche gli aggressori sono più giovani” – dichiara Maura Manca. Francesca Fialdini chiede al giornalsta Giuli, se pensa che la Francia stia esagerando, lui risponde che è la situazione che è esagerata e se si continua così si arriverà alla castrazione chimica.

Adesso l’attenzione viene focalizzata su un altro caso di femminicidio. Noemi Dorini è stata uccisa dal fidanzato Lucio un anno fa. Oggi Specchia ricorderà la ragazza scomparsa, la città vuole ottenere giustizia per tutti, per lei e per i famigliari.

Si ricostruiscono le ultime ore della ragazza e le vicende accadute dopo la sua scomparsa e nell’anno dopo la sua morte. Il fidanzato Lucio è sembrato sin da subito contraddittorio, ci sono voluti 10 giorni perchè crollasse e confessasse. Il ragazzo ha però raccontato di aver compiuto questo gesto perchè Noemi aveva un coltello ed affermava di voler uccidere i genitori di Lucio. Ancora oggi però il padre e la madre di Lucio ritengono che Noemi abbia avuto una brutta influenza sul ragazzo e l’abbia manipolato.

In studio, la migliore amica di Noemi, Leila, racconta a Timperi e alla Fialdini i momenti condivisi con la ragazza. “Aspettava di fare di 18 anni e di viaggiare tanto, da grande voleva diventare una ballerina. Con Lucio all’inizio andavano bene, poi il rapporto è diventato violento. Le ho detto di lasciarlo perdere, c’erano tanti ragazzi migliori di lui e che la meritavano davvero”.

Secondo quanto racconta Leila, la sera dell’omicidio Noemi è uscita di casa a mani vuote, persino senza il cellulare, e quindi non poteva avere un coltello come sostiene Lucio.

Vengono poi mostrate alcune immagini di uno dei pomeriggi trascorsi insieme da Noemi e Leila.

“L’ultima volta che l’ho vista è venuta a Lucugnano e ci siamo mangiate una pizza in macchina. La guardavo e sentivo la sua mancanza, è stata una sensazione stranissima. Solo dopo ho collegato, non potevo saperlo”.

Francesca Fialdini intervista Roberta Bruzzone, criminologa che si sta occupando del caso Noemi Durini. Ci sono molti particolari che non tornano, Lucio potrebbe non aver agito da solo. Alcune dichiarazioni di suo padre non sembrano aver riscontro nella realtà.

Elena De Vincenzo a Specchia intervista il papà di Noemi ed il suo avvocato. “Vorrei ringraziare i miei compaesani per la solidarietà che ci hanno mostrato fino ad oggi. Da qui si vede che ragazza era, oggi voglio parlare solo di Noemi. Mi manca maledettamente ogni giorno, ogni giorno di più. Sono nelle mani della magistratura ed ho tanta voglia di giustizia. Mia figlia non potrà più vedere il mare, il sole, i suoi genitori, solo perchè lui ha deciso che doveva morire” – afferma il padre.

Si cambia registro e si passa a parlare degli 80 anni di Maurizio Costanzo. Il presentatore ha trascorso metà della sua vita in televisione, collezionando più di 33.000 interviste. Nel 1976, da giornalista affermato debutta in tv per “incontrare i contemporanei”. Si parla della sua vita privata, dei suoi quattro matrimoni e del figlio adottivo.

Dopo la clip scopriamo che Costanzo è in studio e sarà intervistato da Tiberio Timperi. L’ideatore del “Costanzo Show” rivela di voler intervistare il Papa.

Interrogato in merito ad eventuali rimorsi, risponde: “Credo che gli errori facciano bene, perchè ci fanno capire il bene ed il male, quindi rifarei tutto”.

Costanzo racconta della sua festa, dei regali ricevuti e del più gradito: il certificato di adozione di una tartaruga chiamata Fortuna.

Rosario Fiorello manda una clip di auguri a Costanzo: “Non potevo mancare. Ti voglio bene. Consigli per gli acquisti!”. “Fiorello è veramente una brava persona” – commenta Maurizio. La telefonata di auguri che più ha gradito è stata però quella di Gina Lollobrigida.

Si parla dei suoi “Figli catodici“:

Vittorio Sgarbi: “Gli dicevo che prendi? Non piglio niente. E allora sta calmo! – gli dicevo”.

Maria De Filippi: “Essendo il mio quarto matrimonio non pensavo sarebbe stato un amore così e invece mi è andata bene. Mi ha salvato la vita perchè si è accorta che avevo un problema cardiaco”.

“Lei deve avere un caratterino pazzesco” – afferma Costanzo riferendosi a Francesca Fialdini e la riprende per gli schiaffetti che la conduttrice continua a dare al suo collega Timperi.

Costanzo parla poi di influencer e della Ferragni. Si mostra molto preparato sul tema. “Hanno scelto una città bellissima. Non so perchè siano andati lì, ma è una città bellissima” – afferma riferendosi al matrimonio dei Ferragnez, ovvero di Fedez e Chiara Ferragni.

Si torna ai figli catodici:

Valerio Mastandrea: “É una persona davvero intelligente”
Dario Vergassola: “Mi aveva divertito perchè parlava della suocera”

Viene mandata in onda una telefonata di Maria De Filippi, ma in realtà è un’imitatrice, Emanuela Aureli, che entra poi in studio per salutare Costanzo.

Si passa a parlare di Fabrizio Frizzi e di Valeria, la ragazza a cui donò il midollo osseo. La giovane ora si è sposata ed ha affermato che le sarebbe piaciuto avere Frizzi come testimone di nozze.

“Era lì con me, io ho tanta fede ed ho percepito la sua presenza” – ha raccontato la ragazza.

Padre Cerani parla di Frizzi e lo definisce “encomiabile”: “Amava soprattutto due categorie: i bambini e gli anziani”. Era il 1961 quando Fabrizio Frizzi, che al tempo era solo un bambino, camminava per lo studio di Padre Cerani. Da allora l’ha visto crescere e gli è stato accanto nei momenti importanti della sua vita.

“Valeria è la pupilla dei miei occhi” – così Frizzi definì Valeria parlando con Padre Cerani.

Si parla di amore ai tempi dei social e dei Ferragnez. Un mix di trasgressione e tradizione, ripercorriamo la relazione del rapper e della fashion blogger dai primi avvicinamenti al matrimonio celebrato due giorni fa.

In studio Catherine Spaak, Angela Rafanelli, Ettore Cassani e Linda Laura Sabatini commenteranno il topic. Marianna Aprile e Barbara Della Rocca sono invece in collegamento.

“É stato un evento di marketing ben studiato” – afferma Barbara Della Rocca. Marianna Aprile non riesce a capire le polemiche generate da questo matrimonio, secondo lei la Ferragni e Fedez sono solo due trentenni che hanno creato un evento per celebrare il loro amore e divertirsi.

Vengono mostrati alcuni istanti del matrimonio e l’inviata de La vita in diretta mostra immagini raccolte a Noto quel giorno.

“La realtà è dura per i giovani di oggi. C’è uno sfasamento tra ciò che vorrebbero e le loro possibilità. Molti di loro non possono permettersi una vita autonoma, figuriamoci una cerimonia del genere” – afferma Linda Laura Sabatini.

“Hanno disintermediato, con i mezzi di oggi, ovvero i social, quello che si è sempre fatto sulle copertine dei giornali. Che differenza c’è tra la Ferragni e Fedez ed Albano e Romina?” – commenta Marianna Aprile.

Il programma termina qui, appuntamento a domani.



0 Replies to “La vita in diretta | prima puntata del 3 settembre | la diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*