Voyager- ai confini della conoscenza, Giacobbo e il tesoro di Alarico


Roberto Giacobbo torna questa sera su Rai 2 al timone di Voyager- ai confini della conoscenza. L'appuntamento è in prime time con una puntata tutta dedicata alle storie e alle leggende del Sud. In particolare Giacobbo inizia il programma recandosi al Santuario di San Michele Arcangelo nel Gargano in Puglia.


 Roberto Giacobbo torna questa sera su Rai 2 al timone di Voyager- ai confini della conoscenza. L’appuntamento è in prime time con una puntata tutta dedicata alle storie e alle leggende del Sud. In particolare Giacobbo inizia il programma recandosi al Santuario di San Michele Arcangelo nel Gargano in Puglia.

È questo il punto di partenza della trasmissione che affronterà uno dei misteri, secondo il conduttore, più interessanti di tutta la storia del meridione d’Italia.

{module Pubblicità dentro articolo}

 Giacobbo andrà a visitare il Teatro Petruzzelli di Bari che fu distrutto nell’incendio dell’ottobre 1991 e, successivamente, ricostruito. Nel corso dei lavori di ricostruzione venne alla luce una stanza, forse classificabile meglio come grotta, della quale si ignorava in precedenza l’esistenza.

Questo luogo era legato al famoso re Alarico che fuggì da Roma nel 410 dopo Cristo con un bottino ricchissimo. Alarico è stato Re dei Visigoti dal 395 al 410, data della sua morte.

Il programma va alla ricerca della verità nella leggenda e nel fantastico che circondano questa grotta e la sepoltura del re. Verrà portata alla ribalta il mito di Alarico che, tra l’altro, è al centro di un ampio progetto turistico- culturale promosso dalle amministrazioni locali per valorizzare la zona e fa conoscere questo importante sovrano. 

La stanza che è difficilmente accessibile è stata oggetto anche di inchieste che riguardano quello che potrebbe essere il più grande tesoro della storia, proprio il tesoro di Alarico. Si tratta di una leggenda? Il lavoro degli autori di Voyager cercherà di far luce su questo fatto che ha, da tempo, attirato l’attenzione dei media.

il tesoro di alarico
Roberto Giacobbo prosegue il suo viaggio nelle storie nelle leggende del Sud.

In particolare il conduttore andrà alla ricerca di una civiltà antecedente alla dominazione greco-romana che addirittura era in grado di calcolare i cicli delle stagioni attraverso i fenomeni astronomici.

E naturalmente non può mancare il viaggio di Giacobbe in elicottero. Questa volta il conduttore sale su un veicolo del Corpo Forestale dello Stato: l’obiettivo è indagare su un sito dove sembra che uomini e dinosauri possano aver avuto una convivenza addirittura pacifica. Naturalmente sembra una teoria impossibile ma potrebbe essere convalidata da alcuni manufatti rinvenuti in alcune parti del mondo, afferma Giacobbo.


Giacobbo parlerà di un reperto conservato in un museo privato calabrese chiamato Sauro di Grifalco. Secondo teorie, i sauri si sarebbero estinti 65 milioni di anni fa ma c’è chi sostiene anche tesi differenti. Ed è proprio di questo che si occuperà Giacobbo. Naturalmente il mistero, al limite spesso anche del paranormale, è sempre presente nelle puntate di Voyager.

Questa sera si parla anche della reincarnazione e di una storia che arriva da oltreoceano: qui un giovane dal nome James Leininger racconta di aver vissuto una vita precedente nel corso della quale è stato un pilota durante la seconda guerra mondiale.



0 Replies to “Voyager- ai confini della conoscenza, Giacobbo e il tesoro di Alarico”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*