Prodigi – la musica è vita | il 30 novembre su Rai 1 con Insinna e Nathalie Guetta


Prodigi- la musica è vita | il 30 novembre su Rai 1 con Insinna e Nathalie Guetta. Il programma di solidarietà viene trasmesso per il terzo anno e premia il talento dei piccoli partecipanti.


Torna anche quest’anno su Rai 1 la serata dedicata all’ Unicef ed al talento dei piccoli protagonisti. Si tratta di giovani cantanti, ballerini e musicisti che partecipano al programma dal titolo Prodigi- la musica è vita.

L’appuntamento è fissato per il 30 novembre sulla rete diretta da Angelo Teodoli che trasmette per il terzo anno consecutivo il programma.

Quest’anno al timone ci saranno Nathalie Guetta e Flavio Insinna. L’attrice, divenuta popolare in Italia per il ruolo di perpetua nella serie Don Matteo, è così alla sua prima esperienza come conduttrice in un programma importante di Rai 1. Anche Insinna è legato alla serie perchè nelle prime stagioni ha interpretato il capitano Anceschi.

Come sappiamo il programma è realizzato in collaborazione con L’Unicef e Flavio Insinna era stato già conduttore lo scorso anno insieme ad Anna Valle.

Tra gli esperti che faranno parte della giuria di qualità ci sono Pippo Baudo, Beppe Vessicchio, Daniel Ezralow e Serena Autieri. Saranno loro a valutare il talento dei giovani partecipanti e decidere chi passa le varie fasi della gara per essere poi proclamato vincitore.

Ma non basta: tra gli ospiti della serata ci sono anche Nino Frassica, il maresciallo Cecchini di don Matteo, Raimondo Todaro e Geppi Cucciari che sono gli ambasciatori dell’Unicef insieme a Beppe Vessicchio. Saranno quindi nove i ragazzi che si esibiranno nel corso della serata ma oltre le canzoni c’è anche un vero e proprio spaccato di vita.

Infatti vengono raccontate difficili storie di vita vissute in molte parti del mondo come ad esempio nella Repubblica Domenicana del Congo. Qui viene raccontata l’iniziativa di pace dedicata ai bambini ex guerrieri, a bambini di grande fragilità e vulnerabilità ed a ragazze vittime di violenza.

Ascolteremo e apprezzeremo anche il piccolo Josuè che viene dal Venezuela: orfano di padre è riuscito grazie ai sacrifici della madre della nonna a studiare e suonare il mandolino. C’è un numero solidale ogni anno con il quale i telespettatori che vorranno potranno fare la propria offerta.

Ed ecco chi sono i nuovi talenti che si esibiranno.

Nella categoria dei ballerini ci sono: Anita Scaravaggi 12 anni dalla provincia di Mantova, Giuseppe Scaramuzzi 16 anni dalla provincia di Napoli Michela Caprarulo 14 anni dalla provincia di Milano.

I cantanti sono: Giorgia Romano 15 anni di Roma, Giulia Golia 12 anni dalla provincia di Frosinone e Silvia Zappa 16 anni di Trieste.

Infine i musicisti sono: Michele Santaniello 16 anni dalla provincia di Avellino, Joseph D’Urso 11 anni dalla provincia di Brindisi e Carlo Mistretta 13 anni dalla provincia di Caltanissetta.



2 Replies to “Prodigi – la musica è vita | il 30 novembre su Rai 1 con Insinna e Nathalie Guetta”

  • Maria Rosaria Caracciolo di Torchiarolo

    Orgogliosa di vedere sul palco di Prodigi Una Stella Giulia Golia 12 Anni della Caracciolo Academy Musical School Roma interpretare straordinariamente Cantando Ballando e recitando il ruolo di”Mary Poppins Bravissima Giulia e Complimenti ai genitori per la fiducia nella Caracciolo Management.Ci vediamo su Rai 1 per aiutare l’Unicef 30 Novembre Prima serata.

  • Claudio Monteverdi

    Sarei stato orgoglioso anch’io di vedere mia figlia , senza alcun appoggio di management vari alle spalle ma unicamente per le sue capacità (provate a vedere su youtube questo video https://youtu.be/kSCfDQ2Prag tenendo conto anche che chi dirigeva l’orchestra è un 4 volte campione del mondo di fisarmonica,e non di musica folk…) , nel dare il suo contributo ad una trasmissione del genere. Purtroppo ho capito tardi che senza tali “appoggi” sulle spalle certi risultati non si possono ottenere , e a nulla sono valsi , per una famiglia “qualunque” , 3 mesi di sacrifici e di preparazione su un brano commissionato proprio dalla stessa produzione…peccato. Peccato anche perchè , avendo una impostazione lirica(RICHIESTA DA LORO!) , mia figlia si era preparata solo su questo genere trascurando la parte pop che poi le è stato chiesto di fare in sede di audizione (ma perchè??). Ovviamente mia figlia , avendo perseguito solo quel tipo di preparazione , è stata coerente con se stessa e non ha eseguito alcun brano pop (pur avendone capacità…) e questo sembra averla penalizzata al punto di escluderla…Dispiace dirlo , e se di primo impatto può sembrare il “solito” lamento di un genitore ferito che non avrebbe avuto modo di esistere se di fronte si avevano validi elementi con cui contendere, di “prodigi” , soprattutto nel canto, non sembra proprio esserci granchè, ma solo scena…Discorso a parte per alcuni musicisti che mi sono sembrati davvero in gamba, e sembra che su di loro la scelta sia stata più oculata, ma in fondo anche l’anno scorso c’erano degli ottimi ragazzi musicisti e la vittoria è andata ad un Marco Boni che di prodigio aveva forse solo il …manager…Ma esiste la meritocrazia?? che ingenuone che sono…! Comunque buona visione e che vinca davvero il migliore!

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*