La Corrida 2019 | diretta 12 aprile | Vince Riccardo Termini


La Corrida 2019 | puntata 12 aprile in diretta. Tutte le esibizioni della terza puntata nel programma condotto da Carlo Conti affiancato dalla valletta Ludovica Caramis su Rai1.


Torna questa sera Carlo Conti al timone della quarta puntata dello show portato al successo da Corrado Mantoni. I dilettanti allo sbaraglio si presentano sul palcoscenico e si sottopongono al giudizio di un pubblico implacabile e severo che li premia, oppure li boccia, a suon di applausi e campanacci.

A tra poco con la diretta.

Inizia il programma. Concorrenti e pubblico fanno il giuramento. Tutto è pronto, si può iniziare!

Nel frattempo in sala prove i ballerini allo sbaraglio – scelti in precedenza – si stanno esercitando.

Carlo Conti sceglie la valletta di stasera. La signora Rosa è vestita per l’appunto di rosa ed accetta l’incarico con un gran sorriso. E’ di Scafati di Pompei, è una casalinga e cucina molto bene il ragù.

Il primo concorrente è Daniele Costa. Viene da Palermo, suona il tamburo e sa riprodurre i suoni. Ogni anno ha un nuovo numero fortunato. Questo anno è il 7 perchè è nato nel 1987 e nel 1917 c’è stata un’apparizione della Madonna.

Stasera imita il suono dei fuochi d’artificio ed i rumori che possono popolare un villaggio nel corso di uno spettacolo pirotecnico (cane, allarme della machina, sirena dei vigili del fuoco, ecc).

La perplessità supera la risata, però è simpatico. Il pubblico boccia la sua esibizione, ma apprezza il personaggio.

Davide, un ragazzo del pubblico, tenta di eguagliarlo senza troppo successo.

E’ poi il momento di Romina Reggini, una contabile dell’azienda di Valentino Rossi. Romina ama cantare e si è esibita anche alla cena di Natale aziendale. Si definisce orgogliosamente gattara.

Stasera canta “Nessun dorma”, ma i suoi acuti da soprano sembrano spiazzare l’orchestra. Si interrompe momentaneamente l’esibizione, Romina chiede di far finire la canzone prima di dare il verdetto. Rinizia da capo ed i decibel salgono alle stelle. Nessuno riuscirebbe a dormire con questa ninna nanna, ne siamo certi. Anche il pubblico concorda (e suona i campanacci).

Il terzo concorrente è Raffaele Tolomeo. Vive a Pollica, ringrazia il comandante dei Carabinieri del suo paese per avergli prestato i pantaloni, sprona i telespettatori ad amare la Repubblica e saluta Mattarella.

Raffaele è travestito da Garibaldi e stasera racconta la storia della Rai. Il pubblico apprezza, ma non abbastanza.

Rita Palange è una fiorentina di origini molisane appassionata di Gianna Nannini. Stasera canta proprio uno dei suoi brani più celebri, “Meravigliosa creatura”.

E’ visibilmente emozionata e questo penalizza forse un po’ la sua esibizione, ma è decisamente apprezzabile. Il pubblico apprezza e la promuove.

Luciano D’Onofrio è un “plurinonno”, campione di bocce, di Roma – del quartiere Tor Marancia. E’ anche ventriloquo e stasera farà parlare il suo “amico di pezza”.

Imita voci e versi di animali. Simpatico, ma senza esagerare. Promosso per la dolcezza, ma non arriva in finale.

E’ poi il momento di Monica. Single che cerca l’uomo giusto. Stasera canta “Un’emozione da poco” di Anna Oxa.

E’ terrorizzata poverina e sbaglia l’attacco. L’orchestra si ferma e poi rinizia da capo. Il secondo tentativo non va meglio purtroppo, l’agitazione è troppa. Prova fallita.

Pasquale Ciffolilli ha 77 anni, è emigrato in Australia per 10 anni e poi, una volta tornato in Italia, si è sposato ed ha fatto l’imbianchino per 43 anni.

Stasera balla il Gangnam Style. E’ stupefacente quanto sia sciolto ed agile per la sua età. Simpatico e bravo, buona performance!

Il pubblico lo promuove e balla con lui. Il suo entusiasmo scalda l’atmosfera in sala. Anche Carlo, Ludovica e Rosa si esibiscono con lui. Va in finale.

E’ poi il momento di Natale Giuffrè, un fan sfegatato di Claudio Villa da quando aveva solo 14 anni. Il suo brano preferito è “Mattinata fiorentina”, ma stasera canta “Binario”.

La grinta non gli manca, la voce non è male, con l’intonazione proprio non ci siamo. La performance nell’insieme non convince.

Il concorrente successivo, Riccardo Termini, è bravissimo a suonare il flauto, li crea lui stesso, e ne regala uno a Carlo. Ne costruisce di diverso tipo e con diversi materiali. Stasera ne suona uno creato con il cioccolato.

Incredibilmente bravo. Un musicista talentuosissimo, spigliato e padrone dello strumento. Ci si dimentica che sta suonando del cioccolato, ma a fine performance Riccardo mangia il suo flauto.

Il pubblico lo promuove e va in finale. Carlo propone un bis, Riccardo si esibisce suonando tre flauti contemporaneamente.

La concorrente successiva è Lucia Barbanera. Stasera balla una sensuale coreografia sulle note di un brano di Anastacia. Apprezzabile la grinta, la positività e la voglia di divertirsi. Memorabile la giravolta a 360 gradi coi capelli. La performance nell’insieme è però senza infamia e senza lode. Il pubblico è diviso. Non passa.

L’undicesimo concorrente è Nazareno Carchidi, un cantautore che presenta un suo inedito: “La castità”. Il brano è ironico al punto giusto e fa sorridere, lui è abbastanza intonato e si accompagna suonando. Non male. Il ritornello rimane in testa e si fa cantare. L’orchestra apprezza, il pubblico meno. Non passa.

La Lion’s Kangoo Team è una squadra di ballerine-atlete che danzano con il Kangoo Jump. L’outfit in stile cheerleader preannunciava la coreografia, che risulta però più energica del previsto. Questa danza è effettivamente molto vicina alla ginnastica, risulta quindi meno armoniosa da vedere, ma comunque gradevole. Esibizione all’insegna del girl power. Il team conquista il pubblico ed arriva in finale.

Pier Vincenzo Angelini è fan di Elvis ed è vestito come lui. Dopo aver fatto sorridere con qualche battuta e barzelletta, canta “Le scarpe di camoscio blu”, “Blue suede shoes”. La performance non è sgradevole, ma il pubblico non sembra gradire e suona coprendone la voce.

Pier Vincenzo la prende con ironia, confessa di aver cantato in “inglese maccheronico” e rinizia poi a regalare battute come se non ci fosse un domani.

Gina Chiarlitti viene da Strangolagalli ed è appassionata di danza tradizionale. Stasera canta il salterello, ballo tipico della Ciociaria. Davvero carina e gioiosa, Gina mette allegria. Il pubblico non capisce pienamente la performance e la boccia.

Il quindicesimo concorrente è Patrizio Sciroli. E’ un atleta che ha ottenuto due Guinness world record riconosciuti. La sua disciplina è lo spinning acrobatico. Si vede che per lui è una vera passione, ci mette tutta l’energia che ha. Sembra quasi un cowboy in sella al proprio cavallo. Il pubblico apprezza, va in finale.

E’ poi il momento di Enrico Strano. Il suo nome d’arte è Enrico Jaguar, dal giaguaro – animale simbolo di coraggio e forza. Il suo sogno è cantare a Sanremo con Jovanotti e J-Ax. Suona il tamburo e canta rappando. Stasera si esibisce in un mashup di brani di Ranieri, “Perdere l’amore” e “Rose rosse”.

Straniante, ma – perdonateci, sarà a causa della tarda ora – a tratti apprezzabile. Il pubblico però lo boccia.

Si esibisce il corpo di ballo, che mostra la coreografia che è poi eseguita dai ballerini allo sbaraglio.

Tratti dal musical Chicago, i movimenti sono difficili e sensuali, ma tutto sommato i danzatori non professionisti non se la cavano male.

Carlo congeda Rosa, la valletta.

E’ poi il momento per i finalisti (Rita, Raffaele, Riccardo, Lion’s Kangoo Team, Pasquale, Patrizio) di tornare sul palco. Vince Riccardo.



0 Replies to “La Corrida 2019 | diretta 12 aprile | Vince Riccardo Termini”

Lascia un commento

Riempi tutti i campi per lasciare un tuo commento. Il tuo indirizzo non verrà pubblicato

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*