Fratelli di Crozza | Puntata 26 ottobre 2018 | Diretta


Fratelli di Crozza | Puntata 26 ottobre 2018 | Diretta. Nuova puntata per il one man show del comico genovese dedicato alla satira sull'attualità. Occhio alle maschere dei nuovi protagonisti dell'attualità politica, dal Vicepresidente Di Maio all'immancabile Ministro Tria.


Fratelli di Crozza torna stasera, alle 21:25 su Nove, con la quinta puntata di questa stagione televisiva.
Maurizio Crozza sembra aver trovato la formula giusta anche sul canale di Discovery. La scorsa settimana ha fatto registrare il record di ascolti e i suoi nuovi personaggi sono molto apprezzati dal pubblico.
Un programma che fa satira sull’attualità, non poteva che trovare spunti di livello nella fase politica attuale. È così che i Ministri Toninelli e Tria, Luigi di Maio e Matteo Salvini, sono diventati dei nuovi, imperdibili cavalli di battaglia. Ma attenzione anche alla caricatura del giornalista Vittorio Feltri.

Le prime battute sono tutte per le notizie della settimana. Dal declassamento dell’Italia da parte di Moody’s ai roghi nelle discariche di Milano fino agli allagamenti dopo il nubifragio e al collasso della scala mobile della metropolitana A di Roma.
Poi tocca a Matteo Salvini e Di Maio. In generale, si tratta di satira sui provvedimenti economici del nuovo governo: dietro ogni novità apparentemente rivoluzionaria, si celano non pochi rischi, ambiguità e non pochi potenziali beffe per i cittaidni. L’imitazione del Commissario UE agli affari economici Pierre Moscovici.
In settimana, la Commissione Europea ha bocciato la manovra economica italiana. È la prima volta nella storia dell’Unione. Ora l’Italia ha tre settimane per cambiarla.
Dopo la bocciatura, è accaduto un episodio surreale: l’eurodeputato leghista Angelo Ciocca si è tolto una scarpa ed ha platealmente, a favore di fotografi, lasciato un’impronta sugli appunti del Comissario Moscovici.
Lo sketch riprende questo fatto con un Moscovici a metà tra un maestro di scuola severo e un vecchio zio comprensivo. L’imitazione coglie l’occasione anche per ricordare come Moscovici, da ministro francese provò a sforare i limiti del rapporto deficit/PIL del suo paese.
Si passa a Luigi Di Maio. Crozza elenca tutta una serie di grosse contraddizioni tra le dichiarazioni del Vicepresidente del Consiglio e le decisioni prese finora dal governo. E anche tutte le varie promesse che difficilmente porteranno davvero a qualcosa.
In particolare, torna sul Decreto Genova, in cui era inserito un condono edilizio per l’Isola di Ischia, rispetto  ai quali Di Maio si era sempre dichiarato fermamente contrario.
È il tema da cui parte l’imitazione dello stesso Di Maio. Un’altra carrellata sulle contraddizioni di Di Maio e una caricatura sui trucchetti dialettici con cui ultimamente prova a cavarsela nelle discussioni con chi lo accusa appunto, di essere contraddittorio.
Ancora il condono su Ischia – parlando del quale pochi mesi fa arringava la folla – ma anche l’alleanza con la Lega, negata in molte occasioni. O la minacce di denuncia (poi mai avvenuto) per la “manina” che aveva cambiato di nasocsto il Def e le promesse mirabolanti su miliardi di talgi agli sprechi in pochi giorni. Da Di Maio al Governatore della Campania Vincenzo De Luca. Nei giorni scorsi Di Maio ha abolito la norma che consentiva ad un Presidente di regione di essere anche Commmissario della sanità regionale. Una norma che ha colpito proprio De Luca, in procinto di ricoprire l’incarico in Campania.
Non poteva mancare l’imitazione proprio del Governatore de Luca. Si tratta di una delle caricature più longeve e di successo di Fratelli di Crozza. Probabilmente funziona perché il vero De Luca ha un modo di porsi, di parlare e rapportarsi agli altri che di per sè si presta benissimo.
Beppe Grillo viene definito da Crozza il “padre degli scappati di casa”. Intende che è il padre di un dibattito urlato e sguaiato.
Crozza fa un monologo pe rirprendere la polemica che ha coinvolto Grillo dopo la sua partecipazione alla festa del Movimento 5 Stelle. Il comico era stato criticato per aver fatto battute sugli autistici.
Si è difeso dicendo che la satira non può essere politically correct e tocca anche gli ambiti più scomodi. Crozza si dice d’accordo con lui, ma dice che dovrebbe chiarire quando fa il comico e quando parla da politico, perché il confine è sempre sfumato. “Anche perché la satira è sempre contro il potere di turno. E ora tu in qualche modo Grillo al potere”.
Un inciso anche per Renzi: “I monologhi come quelli che fa Grillo non dovrebbe farli qualcuno impegnato in politica, ma un comico vero, tipo Renzi”.
Ora la caricatura del Ministro Toninelli. Il Ministro è stato protagonista negli ultimi mesi di varie gaffe e momenti di contraddizione in cui diceva cose poco chiare o non realizzabili.
La sua retorica è fatta di promesse mirabolanti, annunci di rivoluzioni nel sistema delle infrastrutture e l’incessante ripetizione del fatto che lui lavora fino a circa 15 ore al giorno.
L’imitazione di stasera ricollega tutto ciò al comizio di Grillo di cui si è parlato in precedenza. Il Ministro Toninelli parla spesso di progetti visionari e rivoluzionari – un po’ come fa Grillo nei suoi interventi pubblici – solo che spesso si fa prendere la mano.
Il video-editoriale di Vittorio Feltri. Commenta la nuova legge sulla legittima difesa.
Va detto che la maschera di Feltri – già apprezzata dal pubblico di Fratelli di Crozza – si va perfezionando nel tempo e funziona sempre di più. Forse dipende anche dal fatto che il giornalista, negli ultimi tempi, ha accentuato drasticamente alcuni suoi tratti peculiari – soprattutto l’eloquio irriverente, cinico e scorretto – facendone già lui stesso una sorta di caricatura.
Pausa dalla politica per parlare di Chiara Ferragni e Fedez. La famosissima fashion blogger e imprenditrice ha organizzato una festa per suo marito – il rapper Fedez – in un supermercato. Solo che le immagini dalla festa, rigorosamente postate sui social network, hanno mostrato sprechi di cibo che hanno attirato molte critiche alla coppia.
Poi i Ferragnez – questo il nome che la coppia si è data dopo il matrimonio – si sono scusati, dicendo che il cibo sarebbe stato dato in beneficenza. Solo che alcune telecamere hanno ripreso il momento in cui veniva “impacchettata” la versione con cui la coppia doveva scusarsi.
Maurizio Crozza è critico nei confronti della coppia, non tanto (o non solo) per gli sprechi, quanto per gli atteggiamenti infantili durante la festa.
E si traforma in Leone, il figlio di Fedez e della Ferragni, chiedendosi dov’è mentre i genitori fanno le loro comparse pubbliche.

La puntata di Fratelli di Crozza finisce qui.



0 Replies to “Fratelli di Crozza | Puntata 26 ottobre 2018 | Diretta”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*