C’è posto per 30? | da domenica 7 ottobre su NOVE con Max Giusti


C'è posto per 30? | da domenica 7 ottobre su NOVE con Max Giusti. Otto puntate nel corso delle quali 30 giudici dovranno dare la propria opinione su due ristoratori in gara.


“C’è Posto per 30?”, il nuovo show condotto da Max Giusti arriva in prima serata sul NOVE a partire dal 7 ottobre. L’appuntamento è ogni domenica alle 21:25.Si tratta di otto puntate della durata, ciascuna, di un’ora. Giusti, dopo il flop di Chi ti conosce? tenta la rimonta anche personale.

Il programma prende il posto di ‘O mare mio che è andato in onda per cinque settimane consecutive con Chef Antonino Cannavacciuolo. Viene confermata la volontà del canale del gruppo Discovery di dedicare la fascia del prime time domenicale a programmi di cucina.

C’è posto per 30? | lo schema

Lo schema su cui si basa è il seguente: 30 giudici popolari divisi per 8 tavoli sono chiamati a esprimere il proprio parere sul piacere della buona cucina, o meglio sulle ricette che due ristoratori in gara prepareranno. Ogni tavolo deve esprimere un voto da zero a dieci, per decidere quale ristorante tra due della stessa città è il migliore.

In ogni zona d’Italia, dal più lontano villaggio alla più moderna metropoli, una coppia di ristoratori si mette in competizione. Ognuno di loro è convinto che la propria offerta sia superiore, che il proprio ristorante sia il migliore della zona. Ma chi può stabilire quale sia davvero il migliore tra i due?

Sarà proprio questo il compito di Max Giusti e della sua giuria popolare: al termine di ogni servizio ogni tavolo dovrà esprimere un unico voto da 0 a 10. Il voto deve comprendere una valutazione complessiva su location, cibo, rapporto qualità prezzo. Chi avrà totalizzato il punteggio più alto sarà il migliore.

Max Giusti, il conduttore, moderatore e giudice della sfida, darà il via alla competizione settimanale e approfondirà la conoscenza sia dei concorrenti che dei trenta giurati. Al suo tavolo in ogni puntata saranno seduti lo sfidante, l’esperto di enogastronomia legato al territorio o al tema della puntata, e infine un amico di Max (tra loro vedremo gli attori Giulio Scarpati, Antonello Fassari, la conduttrice Gioia Marzocchi e tanti altri).

La giuria popolare rappresenta le mille sfaccettature della tradizione gastronomica italiana: sapori diversi, modi di rapportarsi con il cibo completamente differenti, trasformando ogni volta l’assaggio in una nuova esperienza.

Le affinità con Alessandro Borghese 4 Ristoranti sono evidenti.

I tavoli saranno composti da

  • gli amici, quattro giovani di Vigevano appassionati di cucina tradizionale, protagonisti di tante serate in trattoria;
  • i pensionati, insieme hanno 280 anni, trascorsi tra i piaceri del gusto e del buon cibo, la loro esperienza è la loro ricchezza;
  • i millenials, la nuova generazione cresciuta sui social, molto attenta all’estetica. Per questi giovani un piatto è una foto in più per i loro followers;
  • i competenti, esperti di alta cucina hanno mangiato nei migliori ristoranti del mondo quindi esigenti per natura;
  • gli stranieri, provengono da posti lontani e differenti, arrivano dall’Irlanda, dalla Cina, da Santo Domingo e dal Senegal, accomunati dalla passione per la cucina italiana;
  • i fidanzati, belli e innamorati anche del piacere di mangiare sano; il dolce è sempre la loro portata preferita;
  • la famiglia Longo, romani, che amano riunirsi e passare il tempo libero a tavola, passione che gli accomuna ma che li porta spesso a scontrarsi, sempre contro il papà;

Il viaggio itinerante del nuovo programma toccherà Parma, Castellina in Chianti, Roma, Milano, Iseo, Ascoli, Altamura e Castellabate. 

“C’è posto per 30?” sarà disponibile anche su Dplay (sul sito dplay.com – o su App Store o Google Play).



0 Replies to “C’è posto per 30? | da domenica 7 ottobre su NOVE con Max Giusti”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*