Alla lavagna |prima puntata| Salvini: “Voglio che tutti rispettino le regole”


Debutta Alla lavagna, programma che porta vip e politici tra i banchi di scuola. Primo ospite Matteo Salvini


Questa sera, 12 novembre, alle ore 20.15 su Rai 3 andrà in onda la prima puntata di Alla lavagna. Il nuovo programma della terza rete riporterà tra i banchi di scuola vip e politici e li sottoporrà ad un fuoco di domande da parte dei bimbi. Sarà divertente vederli con gli occhi dei piccoli cittadini del mondo. Ospite di stasera: Matteo Salvini.

A tra poco con la diretta.

Inizia il programma. I bambini scoprono chi sarà il primo ospite che farà loro visita. Inizialmente non sanno il suo nome ma vedono solo una sua foto. Piano piano vengono a conoscenza della sua identità e della sua storia.

Arriva Salvini in classe. “E’ pronto a rispondere a tutte le nostre domande?” – gli domandano. Afferma di sì ed inizia a sottoporsi al fuoco di domande.

Si parla di fake news. “Dovete crescere curiosi, ma sappiate che qualche bugia scappa. Una bugia o una copiatina ogni tanto ci sta. Basta che pensiate sempre con la vostra testa”. 

Salvini parla poi ai bimbi della diminuzione della natalità e del fatto che ormai sono in molti ad essere figli unici.

Si parla poi di bullismo a scuola e dei piani che il politico ha per risolvere questo problema. “Bisogna aiutare i maestri e le maestre. Ai miei tempi ciò che dicevano i maestri era sacro. I miei genitori si sarebbero molto arrabbiati se avessero saputo che mi ero comportato male. Oggi invece i genitori se la prendono con le maestre e tolgono loro il ruolo di insegnamento. Anche questa è violenza”.

I bimbi gli domandano poi cosa non farebbe mai. “Una cosa che non farei mai è tradire la fiducia di un amico. In amore lo vedrete, può andare bene o male, ma gli amici no. Tradire l’amicizia è una cosa brutta. Bisogna portarseli dai 10 ai 100 anni”.

E’ il momento della prova a sorpresa. Salvini da piccolo era appassionato di televisione ed ha preso parte ad alcuni quiz. I bimbi gli hanno preparato una serie di domande su sigle tv ed il politico deve indovinarne il cantante.

Non si dimostra preparatissimo, ma si diverte molto a guardare i bambini che ballano.

“Cosa ho vinto?” – chiede Salvini al termine del gioco. Un applauso ed un 110 e lode (non meritatissimo) sono il suo premio.

Il politico rivela di avere una grande passione per i calzini dalle fantasie particolari: cerchi, righe, paperelle…chi più ne ha più ne metta.

Si parla di paura. “Non ho paura, ma quando ho delle sfide importanti – anche stamattina ad esempio – ho curiosità, tensione. Prima di un esame all’università, prima di un colloquio, prima di una scelta importante, ho sempre avuto un po’ di preoccupazione”.

“Chi urla è cattivo?” – gli domandano. “No chi urla spesso ha solo bisogno di essere ascoltato” – risponde.

Inevitabile la domanda sulla diversità razziale ed il razzismo. “Siamo tutti uguali: bianchi, neri, gialli, verdi, blu. Ma voglio che tutti rispettino le regole” – dichiara Salvini.

“SOVRANISMO”  è la parola che il politico deve scrivere alla lavagna. I bimbi gli chiedono di spiegarne loro il significato in 60 secondi. “Faccio un esempio partendo da questa classe. La decisione deve spettare a ciascuno di voi. L’Europa è come una classe con 27 alunni. Sovranismo significa che nella classe-Europa si discute, si ragiona tutti insieme, ma alla fine a decidere del futuro e della vita sono i singoli individui”.

Si scatta poi la foto di classe insieme a Salvini. I bambini sono rimasti stupiti, pensavano fosse “più antipatico”. Il politico è rimasto colpito a sua volta dai cittadini di domani.

La puntata termina qui.



0 Replies to “Alla lavagna |prima puntata| Salvini: “Voglio che tutti rispettino le regole””

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*