Tale e Quale Show | 28 settembre | diretta terza puntata: vince Antonio Mezzancella


Tale e Quale Show | 28 settembre | diretta terza puntata: vince Antonio Mezzancella. Torna in onda il talent in cui 12 vip imitano grandi cantanti italiani e stranieri.


È andata in onda su Rai 1 la terza puntata di Tale e Quale Show, il varietà condotto da Carlo Conti. Ecco tutte le esibizioni di questa sera: la migliore è stata quella di Antonio Mezzancella in versione Claudio Baglioni anni ’80.

Apertura con il consueto riepilogo di quanto accaduto una settimana fa. In classifica, dopo due puntate, troviamo in testa Roberta Bonanno. Con 128 punti, la cantante precede Alessandra Drusian a 109. Ultima Antonella Elia con 50 punti.

La gara può cominciare: il primo a salire sul palco è Antonella Elia che stavolta dovrà imitare Raffaella Carrà in Chissà se va, sigla di Canzonissima del 1971. La showgirl imposta la voce ma non tanto da assomigliare all’originale. Esteticamente la somiglianza si nota, in particolare su alcuni dettagli del viso. Nel complesso, l’esibizione è davvero molto gradevole e brillante.

Dalla coda alla testa della classifica: ecco Roberta Bonanno, che stasera sarà Noemi in Vuoto a perdere. Esibizione buona nel complesso: non sono pochi i momenti del pezzo in cui le due voci si somigliano. Manca però il graffio tipico della cantante romana. Fisicamente non si avverte una netta somiglianza.

Giovanni Vernia questa sera sarà Claudio Baglioni: il cantautore romano oggi sarà imitato per ben due volte, cosa mai successa finora nella storia del programma. Al comico spetta restituire il Baglioni recente. Il brano da cantare è Mille giorni di te e di me. Una prova da ricordare più per la somiglianza fisica che per quella vocale: partenza in difficoltà e anche il prosieguo non è strepitoso pur mantenendo (e non era facile) l’intonazione.

Una delle regine dell’estate musicale, Baby K, è il personaggio assegnato a Guendalina Tavassi. La canzone è Da zero a cento. Buon lavoro dei truccatori, ma la voce traballa e si registra anche qualche stonatura. Un problema con l’auricolare rende più complicata la sua prova, come lei stessa ammette alla fine dell’esibizione. Panariello e Salemme continuano simpaticamente a punzecchiarsi: siparietti che andranno avanti per tutta la serata.

Si torna indietro negli anni ’60: ecco l’omaggio di Massimo Di Cataldo a Jim Morrison, storico frontman dei Doors. Il pezzo da riproporre è Light my fire. Stravolto il vero volto del cantante romano: il lavoro in sede di trucco è a dir poco strabiliaante. Somiglianza fortissima con il modello di riferimento: non male la vocalità, tuttavia meno sporca rispetto all’originale.

Il Claudio Baglioni bis è servito da Antonio Mezzancella. Un Baglioni giovane, come quello di Strada facendo. Il brano risale al 1981, quando il cantautore aveva i capelli lunghi fino alle spalle. Esibizione opposta rispetto a quella di Vernia: la voce è davvero molto rassomigliante a quella dell’originale, mentre nella fisionomia lo ricorda a stento. Meritata standing ovation da parte del pubblico.

Settima concorrente in gara: Vladimir Luxuria, che stasera si trasformerà in Milva. Il brano da cantare è Alexander platz, scritto tra gli altri da Franco Battiato. L’ex onorevole è brava ad entrare nella parte della cantante, ma quanto a voce non ci siamo: si sente principalmente quella di Luxuria. In volto qualche piccola somiglianza si riscontra.

Raimondo Todaro, dopo il poco convincente Michael Bublé di sette giorni fa, stasera diventerà Ricky Martin. Il brano che gli è stato assegnato è un grande successo del 1999 del cantante portoricano, Livin’ la vida loca. Data la sua padronanza con il ballo, la coreografia riesce molto bene. Peccato che la voce non sia un granché, così come la somiglianza fisica.

Ad Andrea Agresti tocca riproporre un pezzo di Mal: Occhi neri occhi neri, del 1969. Come accaduto anche nella scorsa edizione in alcuni casi, l’originale è dietro le quinte ad ascoltare la sua imitazione. La Iena ha qualcosa di somigliante nel fisico all’ex dei Primitives, la voce (davvero molto intonata) mediamente gli si avvicina. I due si incontrano alla fine dell’esibizione e il vero Mal si complimenta per quanto visto. “Siamo uguali, sembra mio figlio“, dice sorridendo.

Compito molto impegnativo per Alessandra Drusian, attualmente seconda in classifica. Dovrà imitare Celine Dion nella celebre My heart will go on, famosissimo pezzo contenuto nel film Titanic. La “Jalissa” confeziona una performance di grande livello, anche se le differenze con l’originale ci sono: imitare, tuttavia, la Dion è impresa quasi impossibile. Benissimo il trucco: due gocce d’acqua con l’originale. Stading ovation per lei.

Alex Britti è il cantante assegnato a Mario Ermito. Il brano da riproporre è Oggi sono io, pubblicato nel 1999. Non buona la resa soprattutto nelle note basse, meglio quando il pezzo si apre e permette al giovane attore di avvicinarsi al cantautore romano. Dal punto di vista fisico non si nota alcuna somiglianza.

Chiusura affidata a Matilde Brandi alle prese con un’artista internazionale: Lady Gaga. La showgirl canta Bad romance. Esibizione simile a quella della Tavassi: la voce ha molte esitazioni sin dalle prime battute. Non è comunque facile conciliare voce e coreografia. Discreta la vicinanza nella fisionomia tra la Brandi e la popstar americana.

Ecco gli accoppiamenti per la prossima settimana: Antonella Elia – Sandra Mondaini (Sbirulino); Roberta Bonanno – Katy Perry; Giovanni Vernia – Mick Jagger; Guendalina Tavassi – Cher; Massimo Di Cataldo – Gianni Morandi; Antonio Mezzancella – Justin Timberlake; Vladimir Luxuria – Renato Zero; Raimondo Todaro – Rocky Roberts; Andrea Agresti – Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale; Alessandra Drusian – Iva Zanicchi; Mario Ermito – Scialpi; Matilde Brandi – Natalie Imbruglia.

Prima di scoprire le classifiche, duetto tra i due Baglioni sulle note di Questo piccolo grande amore dopo la richiesta di Vincenzo Salemme di vederli assieme: ad accompagnarli alla chitarra c’è il maestro Pinuccio Pirazzoli. La “battle” evidenzia ancora una volta l’ottima capacità imitativa di Mezzancella. Giorgio Panariello annuncia di aver ricevuto un messaggio dal vero Baglioni che si è complimentato con entrambi.

Si passa alle votazioni. I tre giudici premiano Antonio Mezzancella. 47 punti per lui, 1 in più di Alessandra Drusian. Nel mentre, Carlo Conti porge un mazzo di fiori a Loretta Goggi: alla mezzanotte scocca il 29 settembre, giorno del suo compleanno. L’artista si commuove e ringrazia il pubblico per gli applausi calorosi che riceve.

Tocca adesso ai concorrenti dare 5 punti ad un collega o a loro stessi. Il vertice della classifica non cambia: vince Antonio Mezzancella con 67 punti. Vittoria risicata: appena 1 punto in più di Alessandra Drusian che chiude a 66. Vernia completa il podio con 45. Ultimi Todaro e Tavassi a 20 punti.

Termina qui la terza puntata. Tale e Quale Show torna venerdì 28 settembre, alle 21.25 circa, su Rai 1.



0 Replies to “Tale e Quale Show | 28 settembre | diretta terza puntata: vince Antonio Mezzancella”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*